Text Size
Giovedì, Ottobre 19, 2017
News Astronomia Il pianeta fatto di acqua bollente, il terremoto di Marte e le contrazioni lunari

Il triangolo del Nevada. L'area con più avvistamenti Ufo in assoluto

Una delle ultime scoperte in fatto di Ufo è la strana concentrazione di avvistamenti che avvengono in California vicino l'area 51 ma che si estende in un perimetro preciso fino al Nevada difatti  chia...

Un altro Ufo filmato mentre decelera ed entra nel vulcano Popocatepeti

Vi ricordate dell'Ufo che nei mesi scorsi era stato filmato mentre entrava nel vulcano attivo Popocatepeti in Messico? Bene recentemente è stato ripreso in video un altro Ufo che arriva da un lato, ...

Dashi-Dorgio Itighilov. Il mistero del Lama non morto

I non-morti appartengono alla tradizione della letteratura e del cinema horror, e soprattutto al regno della fantasia: ma non è il caso del Lama buddista russo Dashi-Dorgio Itighilov, sepolto nel...

La prima pianta ibridata con un circuito elettronico

Sviluppare sensori che registrano i livelli di ormoni nelle piante e ne controllano la fisiologia, oppure realizzare piante ibride, ovvero con elementi artificiali in grado di convertire in elettric...

Julia Vorobjova la donna che vede a raggi x

La “donna a raggi X” racconta la sua storia straordinaria. Da 32 anni vede attraverso i corpi delle persone, dopo uno shock provocato da una violenta scossa elettrica che l’ha ridotta in fin di vi...

I raggi cosmici da sorgenti galattiche, la galassia nana più distante mai analizzata e la nube a 8 mila anni luce da noi scoperta da Hubble

La maggior parte dei raggi cosmici che rileviamo da Terra sono stati prodotti in epoche relativamente recenti all’interno di ammassi di stelle vicini a noi. Questo è ciò che affermano i risultati ...

  • Il triangolo del Nevada. L'area con più avvistamenti Ufo in assoluto


    Publish In: Le Prove
  • Un altro Ufo filmato mentre decelera ed entra nel vulcano Popocatepeti


    Publish In: Le Prove
  • Dashi-Dorgio Itighilov. Il mistero del Lama non morto


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La prima pianta ibridata con un circuito elettronico


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Julia Vorobjova la donna che vede a raggi x


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I raggi cosmici da sorgenti galattiche, la galassia nana più distante mai analizzata e la nube a 8 mila anni luce da noi scoperta da Hubble


    Publish In: News Astronomia

Il pianeta fatto di acqua bollente, il terremoto di Marte e le contrazioni lunari


A 40 anni luce di distanza sembra esserci un pianeta fatto di acqua bollente. Gli astronomi lo avevano individuato tre anni fa ma solo ora, grazie al telescopio spaziale Hubble, sono emersi particolari alquanto curiosi. Il pianeta è grande il doppio della Terra ma non risulta essere un corpo roccioso né un pianeta gassoso. Piuttosto sembra essere fatto di acqua, forse con pezzi di roccia immersi qua e là. A renderlo ancora più caratteristico, è la sua temperatura superficiale: circa 200 gradi. Questo significa che l’acqua sta bollendo, dando origine a una  densa atmosfera costituita in buona parte da vapore. Va comunque detto che questo scenario è solo ipotetico. Anche se al momento è l’unico in grado di spiegare i dati raccolti, per la certezza è meglio attendere i risultati di ulteriori osservazioni. Solo allora sapremo se abbiamo davvero scoperto il primo esemplare di una curiosa categoria di mondi fatti di acqua.

SEGNI DI UN “MARTEMOTO”
Quei macigni si sono mossi: è quanto si deduce osservando le immagini realizzate dalla sonda Mars Reconnaissance Orbiter, in orbita intorno al pianeta rosso. Sono rotolati, franati giù dalla sommità di alcuni dirupi nei pressi della faglia denominata Cerberus Fossae. Nello spostarsi, alcuni di questi grossi pezzi di roccia hanno lasciato dei segni sulla superficie del pianeta rosso: tracce del loro passaggio che non lascerebbero dubbi sulla causa del loro cambiamento di posizione. Su Marte c’è stato un terremoto. Scosse di magnitudine superiore alla settima, paragonabili al terremoto che colpì L’Aquila con conseguenze, purtroppo, ben peggiori dello spostamento di macigni. Secondo le analisi, questo martemoto di cui ancora si vedono i segni, si sarebbe verificato qualche milione di anni fa: sembra storia vecchia, invece è da considerarsi un avvenimento relativamente recente dal punto di vista geologico. Su Marte potrebbero addirittura verificarsi tuttora eventi del con terremoti indotti dal movimento del magma di un vulcano, l’Elysium Mons, nelle vicinanze della Cerberus Fossae. L’attività vulcanica sotterranea potrebbe generare un calore tale da sciogliere il ghiaccio superficiale, mitigando l’ambiente.

RUGHE E SMAGLIATURE LUNARI
Anche sulla Luna sembra sia successo qualcosa in tempi recenti. E, come per il terremoto di Marte, con “tempi recenti” si intende qualche decina di milioni di anni fa. Anche questa volta a rivelarlo sono segni sulla superficie, individuati da una sonda orbitante, la Lunar Reconnaissance Orbiter. Si tratta di piccole valli: lunghe qualche centinaio di metri, profonde una ventina, sono zone in cui la superficie è stata stiracchiata, una sorta di smagliature rocciose. Sembrano strutture contrapposte alle “rughe” rilevate qualche tempo fa, che indicano una contrazione globale della Luna. Le piccole valli suggeriscono che in  certe zone, localmente, si verifichi il processo inverso, una dilatazione. Queste evidenze geologiche offrono spunti preziosi per indagare sulla formazione del nostro satellite.

 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit