Text Size
Lunedì, Luglio 06, 2020
News Astronomia L'ammasso stellare dove è nato il Sole, il rientro della sonda Phobos Grunt ed il doppio nucleo della galassia Andromeda

L'Ufo immortalato da Google Earth sui cieli sudafricani

Se di tanto in tanto vi domandate se siamo soli nell'universo e se gli ufo esistano per davvero, forse una risposta potrebbe arrivarvi dal web. Google Earth (ma solo nella sua ultimissima version...

La nuova scoperta del ghiaccio elettrico

Un gruppo di ricercatori ha creato un filamento di ghiaccio in cui i legami puntano tutti nella stessa direzione, così da creare un campo elettrico Un filamento di ghiaccio ferroelettrico ...

Il primo fucile realizzato con una stampante 3D

Il primo fucile stampato in 3D è stato testato nei giorni scorsi. Si tratta di un calibro .22 realizzato in Canada ribattezzato "Grizzly", che per il momento non sembra funzionare a dovere. È stat...

Come sarà il futuro? Tra robot, spazio e biotecnologie la scienza risponde

Che ne sarà di noi? Come esseri umani, abbiamo cambiato il pianeta Terra e stiamo trasformando la nostra stessa specie, siamo consapevoli del potere che scienza e tecnologia ci hanno dato, ma anc...

Nelle remote paludi della Spagna sorgeva Atlantide

Un gruppo di ricercatori internazionali ha annunciato di avere scoperto il punto in cui sorgeva la leggendaria città di Atlantide, identificandolo nelle remote paludi della Spagna sud-occidentale...

Il sistema binario dei record, le ultime immagini di Rosetta e le dimensioni mastodontiche della Via Lattea

Guardatelo. È nell’animazione video qui in fondo, realizzata per l’occasione dagli scienziati del Goddard Space Flight Center della NASA. È un sistema binario, e fin qui nulla di strano: l’univers...

  • L'Ufo immortalato da Google Earth sui cieli sudafricani


    Publish In: Le Prove
  • La nuova scoperta del ghiaccio elettrico


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il primo fucile realizzato con una stampante 3D


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Come sarà il futuro? Tra robot, spazio e biotecnologie la scienza risponde


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Nelle remote paludi della Spagna sorgeva Atlantide


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il sistema binario dei record, le ultime immagini di Rosetta e le dimensioni mastodontiche della Via Lattea


    Publish In: News Astronomia

L'ammasso stellare dove è nato il Sole, il rientro della sonda Phobos Grunt ed il doppio nucleo della galassia Andromeda

Il Sole potrebbe essersi formato in un ammasso di stelle per poi venirne espulso? L’ipotesi è credibile perché buona parte delle stelle si formano negli ammassi. Il candidato ideale risulta M67, che per età, distanza dal centro galattico, dinamica e composizione chimica sembrerebbe essere proprio il luogo di origine della nostra stella. Per stabilire come sono andate le cose, gli astronomi, compresi alcuni ricercatori di Padova, hanno utilizzato il telescopio LBT in Arizona per misurare i moti dell’ammasso, ricostruirne le orbite seguite nel passato e verificare se hanno mai incrociato le orbite del Sole. Risultato: il Sole è passato vicino a M67 ma a velocità tali da escludere che ne abbia mai fatto parte e tantomeno che ne possa essere stato espulso. Ma se M67 non è più il candidato favorito, su quale insieme di stelle conviene puntare? Forse su nessuno, dicono gli astronomi, perché l’ammasso nel quale si è formato il Sole probabilmente si è disgregato da tempo per effetto delle intense forze gravitazionali presenti nella Galassia.


Phobos Grunt fa un buoco nell’acqua
Avrebbe dovuto essere in viaggio verso Marte, e invece ora si trova nelle profondità dell’Oceano Pacifico, dove è precipitata il 15 gennaio intorno alle 18.45, ora italiana. È finita così, un grosso buco nell’acqua a 1000 km dalle coste del Cile, una missione che non aveva neppure fatto in tempo a iniziare, quella della sonda russa Phobos-Grunt. Qualcosa era andato storto subito dopo il lancio, avvenuto lo scorso 8 novembre: Phobos-Grunt si era posizionata su un’orbita più bassa rispetto a quella stabilita. Questo l’ha condannata a rimanere per un periodo intorno alla Terra prima di precipitare in maniera incontrollata. Un ritorno a casa non particolarmente gradito visto che la sonda era grande come un autobus e con 7 tonnellate di carburante, ma che fortunatamente non ha provocato danni. Quello di Phobos Grunt resta però un fallimento di quelli da non che non si devono ripetere. Ancora non è chiaro cosa esattamente non abbia funzionato: le indagini sono in corso e risultati verranno notificati il 26 gennaio.

I due cuori di Andromeda


Recentemente il telescopio Hubble è tornato a puntare lo sguardo sulla galassia della porta accanto, M31, la Galassia di Andromeda, realizzando un’immagine estremamente dettagliata della sua parte centrale. Ciò ha permesso di osservare meglio una scoperta fatta nel ’92, sempre grazie al telescopio orbitante, ovvero il “doppio nucleo” di M31. Nell’immagine, infatti, oltre al nucleo effettivo, formato da un ammasso compatto di stelle blu, è facile distinguerne un altro, un gruppo di stelle rosse. In realtà si tratta di una sorta di illusione: le stelle rosse ci sono davvero, ma non sono ammassate in quel punto. Semplicemente percorrono delle orbite più larghe, che contengono l’ammasso blu e quando raggiungono la massima distanza dal centro della galassia, rallentano il loro cammino dando l’illusione di aver formato un ingorgo. Sembra che Andromeda abbia due cuori, ma quello vero è blu e non rosso.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit