Text Size
Venerdì, Ottobre 18, 2019
News Astronomia La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo

La sopravvivenza dell'informazione in un buco nero, il passato violento delle galassie e gli isotopi di xeno rilevati su Marte da Curiosity

L’informazione contenuta in un buco nero potrebbe non essere persa per sempre. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Physical Review Letters secondo cui per un osservatore che si trova al di...

Il ritardo magnetico del Sole, la scoperta di 19 asteroidi vicini e il cielo controllato dalla Nasa

Dopo un periodo di calma durato più del previsto, il Sole sta entrando nella nuova fase di massima attività. Sono però rimasti i dubbi sul perché di questo ritardo che, va detto, non è stato né il ...

Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta

E’ talmente massiccio che per ‘riempirlo’ ci vorrebbero quattrocentomila miliardi di stelle come il Sole. Il gigantesco ammasso di galassie, denominato XDCP J0044.0-2033 (o più brevemente XDCP J00...

La congiunzione tra Giove e Venere, l'ossigeno rilevato dalla Cassini su Dione ed i furti dei pc della Nasa

Due punti luminosi che brillano di una luce ferma e intensa. In questi gironi appaiono in cielo appena diventa sera e notarli è inevitabile. In realtà non brillano di luce propria ma si limitano a ...

La nuova generazione di transistor scoperta al MIT

L'enorme capacità osservata nel nuovo semiconduttore sembra essere frutto di un nuovo fenomeno quantistico o di una caratteristica sconosciuta del materiale Negli anni ottanta e no...

Da ora è possibile registrare i propri sogni in video

Utilizzando la risonanza magnetica funzionale gli scienziati del laboratorio Gallant dell'Università di Berkeley sono stati in grado di ricostruire le immagini che un paziente immagazzina nel cervel...

  • La sopravvivenza dell'informazione in un buco nero, il passato violento delle galassie e gli isotopi di xeno rilevati su Marte da Curiosity


    Publish In: News Astronomia
  • Il ritardo magnetico del Sole, la scoperta di 19 asteroidi vicini e il cielo controllato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta


    Publish In: News Astronomia
  • La congiunzione tra Giove e Venere, l'ossigeno rilevato dalla Cassini su Dione ed i furti dei pc della Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • La nuova generazione di transistor scoperta al MIT


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Da ora è possibile registrare i propri sogni in video


    Publish In: Scienza e Futuro

La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo

Su Marte c’è metano. Ma da dove venga fuori rimane un mistero che si sta complicando sempre di più. E pensare che sino a poco tempo fa la scoperta di metano nella debole atmosfera marziana era considerata un indizio della presenza di forme di vita. Questo gas sembrava infatti avere solo due origini: o era il prodotto di fenomeni vulcanici, o di organismi viventi. Poiché su Marte i vulcani non sono più attivi da milioni di anni, sembrava allora probabile la presenza di forme di vita elementari, come ad esempio colonie di microscopici batteri. Ora un esperimento di laboratorio condotto su una meteorite di origine marziana fa entrare in scena una terza possibilità. Il metano potrebbe venir fuori da particolari rocce marziane quando vengono colpite dalla luce ultravioletta del Sole. Ma non finisce qui: seppur in modo indiretto, l’esperimento ridà credito anche a una quarta ipotesi: il metano potrebbe nascere dall’evaporazione dei ghiacci presenti nel polo nord marziano. Vulcani, microbi, rocce o ghiaccio che evapora. Quattro possibilità e per ora nessuna certezza.

ANDROMEDA GALASSIA SCONTROSA


Galassie che si sono scontrate in passato e che si scontreranno in futuro: in entrambi i casi fra le protagoniste c’è M31, la grande galassia di Andromeda che, a circa 2 milioni e mezzo di anni luce da noi, è una nostra vicina di casa. Miliardi di anni fa avrebbe avuto  un incontro ravvicinato con la galassia Triangolo: a testimoniare quell’episodio sarebbe rimasto una sorta di ponte fra i due sistemi stellari, una scia rossastra di idrogeno che si diparte da Andromeda. È  un segno di come le interazioni gravitazionali hanno influito sulla distribuzione del gas. Nel frattempo Andromeda si prepara al suo prossimo appuntamento, fra circa 4 miliardi di anni, proprio con noi, con la Via Lattea. Secondo le simulazioni più recenti la probabilità che le due galassie si scontrino in pieno (con i due rispettivi nuclei a non più di 80.000 anni luce fra loro) è del 41%. Il risultato della fusione sarà la formazione di una enorme galassia ellittica: per quell’epoca è probabile che il Sole esista ancora, ma sarà una gigante rossa nella fase finale della propria esistenza che, con la sua ingombrante presenza, avrà già da tempo reso del tutto inospitale il nostro pianeta.

VIA LIBERA PER IL TELESCOPIO ESTREMAMENTE GRANDE
Che sarà uno strumento ottico dalle dimensioni ragguardevoli lo si capisce già dal nome:  E-ELT, infatti, sta per European Extremely Large Telescope, Telescopio Europeo Estremamente Grande. Estremamente grande significa che il suo specchio principale, un mosaico di 798 specchi esagonali, avrà un diametro di 39,3 metri. Il Consiglio dell’ESO ha approvato il progetto e il telescopio sarà operativo a partire dal prossimo decennio. Verrà costruito nel nord del Cile, sul Cerro Armazones. La spesa stimata per completare l’opera è di 1083 milioni di Euro. E un’impresa che porterà all’assegnazione di contratti, di appalti e che vedrà il coinvolgimento di enti di ricerca e di molte industrie, un coinvolgimento che naturalmente sarà anche italiano.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit