Text Size
Venerdì, Agosto 23, 2019
News Astronomia Il picco solare previsto per il 2013, lo strano disco protoplanetario e le dune di Titano

Gli avvistamenti Ufo ripresi dalla Nasa nel 2012

Anche durante quest'ultimo anno la Nasa, durante le varie missioni spaziali, è stata testimone involontaria di alcuni avvistamenti Ufo immortalati inconfutabilmente nei suoi video e foto. La Nasa no...

Come conosciamo la distanza delle stelle e delle galassie in astronomia

Le stelle,sono corpi celesti simili al Sole, ma posti a enormi distanzeda noi. È per questo motivo che sono così piccole e deboli rispetto al Sole.Le stelle hanno distanze molto diverse tra loro. La m...

La mano di Dio

Devo dire che quando ho visto la foto, non volevo crederci. E subito mi è venuta in mente l'immagine del celebre Galactus, il padrone dell'Universo immaginato da Stan Lee nei fumetti di Silver Surfe...

Lo studio degli anelli sulla Luna,dubbi e incertezze sull'energia oscura e la doppià velocità della pulsar PSR B0943+10

Sulla Luna c’è un enorme bacino, formatosi circa 3.8 miliardi di anni fa, caratterizzato da una forma ad anelli concentrici. Si chiama Mare Orientale, e utilizzando i dati provenienti dalla missione...

La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon

[La Stampa] Potrebbe essere l’ultimo segreto del faraone-bambino, Tutankhamon, il più celebre della storia egiziana. È quasi certo che ci siano due camere nascoste dietro i muri della tomba del...

La materia "stealth" oscura, il gigantesco buco nero della galassia SAGE0536AGN e l'evoluzione della Nebulosa del Velo

Stealth come furtiva. Stealth come imprendibile. Stealth come quei minacciosi aerei da guerra dal profilo sagomato così da essere invisibili ai radar. Da quanto emerge dai calcoli dei fisici dell’...

  • Gli avvistamenti Ufo ripresi dalla Nasa nel 2012


    Publish In: Le Prove
  • Come conosciamo la distanza delle stelle e delle galassie in astronomia


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • La mano di Dio


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Lo studio degli anelli sulla Luna,dubbi e incertezze sull'energia oscura e la doppià velocità della pulsar PSR B0943+10


    Publish In: News Astronomia
  • La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La materia "stealth" oscura, il gigantesco buco nero della galassia SAGE0536AGN e l'evoluzione della Nebulosa del Velo


    Publish In: News Astronomia

Il picco solare previsto per il 2013, lo strano disco protoplanetario e le dune di Titano

Un massimo sotto tono


Per il Sole è il momento di tornare al massimo della sua attività. Brillamenti e tempeste solari stanno aumentando di intensità ma chi si aspetta qualcosa di clamoroso resterà deluso. Anzi, il nuovo massimo potrebbe risultare sotto la media. E pensare che pochi anni fa alcune previsioni preannunciavano una supertempesta solare per la fine del 2012. Previsioni non attendibili perché al momento non abbiamo sviluppato un modello affidabile che ci permetta di calcolare l’intensità dei cicli solari nel lungo periodo. A funzionare bene sono invece i modelli per le previsioni a breve termine. Per questo solo ora  possiamo dire cosa accadrà da qui ad un anno. Il nuovo massimo solare ci sarà ma verso febbraio del 2013 e si preannuncia deludente, forse il meno intenso degli ultimi 80 anni.

Il disco insolito
Intorno a una stella, a circa 700 anni luce da noi, c’è un disco di gas e polveri. È un disco protoplanetario, rappresenta cioè la fase precedente a quella che porterà alla formazione di nuovi pianeti. Un caso interessante, ma apparentemente solo uno dei tanti già individuati. Tuttavia, dallo studio di questa sorta di grande ciambella è emerso qualcosa di insolito in merito a uno dei suoi ingredienti. Il monossido di carbonio che normalmente si trova distribuito in maniera uniforme, in questo caso si trova concentrato in anello sottile all’interno del disco stesso. In precedenza non era mai stato osservato nulla del genere: questo caso solleva parecchi interrogativi. Questa distribuzione tanto insolita potrebbe essere legata al forte campo magnetico della stella che in qualche modo intrappola il monossido di carbonio. Forse è un caso unico o forse è soltanto raro: in ogni caso apre un nuovo panorama sullo studio dei meccanismi che portano alla formazione dei pianeti.

Le dune di Titano


A prima vista sembrano le dune sabbiose di uno dei nostri deserti. Invece, le immagini riprese dalla sonda Cassini, mostrano dettagli della più grande fra le lune di Saturno. Il 13% della superficie di Titano è infatti coperta da dune. Circa 10 milioni di chilometri quadrati di paesaggio che gli amanti della fantascienza possono immaginare simili a quelli visti sul pianeta Arrakis, del film Dune. Ma le somiglianze con i panorami che conosciamo, terrestri o fantascientifici, si limitano all’aspetto. Le dune di Titano sono extralarge rispetto ai nostri standard: lunghe centinaia di chilometri, possono raggiungere i 100 metri di altezza. E la composizione della loro sabbia è diversa da quella che tipicamente si trova sulla Terra: niente silicati ma idrocarburi solidi. Quindi le apparenze ingannano, le differenze sono sostanziali, ma fa comunque un certo effetto vedere le dune di un altro mondo.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit