Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
News Astronomia L'origine del magnetismo lunare, il Sole danneggia la Venus Express ed i problemi alla vista degli astronauti

L'incredibile velocità di rotazione della nana bruna J1122+25, la presenza di acqua nel recente passato di Cerere e la nuova scoperta che rende Marte sempre più simile alla Terra

Per la prima volta gli astronomi hanno rilevato quella che potrebbe essere la nana bruna ultra fredda con la velocità di rotazione più elevata. Si tratta di J1122+25 (nome esteso WISEPC J112254.73+2...

La nascita della Supernova più luminosa causata da un buco nero, le nuove stime per dichiarare un pianeta abitabile ed i neutrini solari che influenzano il decadimento beta

Preparatevi a un viaggio nell’estremo, in cui i numeri di cui parleremo saranno talmente smisurati da sembrare quasi impossibili. Partiamo da questo: 570 miliardi, il totale dei Soli che sarebbe ...

Le straordinarie foto scattate da Curiosity su dei resti umanoidi su Marte

Uno scheletro su Marte. Queste foto scattate dal rover Curiosity della Nasa alimentano dubbi sulla presenza, almeno in passato, di esseri viventi sul Pianeta Rosso. Dalle immagini ciò che e...

La città di Angkor,il popolo khmer e il 2012

L'impero Khmer ha avuto vita breve: nel XIV secolo è iniziato il suo declino e nel XV si è dissolto; eppure in questo tempo migliaia di edifici sono stati costruiti, con una precisione architettonica ...

Lo strano caso degli Ufo delle Berwyn Mountains

Ogni volta che Huw Lloyd passeggia sulle colline che circondano la sua casa colonica situata nel nord del Galles i pensieri lo riconducono inevitabilmente ad una notte di 40 anni fa e ad un mistero ...

Secondo Richard Dolan gli americani sono in contatto con gli alieni dal 1947

Lancio di agenzia nel cuore di una domenica critica per l’Italia, visto l’ennesimo ultimatum della Comunità europea, e tragica per gli sportivi, a causa l’incidente mortale di Marco Simoncelli a Se...

  • L'incredibile velocità di rotazione della nana bruna J1122+25, la presenza di acqua nel recente passato di Cerere e la nuova scoperta che rende Marte sempre più simile alla Terra


    Publish In: News Astronomia
  • La nascita della Supernova più luminosa causata da un buco nero, le nuove stime per dichiarare un pianeta abitabile ed i neutrini solari che influenzano il decadimento beta


    Publish In: News Astronomia
  • Le straordinarie foto scattate da Curiosity su dei resti umanoidi su Marte


    Publish In: Le Prove
  • La città di Angkor,il popolo khmer e il 2012


    Publish In: Profezie passate e future
  • Lo strano caso degli Ufo delle Berwyn Mountains


    Publish In: Le Prove
  • Secondo Richard Dolan gli americani sono in contatto con gli alieni dal 1947


    Publish In: Le Prove

L'origine del magnetismo lunare, il Sole danneggia la Venus Express ed i problemi alla vista degli astronauti

Una roccia grande cinque volte Londra punta verso la Luna. Lo scontro è tremendo, la roccia si polverizza. Parte della polvere viene scagliata nello spazio e parte ricade sulla superficie lunare, sino a raggiungerne la parte opposta. Secondo una simulazione al computer, è quanto potrebbe essere  avvenuto oltre tre miliardi di anni fa: un asteroide esteso 200 chilometri si sarebbe schiantato sul polo sud della Luna, spargendo la sua polvere in zone diverse del satellite. E queste zone coincidono con le regioni dove, a sorpresa, è stato misurato un campo magnetico. A sorpresa in quanto la Luna non possiede un campo magnetico: aver scoperto qua e là zone magnetizzate era quindi un vero mistero. Ora la simulazione potrebbe aver risolto il caso: se la roccia era ricca di metalli, dopo lo scontro la sua polvere avrebbe magnetizzato le zone sulle quali si è depositata.

UN SOLE CHE ACCECA


Il Sole si è svegliato e qualcuno è rimasto accecato. La nostra stella sta attraversando una delle sue periodiche fasi di attività, esibendo con maggiore frequenza fenomeni come macchie solari e brillamenti. A questi ultimi sono spesso associate anche le cosiddette emissioni di massa coronale, enormi sbuffi di plasma, imponenti nubi di protoni ed elettroni spruzzati nello spazio. La settimana scorsa una di queste emissioni, particolarmente energetica, ha raggiunto anche la Terra innescando spettacolari aurore polari, ma senza provocare danni rilevanti alle apparecchiature in orbita. Prima di raggiungere noi, tuttavia, l’ondata di particelle energetiche è passata dalle parti di Venere, investendo la sonda europea che gli orbita intorno, Venus Express: questa volta i problemi ci sono stati. I sensori di orientamento che permettono alla sonda di stabilire la sua posizione esatta tenendo d’occhio le stelle, sono stati accecati. è un problema momentaneo, si pensa di poterli ripristinare, ma nel frattempo Venus Express ha bisogno di molta assistenza da terra. Fa affidamento sui suoi giroscopi che la aiutano, per così dire, a mantenere l’equilibrio, svolgendo una funzione che possiamo paragonare a quella dei recettori situati nell’orecchio umano. Questo però non basta a renderla autonoma. Il Sole attivo obbliga a un periodo di maggiore attività anche i tecnici della missione che adesso si augurano ritorni tranquillo per un po’, così da poter ripristinare la vista di Venus Express.

LO SPAZIO FA MALE ALLA VISTA
Nello spazio anche la vista umana può subire dei danni, questa volta non per colpa del Sole ma delle condizioni di microgravità. Il nostro corpo, i nostri organi, sono “progettati” per vivere in determinate condizioni di pressione, gravità e temperatura: se fossimo delle macchine, varie impostazioni andrebbero cambiate in vista di lunghe permanenze nello spazio. Non potendolo fare, il nostro organismo deve adattarsi come meglio può, senza riuscire a evitare certi indesiderati effetti collaterali. Oltre a conseguenze note, come l’indebolimento di muscoli e ossa, sembra che trascorrere periodi prolungati in orbita possa causare problemi anche alla vista. è ciò che emerge da uno studio effettuato su 27 astronauti con all’attivo, in media, 108 giorni di permanenza nello spazio: sottoposti a risonanza magnetica hanno esibito anomalie simili a quelle che si riscontrano nei casi di ipertensione endocranica e che possono far insorgere disturbi anche gravi alla vista. Questo è un altro dei rischi ai quali vanno incontro gli astronauti che si apprestano a trascorrere lunghi periodi in orbita, rischi che da tenere ben presenti in vista delle future missioni spaziali.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit