Text Size
Venerdì, Agosto 07, 2020
News Astronomia La fuga dei gravitoni dal buco nero, pericolo collisione per l'asteroide 2011 AG5 e la stazione spaziale cinese

I Buchi Neri

In astrofisica si definisce buco nero un corpo celeste estremamente denso, dotato di un'attrazione gravitazionale talmente elevata da non permettere l'allontanamento di alcunché dalla propria superfic...

L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test

Grazie allo strumento SHOES, l'incertezza sulla costante di Hubble è stata ridotta al 3,3 per cento, escludendo l'ipotesi alternativa a quella di una forza repulsiva tra le masse Grazie...

Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide

La materia oscura diventa ancora più oscura. Se prima si discuteva quale potesse essere la sua vera natura, non ultima l’ipotesi che si tratti di un mare di microscopiche particelle, ora se ne mette i...

Le nove esperienze comuni sperimentate da chi è tornato dalla morte (NDE)

Le esperienze ai confini della morte rappresentano un fenomeno molto diffuso tra i pazienti vittime di gravi malattie o incidenti mortali, mostrando condizione di coma, arresto cardiocircolatorio ...

La scoperta di una nuova Terra che avverrà molto presto, il nuovo tipo di esplosione stellare ed il pianeta extrasolare GJ 504b osservato direttamente

Scopriremo mai una nuova Terra? Quasi certamente sì e potrebbe avvenire molto presto. Anche grazie al telescopio spaziale Kepler. Anche se Kepler non è più a pieno regime, a causa di un guasto che...

Il numero dei pianeti solitari,la struttura cristallizata di Haumea e le perturbazioni su Saturno

Nella nostra galassia i pianeti liberi di vagare nello spazio sarebbero miliardi. Lo stabilisce un nuovo studio che non ha mancato di scatenare commenti e perplessità. Che esistano pianeti vagabond...

  • I Buchi Neri


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide


    Publish In: News Astronomia
  • Le nove esperienze comuni sperimentate da chi è tornato dalla morte (NDE)


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La scoperta di una nuova Terra che avverrà molto presto, il nuovo tipo di esplosione stellare ed il pianeta extrasolare GJ 504b osservato direttamente


    Publish In: News Astronomia
  • Il numero dei pianeti solitari,la struttura cristallizata di Haumea e le perturbazioni su Saturno


    Publish In: News Astronomia

La fuga dei gravitoni dal buco nero, pericolo collisione per l'asteroide 2011 AG5 e la stazione spaziale cinese

I buchi neri devono ancora svelarci molti segreti. Come previsto dalla teoria della Relatività, sono così massicci che nulla può sfuggire alla loro attrazione. Eppure, a dispetto della Relatività, questo non esclude che possano emettere energia, restringersi e diventare sempre più caldi. Per questo alcuni ricercatori stanno tentando di studiare i buchi neri utilizzando un’altra teoria: quella della meccanica quantistica. Finora la quantistica è stata applicata con successo al mondo microscopico delle particelle. E potrebbe essere applicata anche ai buchi neri per spiegare perché possono restringersi e riscaldarsi. E’ quello che sta provando a fare un nuovo studio, secondo il quale un buco nero sarebbe un gigantesco contenitore pieno zeppo di gravitoni, particelle teoriche che conterrebbero energia di attrazione. Ogni tanto qualche gravitone riuscirebbe a saltare fuori da questo contenitore. I gravitoni restanti, avendo più spazio a disposizione, si avvicinerebbero tra loro, facendo così restringere il buco nero. Nello stesso tempo, un osservatore esterno colpito dai gravitoni in fuga, avrebbe l’impressione che il buco nero stia emettendo energia, aumentando di temperatura. Questa teoria sembra quindi giustificare tutto con facilità ma in realtà non è in grado di spiegare altri comportamenti che invece sono evidenti per la Relatività. Sarà necessario trovare un punto di incontro tra quantistica e Relatività, un passo non facile, che non a caso potrebbe significare il premio Nobel.

APPUNTAMENTI CON L’ASTEROIDE


Si chiama 2011 AG5,  è un asteroide di circa 140 metri  scoperto all’inizio dello scorso anno e passerà nelle vicinanze della Terra nel 2040. Si è già calcolato che le probabilità di un impatto sono molto limitate, inferiori all’1%, ma per ottenere stime più accurate è necessario continuare a monitorare l’orbita dell’oggetto. Se una roccia di queste dimensioni si schiantasse sul nostro pianeta, i devastanti effetti dell’impatto interesserebbero una superficie estesa almeno un centinaio di chilometri. Attualmente l’asteroide si trova oltre l’orbita di Marte, dalla stessa parte del Sole: le condizioni di osservabilità non sono ottimali, ma miglioreranno nei prossimi anni. Il 2023, in particolare, rappresenterà un momento cruciale: se la roccia vagante, che allora sarà a circa 1,8 milioni di Km da noi, si manterrà al di fuori di una specifica zona dello spazio larga appena 365 Km, potremmo considerare definitivamente scampato ogni pericolo futuro. Se invece l’oggetto passasse all’interno della suddetta regione, l’azione gravitazionale della Terra potrebbe influire sulla sua orbita, rendendolo un potenziale rischio per il 2040: è uno scenario improbabile, ma fra 11 anni tutti a vedere se 2011 AG5 passerà o meno nella piccola area che gli astronomi hanno già battezzato keyhole, buco della serratura.

PRIMI INQUILINI AL PALAZZO CELESTE
Il vascello divino ha raggiunto il palazzo celeste: la notizia suona così non appena si traducono rispettivamente i nomi Shenzhou e Tiangong con cui la Cina ha battezzato la sua navicella e la sua stazione orbitante. Dal settembre dello scorso anno, infatti, la Stazione Spaziale Internazionale non è più da sola ad orbitare intorno alla Terra, così come, dal 18 giugno, i sei astronauti a bordo di essa non sono più gli unici a vivere a oltre 300 Km di altezza.  Anche il palazzo celeste, Tiangong, ora ha i suoi abitanti: tre astronauti, due uomini e una donna, che vi soggiorneranno per 10 giorni. Navicella e stazione, agganciate, al momento formano un tutt’uno, 18 metri di lunghezza e fino a 4 metri di larghezza per un volume abitabile di oltre  200 metri cubi.   Volume che aumenterà nei prossimi anni, quando verranno lanciati altri moduli, sulle orme di quanto si fece per la Stazione Internazionale. Orme che la Cina sta seguendo molto in fretta.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit