Text Size
Sabato, Giugno 24, 2017
News Astronomia Le sorprese nascoste di Mercurio,il mistero dell'energia rilevata dal satellite Fermi e la mappatura del satellite Io

Platone aveva ragione, trovati i resti di Atlantide tramite Google Ocean

Un rettangolo perfetto nascosto nei fondali dell'oceano Atlantico, a pochi chilometri dalla costa settentrionale dell'Africa e non lontano dalle isola Canarie. E' qui, secondo l'inge...

Ufo catturato in un video a Santiago che si muove a velocità sorprendente

Gli avvistamenti di misteriosi oggetti volanti con capacità tecniche sconosciute sulla Terra hanno confuso l'umanità nel corso della storia. Nella maggior parte dei casi sono stati spiegati in manie...

Dopo un avvistamento Ufo nasce un ibrido tra un maiale e un alieno in Guatemala

Ha la testa mezzo uomo-mezzo Et 13:01 - In un villaggio del Guatemala, a Santa Cruz El Chol, dopo l'avvistamento di un Ufo, è nato un maialino con una testa a metà tra il volto umano ...

Il nuovo re dei buchi neri, le due strane galassie ed il turismo sulla ISS

Tra i buchi neri c'è un nuovo re. Si trova nel cuore della galassia M87 e ha conquistato lo scettro grazie al valore della sua massa, paria 6,6 miliardi di volte quella del Sole. Un valore enorme, ...

Marte stupisce ancora, fotografata dal Mars Curiosity una vera statua...marziana

Da Rocknest, il rover Nasa Curiosity ha eseguito una serie di foto panoramiche di Marte che opportunamente assemblate hanno permesso di ottenere una successiva panoramica a 360° con una definizion...

Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

E’ il più grande insieme di galassie mai individuato finora e mette in dubbio uno dei fondamenti della cosmologia moderna: il principio cosmologico. Andiamo con ordine: il gruppo è molto lontano e...

  • Platone aveva ragione, trovati i resti di Atlantide tramite Google Ocean


    Publish In: Continente Perduto Mu
  • Ufo catturato in un video a Santiago che si muove a velocità sorprendente


    Publish In: Le Prove
  • Dopo un avvistamento Ufo nasce un ibrido tra un maiale e un alieno in Guatemala


    Publish In: Le Prove
  • Il nuovo re dei buchi neri, le due strane galassie ed il turismo sulla ISS


    Publish In: News Astronomia
  • Marte stupisce ancora, fotografata dal Mars Curiosity una vera statua...marziana


    Publish In: Le Prove
  • Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia

Le sorprese nascoste di Mercurio,il mistero dell'energia rilevata dal satellite Fermi e la mappatura del satellite Io


Tra tutti i pianeti del sistema solare sembrava il meno interessante, invece Mercurio ci sta regalando una sorpresa dietro l’altra. Soprattutto da quando la sonda americana Messenger gli sta orbitando attorno. A prima vista Mercurio sembra il gemello della Luna: un grigio deserto pieno di crateri e niente più. E finora, viste le sue piccole dimensioni, si riteneva che si fosse raffreddato  rapidamente, divenendo presto un pianeta inerte. I dati raccolti dalla sonda Messenger hanno però dimostrato che, nonostante le dimensioni, l’attività geologica è andata avanti molto più del previsto, e in minima parte continua ancora oggi. Altro risultato inatteso: il suo nucleo, ovvero ciò che si trova nel cuore del pianeta, sembra essere avvolto da uno strato solido di ferro, caratteristica che gli altri pianeti rocciosi, Terra inclusa, non possiedono. Confermata inoltre la presenza di ghiaccio sul fondo di crateri molto profondi, dove non arriva la luce del Sole e la temperatura si mantiene sotto lo zero. Mercurio è quindi meno scontato di quanto si credeva e ci sarà molto da studiare prima di dare una risposta ai suoi inattesi segreti.

L’UNIVERSO ENERGETICO DI FERMI
Il satellite Fermi, della NASA, ha visto cose che noi umani non potevamo immaginare. Non si tratta di un film di fantascienza, ma della capacità di osservare l’Universo con occhi diversi dai nostri, sensibili alla radiazione gamma, molto più energetica di quella visibile sulla quale siamo sintonizzati noi. Fermi è specializzato nell’osservare stelle di neutroni in rapida rotazione, i resti delle più imponenti esplosioni stellari e ciò che avviene dalle parti dei buchi neri super massicci, ovvero i fenomeni più estremi dal punto di vista dell’energia in gioco. Di questi punti caldi dell’Universo, prima del lancio di Fermi avvenuto nel 2008, ne erano stati individuati pochissimi, ma in appena tre anni di monitoraggio il satellite americano ne ha scovati ben 500: tante sono le regioni dello spazio che si sono rivelate essere sorgenti di raggi gamma. Da quelle parti, in altre parole, succede qualcosa di estremamente energetico ma, per circa un terzo dei casi scoperti grazie a Fermi, non si è ancora riusciti a capire quali siano i meccanismi che generano questo tipo di radiazione. Per questi casi non è stato trovato un collegamento chiaro con nessuno dei fenomeni energetici oggi conosciuti. Il satellite ha quindi gettato lo sguardo su un Universo misterioso che nasconde scenari del tutto nuovi: cosa produce tanta energia? Forse sarà lo stesso Fermi a permetterci di scoprirlo nei prossimi anni.

UNA MAPPA PER IO


Poco più grande della Luna, ruota intorno a Giove mostrandogli sempre la stessa faccia: è Io, una delle quattro lune più grandi del pianeta gassoso, fra esse la più interna. A causa di questa sua posizione risente dell’attrazione gravitazionale di Giove, ma anche di quella delle altre lune della famiglia, un po’ come se si trovasse contesa in un tiro alla fune. Per questo motivo la sua superficie rocciosa è sottoposta a forze simili alle maree, maree solide che provocano fratture esterne e riversamenti di magma fuso. In altre parole Io è teatro di una intensa attività vulcanica. Di questa sua irrequieta superficie è stata recentemente realizzata una mappatura globale grazie alla quale è possibile orientarsi fra vulcani e zone calde. La cosa che sorprende è che su questo turbolento mondo ci sono molti crateri di tipo vulcanico, ma sono del tutto assenti quelli da impatto, quelli che vediamo sulla nostra Luna ad esempio. Di certo questo non significa che meteoriti e frammenti rocciosi non si schiantino su Io, ma piuttosto che il segno lasciato dal loro impatto viene cancellato dal continuo rimodellamento della superficie, dovuto proprio all’attività vulcanica.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit