Text Size
Sabato, Settembre 23, 2017
News Astronomia Il cratere più antico della Terra e l'arrivo della sonda Curiosity su Marte

I pianeti abitabili sono più numerosi del previsto, l'app della Nasa per aiutarla a trovare asteroidi e l'azoto molecolare trovato da Rosetta

Grazie ai dati raccolti dal satellite Kepler, gli astronomi hanno scoperto migliaia di sistemi planetari extrasolari nella nostra galassia, molti dei quali hanno più pianeti in orbita intorno alla ...

Il mistero dei 31 messaggi extraterrestri pubblicati dall'NSA

Sì, avete letto bene. Sembrerebbe ufficiale: Gli alieni esistono! L' NSA (National Security Agency) ha rilasciato un file che non lascia dubbi e che rilancia l'ufficilità di altre civiltà aliene nel...

La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove

Il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO ha ripreso un’immagine notevolmente dettagliata della Nebulosa della caraffa (chiamata Toby Jug in inglese), una nube di gas e polvere che circonda una stella...

Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

Le prestazioni dei plasmi ottenuti con il sistema tokamak sono progressivamente migliorate, tanto che ci si aspetta che ITER, la macchina di nuova generazione attualmente in costruzione a Cadarache,...

Avete paura? Secondo la scienza invecchierete prima

Vi spaventate  quando vi trovate negli spazi aperti? Oppure in quelli chiusi e angusti? Vi sentite a disagio guardando giù da un palazzo molto alto? Scappate inorriditi quando vedete un ragno? Se ...

La scienza dimostra che anche quando dormiamo il cervello può eseguire compiti complessi

Il nostro cervello è in grado di svolgere compiti linguistici complessi anche durante il sonno. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Laboratorio di scienze cognitive del CNRS francese, a ...

  • I pianeti abitabili sono più numerosi del previsto, l'app della Nasa per aiutarla a trovare asteroidi e l'azoto molecolare trovato da Rosetta


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero dei 31 messaggi extraterrestri pubblicati dall'NSA


    Publish In: Le Prove
  • La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Avete paura? Secondo la scienza invecchierete prima


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La scienza dimostra che anche quando dormiamo il cervello può eseguire compiti complessi


    Publish In: Scienza e Futuro

Il cratere più antico della Terra e l'arrivo della sonda Curiosity su Marte


Qual è il cratere più vecchio della Terra? Domanda difficile, visto che buona parte dei crateri sono spariti per l’erosione dei venti, delle piogge, per la crescita della vegetazione o per i normali movimenti del suolo. Ora un gruppo di ricerca è riuscito a risalire alle dimensioni e al periodo di formazione di un cratere situato in Groenlandia. E sono venuti fuori numeri record. Il cratere non è visibile in superficie, per questo è stato necessario utilizzare le osservazioni dei satelliti e studiare le rocce presenti in quell’area. Secondo i risultati il cratere risale a tre miliardi di anni fa, il che lo rende il più vecchio tra quelli finora conosciuti sulla Terra. Inoltre all’origine il cratere era esteso 500 chilometri e profondo almeno 25. Questo significa che il corpo roccioso che lo prodotto colpendo la Terra doveva essere molto grande, con un diametro di ben 30 chilometri. Impatti come questo avevano effetti devastanti, provocando estinzioni di massa. Per nostra fortuna sono finiti i tempi in cui la Terra era bombardata da oggetti così grandi.


CONTO ALLA ROVESCIA PER CURIOSITY


C’è chi parte per le vacanze e c’è chi sta per raggiungere Marte. Si tratta di Curiosity, il rover della NASA il cui arrivo sul pianeta rosso è previsto per il 6 agosto. Grande come una Mini Cooper, questo robot con le ruote è destinato a esplorare la superficie  di Marte a patto però che non ci siano intoppi durante le delicatissime operazioni  di atterraggio. Nelle ultime fasi la discesa sarà rallentata da un paracadute e, successivamente, da un sistema di  razzi frenanti.  Curiosity, 900 kg di tecnologia, scenderà dal cielo marziano diretto in un punto preciso della superficie,  un’area ellittica di 7 Km per 20, nel Gale Crater.  Il 6 agosto, quindi,  ci sarà da stare con il fiato sospeso:  ci si augura sia la data di inizio di una missione della durata prevista di due anni, e che il rover, con tutta la sua curiosità e gli strumenti per soddisfarla, si appoggi sulla superficie senza subire danni. Solo da quel momento ci si potrà guardare intorno e dare inizio a un altro viaggio: l’obiettivo è iniziare a risalire il fianco del Monte Sharp, alto 5500 metri. Per farlo sono anche già state identificate alcune possibili traiettorie. Non resta dunque che aspettare la fatidica data e atterrare sani e salvi.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit