Text Size
Domenica, Giugno 25, 2017
News Astronomia La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo

Ufo nei cieli inglesi ripreso da Paul Sinclair

                      Il tabloid britannico The Sun ha pubblicato oggi sul suo sito web un video, amatoriale, girato a Scarborough, nel nord dell'Inghilterra. La clip, finita subito...

Per il 2012? Mi costruisco il bunker

L'ansia per la fine del mondo può diventare un vero business. Un gruppo di circa settanta italiani, la cui identità resta misteriosa, come riporta il quotidiano La Stampa, ha costruito una cittadi...

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide su...

Large Hadron Collider

Il Large Hadron Collider (LHC) è un acceleratore di particelle, collaudato presso il CERN di Ginevra, per collisioni tra protoni e ioni pesanti. LHC è l'acceleratore di particelle più grande e potente...

Le 5 lune di Plutone, la sonda Voyager 1 ai confini del sistema solare ed il primo telescopio spaziale privato

Sarà anche piccolo, più piccolo della nostra Luna, ma non è per le dimensioni che Plutone può considerarsi superiore a Mercurio, Venere, Marte e perfino alla Terra. Pur essendo un pianeta nano, ha...

La coscienza collettiva e l'esperimento Global Consciousness Project

Nei sotterranei d'una polverosa libreria di Edinburgo, giace una scatoletta nera non più grande did ue pacchetti di sigarette affiancati, che sforna continuamente numeri a caso. A prima vistasembra u...

  • Ufo nei cieli inglesi ripreso da Paul Sinclair


    Publish In: Le Prove
  • Per il 2012? Mi costruisco il bunker


    Publish In: Preparativi 2012
  • La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Large Hadron Collider


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Le 5 lune di Plutone, la sonda Voyager 1 ai confini del sistema solare ed il primo telescopio spaziale privato


    Publish In: News Astronomia
  • La coscienza collettiva e l'esperimento Global Consciousness Project


    Publish In: Uomini e Misteri

La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo

Su Marte c’è metano. Ma da dove venga fuori rimane un mistero che si sta complicando sempre di più. E pensare che sino a poco tempo fa la scoperta di metano nella debole atmosfera marziana era considerata un indizio della presenza di forme di vita. Questo gas sembrava infatti avere solo due origini: o era il prodotto di fenomeni vulcanici, o di organismi viventi. Poiché su Marte i vulcani non sono più attivi da milioni di anni, sembrava allora probabile la presenza di forme di vita elementari, come ad esempio colonie di microscopici batteri. Ora un esperimento di laboratorio condotto su una meteorite di origine marziana fa entrare in scena una terza possibilità. Il metano potrebbe venir fuori da particolari rocce marziane quando vengono colpite dalla luce ultravioletta del Sole. Ma non finisce qui: seppur in modo indiretto, l’esperimento ridà credito anche a una quarta ipotesi: il metano potrebbe nascere dall’evaporazione dei ghiacci presenti nel polo nord marziano. Vulcani, microbi, rocce o ghiaccio che evapora. Quattro possibilità e per ora nessuna certezza.

ANDROMEDA GALASSIA SCONTROSA


Galassie che si sono scontrate in passato e che si scontreranno in futuro: in entrambi i casi fra le protagoniste c’è M31, la grande galassia di Andromeda che, a circa 2 milioni e mezzo di anni luce da noi, è una nostra vicina di casa. Miliardi di anni fa avrebbe avuto  un incontro ravvicinato con la galassia Triangolo: a testimoniare quell’episodio sarebbe rimasto una sorta di ponte fra i due sistemi stellari, una scia rossastra di idrogeno che si diparte da Andromeda. È  un segno di come le interazioni gravitazionali hanno influito sulla distribuzione del gas. Nel frattempo Andromeda si prepara al suo prossimo appuntamento, fra circa 4 miliardi di anni, proprio con noi, con la Via Lattea. Secondo le simulazioni più recenti la probabilità che le due galassie si scontrino in pieno (con i due rispettivi nuclei a non più di 80.000 anni luce fra loro) è del 41%. Il risultato della fusione sarà la formazione di una enorme galassia ellittica: per quell’epoca è probabile che il Sole esista ancora, ma sarà una gigante rossa nella fase finale della propria esistenza che, con la sua ingombrante presenza, avrà già da tempo reso del tutto inospitale il nostro pianeta.

VIA LIBERA PER IL TELESCOPIO ESTREMAMENTE GRANDE
Che sarà uno strumento ottico dalle dimensioni ragguardevoli lo si capisce già dal nome:  E-ELT, infatti, sta per European Extremely Large Telescope, Telescopio Europeo Estremamente Grande. Estremamente grande significa che il suo specchio principale, un mosaico di 798 specchi esagonali, avrà un diametro di 39,3 metri. Il Consiglio dell’ESO ha approvato il progetto e il telescopio sarà operativo a partire dal prossimo decennio. Verrà costruito nel nord del Cile, sul Cerro Armazones. La spesa stimata per completare l’opera è di 1083 milioni di Euro. E un’impresa che porterà all’assegnazione di contratti, di appalti e che vedrà il coinvolgimento di enti di ricerca e di molte industrie, un coinvolgimento che naturalmente sarà anche italiano.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit