Text Size
Venerdì, Novembre 24, 2017
News Astronomia Il pianeta nano Makemake, il buco nero della nostra galassia ed i vuoti cosmici per l'energia oscura

Il mistero dell'energia gratuita che ci tengono nascosta

Nell’Inverno del 1976 il governo italiano autorizzò il professor Ezio Clementel, presidente del CNEN (Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare), ad effettuare una serie di esperimenti per veri...

Le antiche statuette di Acambaro che pongono tanti interrogativi

L'autenticità dei ritrovamenti di Julsrud fu messa in discussione in quanto l'enorme collezione includeva dei dinosauri; la maggior parte degli archeologi ritiene che i dinosauri siano estinti da 65 m...

Le caratteristiche dei rapimenti alieni investigate da Karla Turner

Il dott. Jacques Vallee ha più volte sottolineato delle similitudini che esistono tra i racconti di esperienze ufologiche e di rapimento alieno e i racconti del folklore popolare e le favole. Io n...

L'Area 51

L' Area 51 è parte di una vasta zona militare (la Nellis Air Force Base) operativa di 26.000 km2, situata vicino al villaggio di Cuneo a circa 150 km a nord-ovest di Las Vegas, nel sud dello stato sta...

Continente Perduto Mu

La storia affascinante del continente perduto Mu in cui viveva la terza razza umana, la quale aveva raggiunto un evoluzione fisica, psichica e spirituale molto più alta rispetto a noi.Un popolo che ri...

Il pesce che vive più in profondità e l'incredibilite scoperta dell'età della visione a colori

LONDRA - Un pesce spettrale mai visto prima, con la coda e le pinne trasparenti che fluttuano nell'acqua come entità soprannaturali. L'hanno scoperto i ricercatori dell'Università di Aberdeen, ne...

  • Il mistero dell'energia gratuita che ci tengono nascosta


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le antiche statuette di Acambaro che pongono tanti interrogativi


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Le caratteristiche dei rapimenti alieni investigate da Karla Turner


    Publish In: Le Prove
  • L'Area 51


    Publish In: Le Prove
  • Continente Perduto Mu


    Publish In: Continente Perduto Mu
  • Il pesce che vive più in profondità e l'incredibilite scoperta dell'età della visione a colori


    Publish In: Scienza e Futuro

Il pianeta nano Makemake, il buco nero della nostra galassia ed i vuoti cosmici per l'energia oscura


Makemake è un pianeta nano, come Plutone, e si trova al di là dell’orbita di quest’ultimo. La sua lontananza, le dimensioni ridotte (il diametro è circa la metà di quello della Luna), il fatto che non brilli di luce propria ma rifletta quella del Sole, lo rendono un oggetto difficile da osservare. Bisogna avere pazienza e servirsi di ogni aiuto possibile, anche quello delle stelle. In altre parole, bisogna aspettare che il pianeta nano passi davanti, lungo la nostra linea di vista, a una delle stelle che stanno sullo sfondo. Anche se la stella si trova a parecchi anni luce di distanza, la sua luce viene bloccata dal passaggio, in questo caso, di Makemake. Studiando il comportamento della luce della stella, determinando se si affievolisce più o meno bruscamente quando il bordo del pianeta nano la blocca, è possibile capire se questo possegga o meno un’atmosfera. Questa osservazione è stata effettuata con tre telescopi dell’ESO, in Cile. Il risultato? Makemake non avrebbe intorno a sé un’atmosfera globale. Queste osservazioni hanno anche permesso di determinare la densità dell’oggetto: mediamente un centimetro cubo di Makemake pesa circa 1,7 grammi, è una densità inferiore a quella della Luna (3.3 g/cm3).

 


Li chiamano vuoti cosmici e potrebbero dirci se l’energia oscura esiste davvero. I vuoti cosmici sono regioni dell’Universo quasi del tutto prive di materia, grandi decine di milioni di anni luce. L’estensione di queste regioni dipende da vari fattori, tra i quali come lo spazio si sta espandendo. Quindi, se riuscissimo a determinare con accuratezza la forma di ogni regione di vuoto cosmico, potremmo stabilire con maggiore precisione se lo spazio si sta espandendo allo stesso modo un po’ ovunque o se lo sta facendo a velocità diverse a seconda della zona. Al momento sappiamo che l’Universo si sta espandendo sempre più velocemente, forse perché esiste una sfuggente energia oscura che sta gonfiando lo spazio. Determinare come lo spazio si sta gonfiando è quindi fondamentale per confermare o meno l’esistenza di questa energia. Obiettivo che potrebbe essere raggiunto con i grandi telescopi di nuova generazione. Grazie alle loro misure, sarà possibile ricostruire con precisione la forma dei vuoti cosmici già conosciuti e di scoprirne di nuovi. Molti astronomi sono ottimisti: potrebbero bastare meno di vent’anni per concludere questa lunga campagna di raccolta dati per risolvere il mistero dell’energia oscura.

DIETA LIGHT PER IL NOSTRO BUCO NERO


A giudicare dalle sue abitudini alimentari, il buco nero supermassiccio che si trova al centro della nostra Galassia non è vorace come altri suoi colleghi, in altri sistemi stellari. Pare che si limiti a sbocconcellare qualcosa di tanto in tanto. È quanto emerge dai dati ottenuti con il telescopio orbitante Chandra, sensibile alla radiazione X, dalla strumentazione sensibile agli infrarossi presso il Keck delle Hawaii e soprattutto dalla sonda NuSTAR, in orbita soltanto dallo scorso giugno. NuSTAR, infatti, ha colto il nostro buco nero mentre manifestava la sua presenza ovvero proprio nell’atto di inghiottire uno dei suoi bocconi. La materia inghiottita, nello spiraleggiare verso il buco nero, è stata sottoposta a enormi forze di marea, ha raggiunto temperature dell’ordine di 100 milioni di gradi e ha emesso la radiazione X osservata dalla sonda. La vista acuta di NuSTAR ci permetterè di monitorare questo genere di pasti e di capire perchè il nostro buco nero sia più pigro rispetto ad altri .

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit