Text Size
Venerdì, Maggio 25, 2018
News Astronomia Il motore spaziale a reazione nucleare , l'asteroide Toutatis 4179 e la prima foto HD del fiume di Titano

La cometa che potrebbe colpire Marte, l'oceano di acqua salata di Europa e la cometa visibile C/2011 L4 Pan-STARRS

Una cometa potrebbe colpire Marte nel 2014. Ma attenzione: la probabilità è bassissima, appena lo 0,1%. Secondo gli ultimi calcoli sembra infatti che la cometa si limiterà a passare vicino al pian...

In arrivo il cellulare emozionale,l'ultima frontiera della telefonia

L'ultima frontiera della telefonia è il cellulare emozionale, un apparecchio sviluppato dall'Università delle Arti di Berlino, in grado di simulare grazie a dei sensori l'intensità di una stretta di...

Secondo le informazioni riservate raccolte da Luca Scantamburlo, l'uomo è già stato su Marte

Secondo alcune informazioni riservate raccolte da Luca Scantamburlo – scrittore e ricercatore freelance, la NASA nel 1970 avrebbe organizzato ben due missioni segrete su Marte in collaborazione con...

Oak Island e il tesoro nascosto dei templari

Oak Island, letteralmente "l'isola della quercia", è una piccola isola ...

I ricercatori e la loro previsione di come sarà il futuro tra 30 anni

DOC E MARTY protagonisti di "Ritorno al futuro II" decisero di approdare proprio al 21 ottobre 2015. Come sarà l'Italia tra altri 30 anni? Secondo Roberto Paura, presidente dell'Italian Istitute for...

Herschel e Planck a caccia del Big Bang

In orbita, dopo diversi ritardi, i satelliti Herschel e Planck di progettazione europea (ESA).Herschel, così nominato in onore dell’astronomo Sir Frederick William Herschel (1738-1822), è un telescopi...

  • La cometa che potrebbe colpire Marte, l'oceano di acqua salata di Europa e la cometa visibile C/2011 L4 Pan-STARRS


    Publish In: News Astronomia
  • In arrivo il cellulare emozionale,l'ultima frontiera della telefonia


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Secondo le informazioni riservate raccolte da Luca Scantamburlo, l'uomo è già stato su Marte


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Oak Island e il tesoro nascosto dei templari


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I ricercatori e la loro previsione di come sarà il futuro tra 30 anni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Herschel e Planck a caccia del Big Bang


    Publish In: Tecnologia Spaziale

Il motore spaziale a reazione nucleare , l'asteroide Toutatis 4179 e la prima foto HD del fiume di Titano

Un motore a reazione nucleare potrebbe cambiare il futuro delle missioni spaziali. Non sarà una vera rivoluzione ma un importante passo in avanti per l’esplorazione delle regioni più lontane del nostro sistema Solare. Testato nei laboratori della NASA di Los Alamos, il motore si basa su un sistema a fissione nucleare. Va detto che l’energia prodotta per ora non è molta. Il prototipo produce 24 watt di potenza, contro i 700 watt richiesti dalle sonde. E’ però un risultato incoraggiante, che potrà essere migliorato nei prossimi test. Realizzare un motore come questo permetterebbe alle sonde di non dipendere più dai pannelli a energia solare. Quando ci si allontana dal Sole, in particolare superata l’orbita di Marte, i pannelli solari non riescono più a raccogliere energia sufficiente per le variazioni di rotta. E’ quindi necessario ricorrere ad altri sistemi. Il motore a fissione è una delle soluzioni sotto studio. Se nei prossimi anni riuscirà a raggiungere i livelli di potenza richiesti, potrebbe diventare il motore del futuro.

TUTTI PER TOUTATIS


È passato, ma è un visitatore ricorrente: torna dalle nostre parti ogni 4 anni e quindi ne sentiremo ancora parlare. Si tratta dell’asteroide Toutatis, un grosso pezzo di roccia, lungo circa 4 Km e mezzo, che il 12 dicembre scorso ha raggiunto la sua minima distanza dal nostro pianeta. Le sue dimensioni non sono certo quelle di un sassolino: per la Terra un eventuale impatto con un oggetto simile avrebbe conseguenze catastrofiche. Non a caso Toutais è noto come uno dei più grandi asteroidi potenzialmente pericolosi ed è tenuto sotto stretta osservazione. Ci rassicura il fatto che nel momento in cui è venuto a trovarsi più vicino a noi, il 12 dicembre appunto, si trovava a una distanza di circa 7 milioni di Km, circa 18 volte quella che ci separa dalla Luna, una cifra alquanto rassicurante. Nessun timore quindi, ma tanta curiosità che ha spinto molti appassionati del cielo a osservare questo passaggio con telescopi amatoriali. Gli astronomi hanno colto l’occasione per calcolare con maggior precisione l’orbita dell’oggetto in vista dei futuri passaggi che, in ogni caso, non saranno motivo di preoccupazione. Nelle prossime centinaia di anni, Toutatis sarà un visitatore innocuo e i nuovi dati permetteranno di fare previsioni ancora più accurate su un periodo di tempo ancora più lungo.

UN FIUME NILO PICCOLO E NERO
Foce a delta o a estuario? A questa classica domanda da interrogazione di geografia si potrebbe rispondere anche guardando l’immagine di un fiume che non si trova nei libri di testo. L’immagine è stata ottenuta dalla sonda Cassini e il fiume si trova sulla superficie di Titano, la più grande fra le lune di Saturno. Ma a differenza dei fiumi terrestri, qui, per circa 400 Km, scorrono idrocarburi liquidi: etano e metano. Vediamo un fiume scuro in una immagine ad alta risoluzione come non se ne sono mai ottenute prima: mai, prima d’ora, era stato possibile vedere un sistema fluviale così esteso su una superficie che non è quella della Terra. L’immagine, ottenuta con la tecnica radar, è stata realizzata lo scorso 26 settembre: il fiume è molto più corto del nostro Nilo, ma in qualche modo ce lo ricorda.

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit