Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
News Astronomia Mingus, la supernova più distante scoperta finora, le nuove stime d'impatto di Apophis e le nuove scoperte di ALMA

Nuku Hiva ed il mistero delle raffigurazioni in pietra degli "antichi visitatori" non umani

Senza dubbio, il significato originale e lo scopo di una grande quantità di opere d’arte preistoriche sfugge alla nostra comprensione. Spesso, quello che era stato considerato come il frutto d...

Il mistero della nave fantasma Mary Celeste

Nel pomeriggio del 5 dicembre 1872 la nave inglese “Dei Gratia” incrociava un brigantino a due alberi che seguiva una rotta erratica nel nord dell'oceano Atlantico, fra le isole Azzorre e la costa d...

L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler

La distribuzione in massa delle stelle è chiamata Funzione Iniziale di Massa (IMF è l’acronimo inglese) ed è una caratteristica importante di tutte le galassie, non solo della nostra. Derivare la ...

La futura interazione tra macchina e cervello

La fantascienza cyberpunk degli anni ottanta raccontava di «impianti neurali» che connettevano il cervello a un dispositivo informatico. L’attore Keanu Reeves, protagonista di Johnny Mnemonic (1995)...

L'incredibile "patto scellerato" fatto dagli americani con gli alieni

Nel 1947 il Presidente Truman istituì il gruppo super-segreto MJ-12, formato dall'entourage scientifico-militare dell'epoca. Sebbene esso esista ancora oggi, nessuno dei membri originari è ancora ...

I nuovi motori ionici, il ghiaccio marziano e l'esperimento Mars500

Se un giorno sonde e astronavi potranno viaggiare più a lungo, potrebbe essere merito di Charles Darwin. Ispirandosi al suo modello di selezione naturale, è infatti stato creato un software che sta...

  • Nuku Hiva ed il mistero delle raffigurazioni in pietra degli "antichi visitatori" non umani


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il mistero della nave fantasma Mary Celeste


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler


    Publish In: News Astronomia
  • La futura interazione tra macchina e cervello


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incredibile "patto scellerato" fatto dagli americani con gli alieni


    Publish In: Le Prove
  • I nuovi motori ionici, il ghiaccio marziano e l'esperimento Mars500


    Publish In: News Astronomia

Mingus, la supernova più distante scoperta finora, le nuove stime d'impatto di Apophis e le nuove scoperte di ALMA

Si chiama Mingus, in onore del musicista jazz Charles Mingus, ed è una tra le supernovae più lontane mai scoperte finora. Le supernovae sono stelle che al termine dela loro evoluzione esplodono in modo violento. Mingus è tra le più lontane mai individuate, ad oltre dieci miliardi di anni luce di distanza. Averla scoperta è come aver visto una lucciola lontana 5.000 chilometri. In realtà la supernova non è stata vista ma trovata analizzando alcune immagini dell’Universo lontano ottenute nel 2004 dal telescopio spaziale Hubble. All’epoca non si aveva la certezza della sua vera natura. Si è così dovuto attendere il 2009, quando una nuova camera è stata montata a bordo di Hubble. A quel punto il telescopio spaziale è tornato a osservare in quella direzione, fornendo immagini più dettagliate rispetto alle precedenti. Immagini che hanno confermato che laggiù era esplosa una stella. Mingus è un tipo di supernova che permette di calcolarne la distanza con buona precisione. Più supernovae così scopriremo, più riusciremo a calcolare quanto variano con il tempo le distanze nell’Universo. Al momento sembra che lo spazio si stia espandendo sempre più velocemente, come fosse gonfiato da una misteriosa energia oscura che però nessuno riesce a individuare. Ma che l’Universo stia accelerando la sua espansione è una conclusione che si basa sulle misure delle distanze degli oggetti celesti più lontani. E’quindi necessario che queste misure siano le più accurate possibili e supernovae come la Mingus sono e saranno ciò che serve per raggiungere la massima precisione possibile.

UNO SGUARDO AD APOPHIS


La sua scoperta, avvenuta nel 2004, aveva suscitato più di qualche preoccupazione visto che, stando ai primi calcoli, avrebbe potuto diventare una minaccia per il nostro pianeta. Si tratta dell’asteroide Apophis che molto ha fatto parlare di sé: nel 2029 e poi, ancora, nel 2036 passerà nelle vicinanze.  Inizialmente la probabilità di un impatto con la Terra, nel 2029, era stimata intorno a un poco rassicurante 2,7%. Osservazioni successive hanno permesso di determinare con più precisione i parametri orbitali e, ad oggi, la catastrofica possibilità è del tutto esclusa. Anche per il 2036 dovremmo poter stare tranquilli: Apophis  passerà vicino e i dati raccolti recentemente dal telescopio spaziale Herschel ci permetteranno di stabilire quanto.  Il telescopio orbitante ha infatti dato un’occhiata all’oggetto la cui orbita, nei giorni scorsi, lo ha portato a circa 15 milioni di Km dalla Terra offrendoci la possibilità di osservarlo meglio.  È stato anche possibile stabilire che le dimensioni dell’oggetto sono maggiori rispetto a quelle stimate: 325 metri contro i 270 calcolati in precedenza. Un grosso sasso che ci auguriamo rimanga alla larga.

DOVE NASCONO I GIGANTI
ALMA, la grande rete di radiotelescopi che si trova nel deserto di Atacama, in Cile, non delude le aspettative: la dimostrazione più recente è quanto ha scoperto intorno a una stella a 450 anni luce. La stella è circondata da un disco di gas e polveri. Di casi simili ne sono stati osservati molti: a partire da quel disco si formeranno dei pianeti. Il primato di ALMA consiste nell’aver individuato le prove che intorno a HD 142527, questo il nome della stella, si stanno effettivamente formando dei pianeti giganti. Il disco, infatti, presenta al suo interno una regione meno densa di materiale, un anello di spazio che con tutta probabilità viene ripulito da pianeti in formazione che stanno accumulando su di sé il materiale del disco. ALMA ha individuato anche correnti gas che si muovono in questa zona discontinua. Si tratta delle prime osservazioni dirette di un disco protoplanetario in questa fase della propria evoluzione, con le correnti che si ritiene siano strettamente  legate al processo di crescita dei pianeti giganti.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit