Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
News Astronomia Lo studio sui mini buchi neri,il pianeta sopravvissuto alla sua Stella ed il monitoraggio delle Lune del Sistema Solare

Il prima passo scientifico alla crezione di una chimera. La nascita del primo embrione umano-maiale

PER la prima volta in laboratorio è stato sviluppato un embrione che è parte maiale e parte umano. L'esperimento, pubblicato sulla rivista scientifica Cell, è stato portato a termine da un team di ...

Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse

La possibilità di creare interfacce cervello-macchina in grado di gestire movimenti complessi, che prevedono una successione articolata di singoli movimenti, è stata dimostrata da un gruppo di ricer...

L’antropologo Dott. Semir Osmanagich dichiara che ormai è inutile negare l'esistenza di antiche civiltà con tecnologie avanzate prima della nostra

L’antropologo, Dott. Semir Osmanagich, fondatore del Parco Archeologico Bosniaco, il sito archeologico più attivo del mondo, dichiara che le prove scientifiche, ‘inconfutabili’, venute alla lu...

Scienziati italiani dimostrano che le piante apprendono e ricordano

LE PIANTE sono in grado di apprendere e di conservare memoria delle informazioni. Lo dimostra per la prima volta un esperimento realizzato al Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale ...

Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031

Lo scienziato russo Andrei Finkelstein, uno dei maggiori studiosi del Paese, è sicuro: nel 2031 scatterà l'incontro con forme di vita extraterrestre. C'è la vita su altri pianeti, e sicuramente in ...

La creazione dell'elemento 113 è diventato realtà

La creazione dell’elemento 113 è stata confermata da un gruppo di ricercatori del RIKEN Nishina Center, il principale acceleratore di particelle giapponese, che ne danno notizia sul “Journal of ...

  • Il prima passo scientifico alla crezione di una chimera. La nascita del primo embrione umano-maiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L’antropologo Dott. Semir Osmanagich dichiara che ormai è inutile negare l'esistenza di antiche civiltà con tecnologie avanzate prima della nostra


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Scienziati italiani dimostrano che le piante apprendono e ricordano


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La creazione dell'elemento 113 è diventato realtà


    Publish In: Scienza e Futuro

Lo studio sui mini buchi neri,il pianeta sopravvissuto alla sua Stella ed il monitoraggio delle Lune del Sistema Solare


Secondo uno studio dell’Università di Pricenton i mini buchi neri non sarebbero poi così pericolosi. Anche se dovessero colpirci, si limiterebbero ad attraversare la Terra da parte a parte, senza farsi notare. I mini buchi neri si sarebbero formati subito dopo il big bang. Avrebbero dimensioni microscopiche, addirittura inferiori al nucleo di un atomo, e tali rimarrebbero essendo troppo piccoli per riuscire ad attirare la materia ed accrescersi. Questi impercettibili buchi viaggerebbero liberamente nello spazio a velocità di centinaia di chilometri al secondo. E per alcuni fisici, se uno ci colpisse potrebbe causare una piccola catastrofe. Ora, nuove simulazioni dell’evento eseguite al computer ci danno conclusioni più rassicuranti. Il mini buco nero si limiterebbe ad attraversare la Terra, provocando solo lievi onde sismiche. Così lievi da non essere neppure percepite dalla  popolazione. Senza considerare che un simile evento, statistica alla mano, sarebbe molto raro: ammesso che i mini buchi neri esistano e che l’Universo ne contegna il massimo numero possibile, la Terra può in media incontrarne uno ogni 10 milioni di anni.

PIANETI SOPRAVISSUTI


Come sopravvivere vicino a una stella che si gonfia e si trasforma in gigante rossa?  La risposta potrebbe trovarsi a circa 4000 anni luce da noi, nascosta in due pianeti poco più piccoli della Terra. Orbitano intorno a una vecchia stella che ha già attraversato quella fase che attende anche il nostro Sole fra qualche miliardo di anni: dopo aver espulso i suoi strati più esterni, investendo i pianeti che le orbitavano intorno, è diventata una gigante rossa, aumentando milioni di volte il proprio volume iniziale. Due piccoli pianeti, intorno a una stella che ha subito una simile metamorfosi, non dovrebbero proprio esserci, ci si aspetterebbe che fossero stati disintegrati o spazzati via. L’ipotesi per spiegare la loro presenza e la sincronia delle loro orbite è che siano i resti di quello che un tempo doveva essere un pianeta di massa pari a cinque volte quella di Giove. Investito dagli strati esterni della stella, alla quale avrebbe dovuto avvicinarsi, avrebbe successivamente subito una forza gravitazionale che lo avrebbe costretto a smembrarsi. È probabile che alcuni pezzi siano stati assorbiti dalla stella e che altri siano stati espulsi nello spazio, ma per i due piccoli pianeti rilevati si potrebbe trattare di un caso di sopravvivenza estrema.

QUANTE LUNE MANCANO ALL’APPELLO?
Quando intorno a un pianeta ci sono tante lune, può succedere di non riuscire a tenerlo d’occhio tutte e perderne di vista qualcuna. È successo per la folta schiera di satelliti naturali che orbitano intorno ai due giganti del nostro Sistema solare: Giove e Saturno. 66 lune intorno al primo, 62 intorno al secondo: questi i numeri aggiornati a qualche mese fa. Di queste, la maggior parte è stata scoperta dal 2000 in poi, fino ad allora Giove e Saturno avevano raggiunto rispettivamente quota 17 e 18. Il fatto, tuttavia, di individuare una nuova luna non significa conoscerne con esattezza la posizione in un dato momento a meno che, dopo la scoperta, non si pianifichino osservazioni mirate a tracciarne l’orbita. È così che, facendo una sorta di appello, uno studio recente ha analizzato i margini di errore con cui si conoscono le posizioni di 100 fra i satelliti naturali più piccoli e distanti dal proprio pianeta, con le orbite più inclinate e schiacciate. Il risultato è che per 10 lune di Giove e 7 di Saturno, le incertezze sono talmente elevate che, ai fini pratici, non si sa dove cercarle: sono state scoperte ma ora le abbiamo perse di vista. Servirebbero campagne osservative mirate per determinare con accuratezza i parametri orbitali di questi oggetti, ma bisognerebbe riuscire a dedicarvi il prezioso tempo dei grandi telescopi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit