Text Size
Domenica, Maggio 31, 2020
News Astronomia Il primo test del lanciatore spaziale europeo Vega ed il risultato dello scontro tra 2 galassie

Un altro gigantesco monolito scoperto a Baalbek

Nell’estate del 2014, il Dipartimento Orientale del Deutsches Archäologisches Institut ha iniziato un nuovo scavo nel sito megalitico di Baalbek. Come noto da tempo, nel sito di Baalbek fu rit...

Trovato un altro ingresso di una base aliena sulla Luna nel Bancroft Crater

Le immagini che vi mostriamo, sono state documentate ed elaborate dal ricercatore UFO Scott Waring, e mostrano il misterioso ingresso di una base aliena sotterranea. L’ingresso della base è ubicat...

Gli ufo fotografati nel 1941 nell'artico da un sottomarino americano

Fotografie di un UFO, anzi tecnicamente un USO (oggetti sottomarini non identificati), scattate da un sottomarino della marina militare USA nel 1971? È il nuovo giallo a sfondo ufologico che tiene b...

Secondo il fisico nucleare Friedman presto ci sarà la verità sugli Ufo

Stanton T. Friedman. Un nome che in Italia dice ben poco, ma che da decenni è tra i maggiori esperti e ricercatori nel campo dell'ufologia, nonché scrittore di alcuni libri e saggi in tema di extr...

I misteriosi macchinari giganti dell'antico Egitto

Attratto da quanto prospettato da Petrie, un altro tecnologo esperto nel settore, Cristopher Dunn, ha seguito le indagini e ha redatto, nel 1983, un articolo titolato "Macchinari avanzati nell'An...

Scoperta una struttura "aliena" tramite Google Mars

Abbiamo più volte segnalato la presenza di strane strutture su marte, e non solo, ma questa potrebbe essere la più importante scoperta documentata in maniera molto ‘convincente’! Questa struttura ...

  • Un altro gigantesco monolito scoperto a Baalbek


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Trovato un altro ingresso di una base aliena sulla Luna nel Bancroft Crater


    Publish In: Le Prove
  • Gli ufo fotografati nel 1941 nell'artico da un sottomarino americano


    Publish In: Le Prove
  • Secondo il fisico nucleare Friedman presto ci sarà la verità sugli Ufo


    Publish In: Le Prove
  • I misteriosi macchinari giganti dell'antico Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Scoperta una struttura "aliena" tramite Google Mars


    Publish In: Uomini e Misteri

Il primo test del lanciatore spaziale europeo Vega ed il risultato dello scontro tra 2 galassie

Qui comincia l’avventura del… lanciatore VEGA. Partito puntualmente alle ore 11.00 italiane dalla base ESA di Kourou nella Guyana francese, il vettore al 60% italiano, ha completato il suo primo test di qualifica. Soddisfazione è stata espressa dall’Agenzia Spaziale Italiana e Europea, oltre che dall’AVIO Group, partner industriale del programma.

VEGA è un progetto nato negli anni ’60 grazie al padre dello spazio italiano, Luigi Broglio, ma che è diventato un programma reale solo a fine degli anni ’90, quando fu inserito nel Piano Spaziale Nazionale e fu reso, nonostante le resistenze francesi, un programma europeo.

All’epoca presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana era Sergio De Julio. A lui toccò affrontare la Francia, restia a condividere un predominio, quello dei lanciatori, la cui resistenza fu vinta da un’Italia che da una parte dichiarò che sarebbe andata avanti da sola e dall’altra, alla ministeriale ESA del 1999, minacciò di ritirare i finanziamenti per il programma Ariane.

“Erano quattro le motivazioni su cui si basava la nostra convinzione di portare avanti il programma VEGA – ricorda De Julio – da una parte che mancava un lanciatore medio-piccolo e che andasse completata la gamma dei lanciatori europei, dall’altra la consapevolezza che vi fosse crescente una domanda di vettori per satelliti medio-piccoli , fino ad una tonnellata di peso. A queste si aggiungevano altre due considerazioni:  l’autonomia  dell’Europa nell’accesso allo spazio e, conclude De Julio, l’aspetto tutto nazionale, di poter acquisire  una competenza che era solo parziale”.

Da allora sono passati 12 anni. Il cammino di VEGA infatti non è stato facile, ma ha più di un merito oggi questo lanciatore. Non solo, come detto da De Julio, la prova di  un’acquisita capacità nazionale, ma anche che “ il lanciatore – ricorda Giovanni Bignami Presidente dell’INAF  - ha nel suo volo di qualifica, a bordo dei payloads: sei mini satelliti, ma soprattutto LARES (Laser Relativity Satellite), che permetterà di raggiungere importanti obiettivi scientifici nel campo della fisica gravitazionale, fisica fondamentale e scienze della Terra, di cui è PI Ignazio Ciufolini dell’Università di Lecce. Un risultato, quello di ottimizzare il lancio – conclude Bignami – a cui ho dato il mio contributo quale Presidente dell’ASI”.

 

A prima vista sembra un ammasso piuttosto caotico di stelle nel quale si percepisce la presenza di una struttura centrale allungata, la cosiddetta ‘barra’. Non a caso la galassia NGC 4449, che si trova a 12,4 milioni di anni luce da noi in direzione della costellazione dei cani da caccia è stata classificata di tipo ‘irregolare’. La particolare conformazione di quella che è una delle galassie più vicine a noi tra quelle che compongono il cosiddetto Gruppo Locale ha suggerito agli astrofisici che dovesse essere dovuta a una qualche forma di interazione con altri oggetti ad essa vicini.

A sinistra: NGC 4449 ripresa con il telescopio da 28 pollici Centurion con posa di 3 ore. A destra: l'immagine elaborata al calcolatore di NGC 4449 dopo che è stata sottratta la luce prodotta dalle sue stelle più antiche. Viene così messa in risalto la struttura della galassia compagna NGC 4449B che circa 100 miliondi di anni fa avrebbe interagito con il nucleo di NGC 4449. Crediti: Rich et al, Nature


A supporto di questa ipotesi arriva oggi un lavoro condotto da un gruppo di astrofisici guidato da Michael Rich della University of California e pubblicato sulla rivista Nature che riporta l’osservazione di una galassia nana dalla peculiare forma ad esse proprio in vicinanza di NGC 4449.

Secondo gli scienziati, la piccola galassia potrebbe aver avuto nel passato un passaggio ravvicinato rispetto al nucleo di NGC 4449, creando una deformazione nella distribuzione delle stelle al suo interno e subendo essa stessa la forza di attrazione gravitazionale che ne ha modellato la struttura, proprio come viene osservata oggi. Questo incontro potrebbe inoltre spiegare inoltre l’intenso processo di formazione stellare che viene registrato nella galassia NGC 4449.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit