Text Size
Sabato, Luglio 22, 2017
News Astronomia L'esplosione stellare più lontana,le giuste misure che hanno reso possibile la vita sulla Terra ed il piano B della sonda Odyssey su Marte

Ecco il ricercatore che è riuscito a registrare il volto e la voce di uno spirito nel tunnel di Drakelow, Inghilterra.

Dopo anni di ricerche, Anthony Mark, investigatore del paranormale trentenne, è riuscito nel suo intento: catturare l’immagine di un fantasma in un video. L’incontro con lo ‘spirito errante’ ...

Vuoi cambiare davvero il colore dei tuoi occhi? Da oggi è possibile

Chi ha sempre sognato gli occhi azzurri presto potrà cambiare il colore della propria iride grazie al laser. La tecnica del dottore Gregg Homer, al lavoro su questa tecnologia da 10 anni, viene il...

Gli incredibili risultati di una ricerca sulla coscienza realizzata da Stephan A. Schwartz

dallo SchwartzReport del 18 dicembre 2010 Un eccellente saggio che espone alcune nuove e appassionanti ricerche sulla coscienza. Stephan A. Schwartz CASSANDRA VIETEN, Direttore di Ricerca presso l...

Il caso dell'avvistamento di Kenneth Arnold e la nascita dell'ufologia

Kenneth A. Arnold fu un pilota privato famoso in quanto è considerato come il primo uomo che ha riportato pubblicamente un avvistamento di UFO ampiamente documentato effettuato negli USA. Il 24 giugn...

Thai Ngoc: l'uomo che non dorme da 37 anni

Thai è un agricoltore vietnamita che abita in un paesino nella provincia di Quan Nam: su Google si possono trovare delle agenzie che organizzano viaggi in Vietnam con lo scopo di andarlo a trovare...

Gli ultimi successi della Spacex, i problemi tecnici spaziali dell'India, la sonda Stardust torna operativa e news dell'astronauta Nespoli

SPACEX FA SUL SERIO Importante risultato per la compagnia spaziale privata SpaceX: lo scorso 8 dicembre è riuscita a mandare in orbita una delle sue capsule Dragon e a farla poi ridiscendere con un ...

  • Ecco il ricercatore che è riuscito a registrare il volto e la voce di uno spirito nel tunnel di Drakelow, Inghilterra.


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Vuoi cambiare davvero il colore dei tuoi occhi? Da oggi è possibile


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Gli incredibili risultati di una ricerca sulla coscienza realizzata da Stephan A. Schwartz


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il caso dell'avvistamento di Kenneth Arnold e la nascita dell'ufologia


    Publish In: La Nostra Storia
  • Thai Ngoc: l'uomo che non dorme da 37 anni


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Gli ultimi successi della Spacex, i problemi tecnici spaziali dell'India, la sonda Stardust torna operativa e news dell'astronauta Nespoli


    Publish In: News Astronomia

L'esplosione stellare più lontana,le giuste misure che hanno reso possibile la vita sulla Terra ed il piano B della sonda Odyssey su Marte


E’ l’esplosione stellare più lontana finora individuata, distante 12 miliardi di anni luce. Se i grandi telescopi delle Hawaii sono riusciti a scoprirne l’esistenza, è solo perché a esplodere non è stata una comune supernova, ma una di tipo superluminoso. Le supernovae sono stelle più grandi del Sole che giunte al termine della loro evoluzione, esplodono. E da appena 12 anni abbiamo scoperto che esiste una nuova classe di supernovae, dette superluminose perché risultano 100 volte più brillanti delle altre. Per questo riusciamo a individuarle anche se avvengono a enormi distanze. Come quella trovata a 12 miliardi di anni luce che stabilisce per ora il nuovo record di lontananza. Dodici miliardi di anni luce significa che la luce ha impiegato 12 miliardi di anni per giungere sino a noi. Quindi stiamo studiando una supernova esplosa 12 miliardi di anni fa, quando l’Universo aveva solo un miliardo e mezzo di anni di vita. E qui viene la parte più suggestiva: gli astrofisici sono certi che i telescopi di ultima generazione possano trovare supernovae ancora più distanti e quindi andare ancora più indietro nel tempo, sino a scoprire l’esplosione di una delle prime stelle mai formate nell’Universo.

LA FASCIA AL POSTO GIUSTO


Che la Terra sia un pianeta speciale è un dato di fatto. Se è adatto ad ospitare la vita il merito è della sua struttura, della sua atmosfera, della posizione rispetto al Sole, ma non solo. Studi recenti hanno dimostrato l’importanza della presenza della Luna, che stabilizza l’inclinazione del nostro asse, e di Giove che, soprattutto in passato quando il Sistema solare era molto più caotico, ha agito nei nostri confronti come una sorta di parafulmine, attirando verso di sé corpi rocciosi il cui impatto con il nostro pianeta avrebbe potuto essere devastante. Ma c’è un nuovo studio che dimostra che anche la fascia degli asteroidi gioca un ruolo importante. Gli asteroidi che, in passato, si sono scontrati con il nostro pianeta, potrebbero aver trasportato acqua e composti organici: gli impatti avrebbero innescato o accelerato l’evoluzione della vita. Le cose nel nostro caso sarebbero andate così, nella giusta misura, ma la fascia degli asteroidi avrebbe potuto essere spazzata via dal passaggio di un pianeta gigante come Giove, oppure avrebbe potuto essere molto più ricca di corpi rocciosi, che avrebbero quindi potuto colpire il nostro pianeta con intensità molto maggiore, rendendo impossibile la vita. Siamo il risultato di uno scenario molto equilibrato: e la domanda è sempre la stessa, siamo davvero unici o soltanto rari?
Per saperne di più: LINK

PIANO B PER ODYSSEY


Con i suoi 11 anni di missione intorno a Marte, la sonda Mars Odyssey detiene il record di permanenza intorno al pianeta rosso. E con tutta probabilità, la sua missione continuerà ancora a lungo visto che il 5 novembre, passerà a quello che si può definire “il piano B”. La sonda, infatti, è dotata di due computer principali e di strumentazione di riserva pronta ad entrare in funzione qualora ci fossero dei guasti. Finora non erano mai stati registrati problemi ma, come misura preventiva, in modo da poter continuare ad avere un backup funzionante in futuro, è stato scelto di mettere a riposo la strumentazione in uso ed attivare la sostitutiva, praticamente nuova. La sonda potrà così continuare a studiare il pianeta, ma anche a fare da ponte per le comunicazioni con i rover Opportunity e Curiosity.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit