Text Size
Sabato, Luglio 22, 2017
News Astronomia La congiunzione tra Giove e Venere, l'ossigeno rilevato dalla Cassini su Dione ed i furti dei pc della Nasa

Come rendersi visibili in tutta la galassia, la firma della materia oscura e la scoperta di nuove stelle più vicine a noi

Siamo sicuri al 100 percento che se mai esistesse una civiltà aliena vorremmo essere trovati? Molto probabilmente sì, visto che uno dei principali obiettivi della comunità scientifica è quella di c...

La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

SI ILLUMINA e cambia colore se viene sfiorata, è elastica al punto che riesce ad allungarsi fino al 500%, percepisce il tatto e la pressione: è la pelle hi-tech che si ispira al polpo e che in fu...

La materia di origine biologica sui campioni del meteorite marziano caduto in Marocco,il pericoloso asteroide 2014 KC46 non colpirà la Terra e la necessità dei fermioni di Majorana per costruire il "simulatore universale"

Se Marte sia stato mai ospitale è ancora un mistero. Il rover della NASA Curiosity, che lavora sodo esaminando rocce, praticando fori, e controllando le previsioni, non è il  solo a cercare di ca...

Gli Ufo coinvolti nel fallimento del missile russo Proton-M/Breeze

Quattro UFO sono stati avvistati in occasione del lancio fallito russo del Proton-M/Breeze avvenuto il 06/07/2012, se è vero che sono stati loro a causare il fallimento allora la domanda che uno ...

Il primo osservatorio dell'Africa orientale, le enigmatiche macchie di Cerere e la rotazione anomala di Mercurio

Si tratta del secondo stato più popoloso del continente africano e sta per lanciare il primo programma per le scienze spaziali dell’Africa orientale. Parliamo dell’Etiopia, dove verrà inaugurato ...

Le mummie egiziane trovate nel Grand Canyon in America

Il 5 aprile 1909, una storia in prima pagina nell’Arizona Gazette parlava di una spedizione archeologica nel cuore del Grand Canyon, finanziata dalla Smithsonian Institution, che aveva portato alla ...

  • Come rendersi visibili in tutta la galassia, la firma della materia oscura e la scoperta di nuove stelle più vicine a noi


    Publish In: News Astronomia
  • La pelle artificiale superelastica per i futuri robot


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La materia di origine biologica sui campioni del meteorite marziano caduto in Marocco,il pericoloso asteroide 2014 KC46 non colpirà la Terra e la necessità dei fermioni di Majorana per costruire il "simulatore universale"


    Publish In: News Astronomia
  • Gli Ufo coinvolti nel fallimento del missile russo Proton-M/Breeze


    Publish In: Le Prove
  • Il primo osservatorio dell'Africa orientale, le enigmatiche macchie di Cerere e la rotazione anomala di Mercurio


    Publish In: News Astronomia
  • Le mummie egiziane trovate nel Grand Canyon in America


    Publish In: Oopart Archeomisteri

La congiunzione tra Giove e Venere, l'ossigeno rilevato dalla Cassini su Dione ed i furti dei pc della Nasa


Due punti luminosi che brillano di una luce ferma e intensa. In questi gironi appaiono in cielo appena diventa sera e notarli è inevitabile. In realtà non brillano di luce propria ma si limitano a riflettere la luce dl Sole. Sono due pianeti del nostro sistema solare. Il primo punto, quello in apparenza meno luminoso, è Giove. E’ un pianeta gassoso e gigante:è fatto di gas ed è così grande da contenere oltre 1.000 volte la Terra. Il secondo punto, quello che appare più luminoso, è Venere, un pianeta che deve ancora dirci molto. Nonostante abbia il nome della dea dell’amore, Venere non è affatto un luogo romantico ma sembra piuttosto un inferno. E’ completamente avvolto da nuvole di anidride carbonica: come fossero una coperta le nuvole trattengono il calore al punto che di giorno la temperatura raggiunge i 500 gradi. Con un tale calore anche il piombo inizia a squagliarsi. Non resta allora che alzare gli occhi e cercare i primi due punti che appaiono in cielo: Giove e Venere aspettano solo di essere ammirati.

UNA BOCCATA D’OSSIGENO PER DIONE


E’ dal 2004 che la sonda Cassini si trova in orbita fra Saturno e le sue lune, e in tutto questo tempo non si è certo annoiata grazie a un susseguirsi di scoperte. L’ultima riguarda Dione: con un diametro poco superiore ai 1100 Km, questa piccola luna avrebbe intorno a sè una sottilissima atmosfera. Uno strato gassoso estremamente rarefatto: la sua densità in prossimità della superficie è confrontabile con quella che ha la nostra atmosfera a 480 Km di altezza, dalle parti in cui orbita la Stazione Spaziale. Quasi impercettibile, quindi, ma la cosa interessante è che la Cassini ha rilevato la presenza di ossigeno. Molecole di questo gas erano già state identificate anche intorno a Rea, altra luna di Saturno, anch’essa avvolta da una atmosfera estremamente poco densa. Con tutta probabilità, l’ossigeno viene liberato nelle immediate vicinanze della superficie di queste lune quando fotoni o particelle energetiche provenienti dallo spazio colpiscono il ghiaccio d’acqua presente su di esse, rompendo il legame che lo tiene vincolato all’idrogeno nel formare molecole d’acqua. Questo potrebbe non essere il solo meccanismo coinvolto, potrebbero essercene altri, magari di natura geologica. In ogni caso si tratta di una interessante dimostrazione di come l’ossigeno molecolare possa essere prodotto anche in assenza di processi che coinvolgano organismi viventi.

FURTI ALLA NASA
Subire un furto non è mai piacevole e se poteva essere evitato potenziando la sicurezza, oltre al danno c’è anche un po’ di imbarazzo. Forse è per questo motivo che la NASA ha aspettato un po’ prima di annunciarlo: qualcuno ha rubato dei computer portatili. Sembra una cosa da nulla, ma le cose acquistano un altro peso sapendo che uno di quei pc conteneva codici di comando per controllare nientemeno che la Stazione Spaziale Internazionale. Un computer che “non deve cadere nelle mani sbagliate” potremmo dire usando una frase da film. E non finisce qui: un altro pc rubato conteneva informazioni sensibili sui programmi Orion e Constellation, per le future missioni umane nello spazio. I rapporti si riferiscono al 2011 e nel frattempo non è successo nulla. Paul Martin, Ispettore Generale NASA, ammette che fino a quando non sarà implementato un sistema che permetta di criptare in modo capillare le informazioni presenti nei dispositivi mobili in dotazione al numeroso personale, il rischio di furti e perdita di dati rimane alto. C’è da chiedersi come mai questo sistema di protezione non sia ancora ottimizzato: forse la tecnologia informatica sempre più leggera e portatile corre troppo in fretta anche per la NASA.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit