Text Size
Martedì, Maggio 23, 2017
News Astronomia 100 giorni alla partenza di Curiosity per Marte, la stella inghiottita dal buco nero e la missione spaziale europea JUICE

Il prima passo scientifico alla crezione di una chimera. La nascita del primo embrione umano-maiale

PER la prima volta in laboratorio è stato sviluppato un embrione che è parte maiale e parte umano. L'esperimento, pubblicato sulla rivista scientifica Cell, è stato portato a termine da un team di ...

Le misteriose rocce trovate nel villaggio Sarakseevo in Russia che mostrano i segni di una cività tecnologica prima della nostra

Sul nostro pianeta esistono oggetti che sfidano la logica e che non dovrebbero esistere. Questi misteriosi artefatti, denominati Oopart, sono “fuori posto”, in quanto presentano tecnologie che ...

La galassia J2240 eccezionalmente luminosa, la formazione di pianeti rocciosi attorno alle Nane Brune e le molecole organiche di Marte

Una galassia lontana e di un verde brillante: è questo oggetto che ha catturato l’attenzione di un gruppo internazionale di astronomi mentre analizzavano immagini dell’Universo profondo. A 3,7 mili...

La strana concentrazione di avvistamenti Ufo nel Sud del Texas in America

Eagle Ford è un sito americano conosciuto per il petrolio, ma nelle ultime settimane si è trasformato in un punto caldo per gli avvistamenti UFO.Sembra che Cotulla, Texas, è diventata la ground zero...

Ma Xiangang, l'uomo che è immune all'energia elettrica chiamato "Electric Man"

Ma Xiangang è un uomo capace di qualcosa di cui non molti altri sono capaci - egli può toccare i cavi conduttori a mani nude pieni di elettricità senza sentire alcun dolore e a vere nessuna consegue...

I suoni di stelle, galassie e pianeti

La musica nello spazio è importante per tenere alto il morale degli equipaggi che affrontano mesi di missione. Lo raccontano gli astronauti che a bordo delle navicelle hanno portato brani dalla Te...

  • Il prima passo scientifico alla crezione di una chimera. La nascita del primo embrione umano-maiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le misteriose rocce trovate nel villaggio Sarakseevo in Russia che mostrano i segni di una cività tecnologica prima della nostra


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La galassia J2240 eccezionalmente luminosa, la formazione di pianeti rocciosi attorno alle Nane Brune e le molecole organiche di Marte


    Publish In: News Astronomia
  • La strana concentrazione di avvistamenti Ufo nel Sud del Texas in America


    Publish In: Le Prove
  • Ma Xiangang, l'uomo che è immune all'energia elettrica chiamato "Electric Man"


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I suoni di stelle, galassie e pianeti


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare

100 giorni alla partenza di Curiosity per Marte, la stella inghiottita dal buco nero e la missione spaziale europea JUICE

Tra meno di cento giorni Curiosity sarà giunto su Marte. Curiosity è un robot con le ruote, che potrà spostarsi sulla superficie del pianeta alla ricerca di risposte. E soprattutto alla ricerca di eventuali forme di vita. Quando si parla di vita intendiamo microscopici batteri che potrebbero trovarsi nel sottosuolo di Marte. Se Curiosity dovesse trovarli, per la prima volta avremmo la certezza che la vita può svilupparsi ancheal di fuori del nostro pianeta. Ammesso che quei batteri siano realmente di origine marziana.Per alcuni biologi non è infatti da escludere una possibile contaminazione avvenuta con le precedenti missioni. Potremmo cioé aver portato noi i batteri sul pianeta, in particolare con le missioni degli anni ’70, meno controllate rispetto quelle più recenti. Curiosity rischia così di scoprire batteri marziani che potrebbero in realtà essere di origine terrestre. Anche per questo si punta sempre di più su altri corpi del sistema solare: come Europa, un satellite di Giove, e Titano, il più grande satellite di Saturno. In questi casi saremmo sicuri: se ci fossero batteri, sarebbero di origine aliena.


Stella gigante per un buco nero gigante
Che le stelle possano diventare il pasto di uno di quei super buchi neri al centro delle galassie, lo si sapeva: si tratta di eventi che si fanno notare per via delle emissioni altamente energetiche generate durante il processo, una sorta di getti sparati nello spazio a velocità relativistiche. Qualcosa del genere è stato osservato anche in prossimità del centro di una galassia a 2,7 miliardi di anni luce. Questa volta, però, analizzando la natura dei getti prodotti è stato possibile non solo stabilire la taglia del buco nero ma anche capire che tipo di stella è stata inghiottita. Si stima che la massa del mastodontico buco nero sia pari a circa 3 milioni di volte quella del Sole, mentre la sua preda sarebbe una stella gigante rossa. Questa, sottoposta a una irresistibile attrazione, ha cominciato a deformarsi, allungandosi e attorcigliandosi intorno al buco nero, fino a smembrarsi. A questo punto, metà di essa è stata inghiottita mentre la parte restante è stata spinta via ad alta velocità, come se si trattasse delle due estremità di un elastico che, troppo teso si spezza.

L’Europa fra le lune di Giove con JUICE


L’Agenzia Spaziale Europea punterà sulle lune ghiacciate di Giove con la missione spaziale JUICE (JUpiter ICy moons Explorer). Selezionata fra altre missioni proposte nell’ambito del programma Cosmic Vision 2015-2025, JUICE conta molto anche sull’Italia: il coinvolgimento di ricercatori italiani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica è infatti quantomai sostanzioso. Il decollo è previsto per il 2022, l’arrivo a destinazione per il 2030: a quel punto inizieranno tre anni di osservazione. Europa, Ganimede e Callisto: sono queste le lune ghiacciate che verranno studiate nel dettaglio per scoprire cosa si cela al di sotto della loro superficie. Depositi di acqua liquida? Presenza di forme molto elementari di vita? Questi e molti altri sono gli interrogativi ai quali JUICE tenterà di dare una risposta.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit