Text Size
Venerdì, Maggio 14, 2021
News Astronomia Due pianeti attorno a due Soli scoperti da Kepler e le molecole di zucchero scoperte nello spazio

Cosa resterà di noi: la preoccupazione degli scienziati per l'obsolescenza programmata

QUALCHE GIORNO fa ho trovato in un cassetto un vecchio Cd-Rom di Encarta, l'enciclopedia multimediale di Microsoft. Ho provato a farlo girare sul pc ma non ci sono riuscito. "Vecchio" di vent'anni...

L'incredibile flotta di Ufo ripresa dalla Stazione Spaziale Internazionale

Il 10 Marzo è stato realizzato un video davvero inquietante direttamente dalla stazione spaziale internazionale. Nel video seguente viene inquadrata un area di spazio dove ad un certo punto esce fuo...

La fotocamera più piccola del mondo

La nuova camera potrebbe essere integrata in qualunque sistema elettronico a basso costo o in dispositivi per la rilevazione dell’angolo d’incidenza dei raggi solari o ancora in micro-robot ...

Il mistero delle chiatte marine tenute nascoste da Google

DUE ENORMI isole d'acciaio spuntate la settimana scorsa nelle acque statunitensi: una nella baia di San Francisco e l'altra vicino a Portland, lungo la costa del Maine. Si infittisce il mistero i...

Il mantello che rende invisibile sarà possibile secondo la scienza

UN PASSO avanti verso l'invisibilità. Un "mantello" che nasconde gli oggetti esiste da oggi nel laboratorio di fisica dell'università di Birmingham. Per questo grande salto dalla fantascienza all...

Il cratere più antico della Terra e l'arrivo della sonda Curiosity su Marte

Qual è il cratere più vecchio della Terra? Domanda difficile, visto che buona parte dei crateri sono spariti per l’erosione dei venti, delle piogge, per la crescita della vegetazione o per i normal...

  • Cosa resterà di noi: la preoccupazione degli scienziati per l'obsolescenza programmata


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incredibile flotta di Ufo ripresa dalla Stazione Spaziale Internazionale


    Publish In: Le Prove
  • La fotocamera più piccola del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero delle chiatte marine tenute nascoste da Google


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mantello che rende invisibile sarà possibile secondo la scienza


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il cratere più antico della Terra e l'arrivo della sonda Curiosity su Marte


    Publish In: News Astronomia

Due pianeti attorno a due Soli scoperti da Kepler e le molecole di zucchero scoperte nello spazio

Niente paura, il telescopio spaziale Kepler della NASA non ha cominciato a vedere doppio. Specializzato nella ricerca di pianeti extrasolari, ha individuato un sistema planetario molto particolare. Pensiamo a un pianeta che gira intorno a una stella e poi moltiplichiamo tutto per due: otterremo il sistema Kepler 47, quello osservato dal telescopio. Ovvero due pianeti in orbita intorno a una coppia di stelle, che ruotano cioè a loro volta intorno al comune centro di massa. Di stelle con più di un pianeta intorno ne sono state individuate molte, e ci si era anche già imbattuti nel caso di un pianeta con due soli, ma la doppia coppia rilevata da Kepler, a 5000 anni luce da noi, in direzione della costellazione del Cigno, è una novità. Una delle due stelle è simile al nostro Sole, l’altra è circa tre volte più piccola. Dei due pianeti, invece, uno ha un diametro pari a tre volte quello della Terra, ma è troppo vicino alle sue stelle. L’altro ha dimensioni simili a quelle di Urano e con tutta probabilità è gassoso e quindi inospitale. Si troverebbe, però, nella cosiddetta fascia di abitabilità, ovvero alla giusta distanza dalle due stelle. Si tratta del pianeta sbagliato nel posto giusto? Può essere, ma se intorno ad esso ci fosse una luna sufficientemente grande, sarebbe molto interessante approfondirne la conoscenza.

UNA DOLCE SCOPERTA PER ALMA


Si chiama glicoaldeide, ma in sostanza si tratta di zucchero e la sua presenza è stata rilevata dagli astronomi che utilizzano ALMA, l’imponente rete di radiotelescopi situata nel deserto di Atacama in Cile. Questa volta lo zucchero non si trova dentro alle tazzine del caffè, ma in un posto in cui non ci aspetteremmo di trovarlo. Invece, scoprire che nel gas caldo intorno a una giovane stella simile al Sole sono presenti anche molecole di zucchero è un’importante conferma.
Come ha puntualizzato Jes Jørgensen , del gruppo che ha condotto la ricerca “questa particolare molecola è uno degli ingredienti per la formazione dell’RNA, che – come il DNA a cui è legato – è uno degli elementi costitutivi della vita. In altre parola significa che intorno a certe stelle, lì nel posto e al momento giusto, dove potranno formarsi i pianeti, ci sono gli ingredienti giusti, quelli che possiamo considerare i mattoni della vita. La glicoladeide era stata già vista nello spazio, fra stella e stella, ma questa è la prima volta che viene trovata così vicina a una stella simile al Sole.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit