Text Size
Lunedì, Ottobre 14, 2019
News Astronomia Lo studio sui mini buchi neri,il pianeta sopravvissuto alla sua Stella ed il monitoraggio delle Lune del Sistema Solare

Racetrack Playa, il posto dove le pietre si muovono da sole

Tra i tanti misteri che ci circondano quello di Racetrack Playa suscita sicuramente molta curiosità ma qual'è il mistero di questo strano posto? Racetrack Playa (parco nazionale della Death Valley, C...

Il misterioso caso di Gil Perez. Un caso di teletrasporto spontaneo

Gil Perez era un soldato vissuto nel 16° secolo. Era un membro della Guardia Civile filippina e prestava servizio a Manila, al palazzo del Governatore Generale, nelle Filippine. Conduceva la tipic...

Raymond Kurzweil e il backup del cervello

Raymond Kurzweil RAY Kurzweil porta un cognome che si può leggere sulle tastiere durante i concerti rock, sul Wall Street Journal, accanto alla definizione "genio sempre al lavoro", o su Fo...

La futura interazione tra macchina e cervello

La fantascienza cyberpunk degli anni ottanta raccontava di «impianti neurali» che connettevano il cervello a un dispositivo informatico. L’attore Keanu Reeves, protagonista di Johnny Mnemonic (1995)...

Verso il controllo della mente: creati e impiantati i primi ricordi artificiali ed il mimetismo fotonico dei camaleonti

Durante il sonno è possibile creare ricordi artificiali, utilizzando una stimolazione transcranica di alcune aree cerebrali in una particolare fase di attività dell'ippocampo: lo ha dimostrato uno s...

Il proiettile che porterà la strumentazione dentro i ghiacci di Europa, la coda a forma di quadrifoglio del Sistema Solare e la nascita di una stella gigante

Un proiettile d’acciaio da 20 chili sparato alla velocità del suono in un blocco di ghiaccio da 10 tonnellate. Lo spettacolare tiro a segno (di cui la BBC riporta alcuni video) , effettuato da un...

  • Racetrack Playa, il posto dove le pietre si muovono da sole


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il misterioso caso di Gil Perez. Un caso di teletrasporto spontaneo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Raymond Kurzweil e il backup del cervello


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La futura interazione tra macchina e cervello


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Verso il controllo della mente: creati e impiantati i primi ricordi artificiali ed il mimetismo fotonico dei camaleonti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il proiettile che porterà la strumentazione dentro i ghiacci di Europa, la coda a forma di quadrifoglio del Sistema Solare e la nascita di una stella gigante


    Publish In: News Astronomia

Lo studio sui mini buchi neri,il pianeta sopravvissuto alla sua Stella ed il monitoraggio delle Lune del Sistema Solare


Secondo uno studio dell’Università di Pricenton i mini buchi neri non sarebbero poi così pericolosi. Anche se dovessero colpirci, si limiterebbero ad attraversare la Terra da parte a parte, senza farsi notare. I mini buchi neri si sarebbero formati subito dopo il big bang. Avrebbero dimensioni microscopiche, addirittura inferiori al nucleo di un atomo, e tali rimarrebbero essendo troppo piccoli per riuscire ad attirare la materia ed accrescersi. Questi impercettibili buchi viaggerebbero liberamente nello spazio a velocità di centinaia di chilometri al secondo. E per alcuni fisici, se uno ci colpisse potrebbe causare una piccola catastrofe. Ora, nuove simulazioni dell’evento eseguite al computer ci danno conclusioni più rassicuranti. Il mini buco nero si limiterebbe ad attraversare la Terra, provocando solo lievi onde sismiche. Così lievi da non essere neppure percepite dalla  popolazione. Senza considerare che un simile evento, statistica alla mano, sarebbe molto raro: ammesso che i mini buchi neri esistano e che l’Universo ne contegna il massimo numero possibile, la Terra può in media incontrarne uno ogni 10 milioni di anni.

PIANETI SOPRAVISSUTI


Come sopravvivere vicino a una stella che si gonfia e si trasforma in gigante rossa?  La risposta potrebbe trovarsi a circa 4000 anni luce da noi, nascosta in due pianeti poco più piccoli della Terra. Orbitano intorno a una vecchia stella che ha già attraversato quella fase che attende anche il nostro Sole fra qualche miliardo di anni: dopo aver espulso i suoi strati più esterni, investendo i pianeti che le orbitavano intorno, è diventata una gigante rossa, aumentando milioni di volte il proprio volume iniziale. Due piccoli pianeti, intorno a una stella che ha subito una simile metamorfosi, non dovrebbero proprio esserci, ci si aspetterebbe che fossero stati disintegrati o spazzati via. L’ipotesi per spiegare la loro presenza e la sincronia delle loro orbite è che siano i resti di quello che un tempo doveva essere un pianeta di massa pari a cinque volte quella di Giove. Investito dagli strati esterni della stella, alla quale avrebbe dovuto avvicinarsi, avrebbe successivamente subito una forza gravitazionale che lo avrebbe costretto a smembrarsi. È probabile che alcuni pezzi siano stati assorbiti dalla stella e che altri siano stati espulsi nello spazio, ma per i due piccoli pianeti rilevati si potrebbe trattare di un caso di sopravvivenza estrema.

QUANTE LUNE MANCANO ALL’APPELLO?
Quando intorno a un pianeta ci sono tante lune, può succedere di non riuscire a tenerlo d’occhio tutte e perderne di vista qualcuna. È successo per la folta schiera di satelliti naturali che orbitano intorno ai due giganti del nostro Sistema solare: Giove e Saturno. 66 lune intorno al primo, 62 intorno al secondo: questi i numeri aggiornati a qualche mese fa. Di queste, la maggior parte è stata scoperta dal 2000 in poi, fino ad allora Giove e Saturno avevano raggiunto rispettivamente quota 17 e 18. Il fatto, tuttavia, di individuare una nuova luna non significa conoscerne con esattezza la posizione in un dato momento a meno che, dopo la scoperta, non si pianifichino osservazioni mirate a tracciarne l’orbita. È così che, facendo una sorta di appello, uno studio recente ha analizzato i margini di errore con cui si conoscono le posizioni di 100 fra i satelliti naturali più piccoli e distanti dal proprio pianeta, con le orbite più inclinate e schiacciate. Il risultato è che per 10 lune di Giove e 7 di Saturno, le incertezze sono talmente elevate che, ai fini pratici, non si sa dove cercarle: sono state scoperte ma ora le abbiamo perse di vista. Servirebbero campagne osservative mirate per determinare con accuratezza i parametri orbitali di questi oggetti, ma bisognerebbe riuscire a dedicarvi il prezioso tempo dei grandi telescopi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit