Text Size
Martedì, Giugno 19, 2018
News Astronomia Il destino di 2 pianeti extrasolari, news sul telescopio James Webb e la sonda Dawn sull'asteroide Vesta

Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare

I buchi neri super-massicci, dalla massa di milioni o miliardi di volte quella del nostro Sole, sono corpi bizzarri ma tutt’altro che rari, visto che molte galassie – se non tutte – ne ospitano un...

Risveglio Quantico e cambio dimensionale 2012

Molte culture della New Age vedono nel 2012 un cambio dimensionale che porta l'uomo dalla Terza dimensione + 1 del Tempo, alla Quarta dimensione + 1 del Tempo. La cosa curiosa è che alcuni scienzati h...

Il mistero del satellite alieno che orbitava attorno alla Terra: il caso Black Knight

Nel 1998, lo shuttle Endeavour, nel corso della missione STS088, scattò alcune fotografie che furono poi pubblicate nel 2011 sul sito della NASA (quindi  13 anni dopo). Tra queste, 6 destarono l’...

I segreti Nasa sugli UFO violati da un hacker inglese

 LONDRA. Con la frangetta scura e gli occhi a mandorla, ha l'aria vagamente stranita di Mister Spock. Il che non stona più di tanto, visto che Gary McKinnon, lo hacker che gli Stati Uniti accusano di ...

L'Ufo e l'alieno fotografati su Marte dalla sonda Curiosity

Che cosa cerca di nascondere ancora la Nasa? Nel video seguente vengono mostrate due immagini scattate dallo stesso Mars Rover Curiosity dove in una viene fotografato un ufo classico a disco ed in u...

Darpa e l'elmetto del futuro

Il prototipo dell'elmetto L'dea è semplice: se ogni singolo aspetto delle sensazioni umane, dalla percezione alle emozioni fino al comportamento è regolato dall'attività del cervello, allora è su...

  • Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare


    Publish In: News Astronomia
  • Risveglio Quantico e cambio dimensionale 2012


    Publish In: Profezie passate e future
  • Il mistero del satellite alieno che orbitava attorno alla Terra: il caso Black Knight


    Publish In: Le Prove
  • I segreti Nasa sugli UFO violati da un hacker inglese


    Publish In: Le Prove
  • L'Ufo e l'alieno fotografati su Marte dalla sonda Curiosity


    Publish In: Le Prove
  • Darpa e l'elmetto del futuro


    Publish In: Scienza e Futuro

Il destino di 2 pianeti extrasolari, news sul telescopio James Webb e la sonda Dawn sull'asteroide Vesta

I sopravvissuti


Due pianeti extrasolari sembrano essere sfuggiti all’inevitabile. Scoperti dal satellite NASA Kepler, orbitano attorno a una stella simile al Sole, giunta al termine della sua evoluzione. Questo significa che in passato la stella deve aver attraversato la fase di gigante rossa, ovvero un periodo nel quale ha aumentato a dismisura le sue dimensioni, tanto da inglobare i due pianeti. Successivamente si è sgonfiata, divenendo una piccola nana bianca. Sino ad ora si credeva che i pianeti inglobati dalla stella non potessero sopravvivere ma questa volta non è andata così. I due pianeti, due giganti gassosi, hanno solo perso il guscio più esterno di gas mentre i loro nuclei sono rimasti intatti. Fra circa 5 miliardi di anni anche il Sole diventerà una gigante rossa. Non sappiamo se la Terra verrà inglobata o meno, ma visto quanto è accaduto ai due pianeti scoperti da Kepler forse potrebbe riuscire a cavarsela.

Buone notizie per il James Webb
Nuovo importante passo in avanti verso il completamento del James Webb, il telescopio spaziale che dovrà sostituire il vecchio Hubble. Il telescopio utilizzerà 21 specchi, ognuno costituito da tanti segmenti. Proprio questi segmenti, per un periodo di dieci settimane, sono stati sottoposti a temperature di -233 gradi nei laboratori del Marshall Space Flight Center della NASA. In questo modo è stato possibile misurare le loro reazioni e variazioni di forma nelle varie fasi di abbassamento della temperatura, apportando di caso in caso tutte le modifiche richieste per garantire sempre il miglior rendimento. Gli specchi dovranno lavorare a queste temperature perché solo così sarà minimizzato il loro calore, la cui emissione nell’infrarosso andrebbe altrimenti a coprire i deboli segnali infrarossi provenienti dagli oggetti celesti sotto studio. Ora che anche questi test sono stati superati, è possibile essere ottimisti sul completamento del James Webb Telescope. E pensare che fino a poco tempo fa l’intero progetto sembrava senza futuro, tra tagli ai finanziamenti, inconvenienti e cambi di programma. Una volta che andrà in orbita, avremo a disposizione il telescopio più potente mai realizzato e, cosa non da poco, un degno successore dello storico e indimenticabile telescopio spaziale Hubble.

Dawn al suo minimo
Dal 12 dicembre, la sonda Dawn della NASA è alla sua minima distanza dall’asteroide Vesta: appena 200 chilometri. Le immagini riprese dalla sonda mostrano una superfice piena di crateri, mentre si attendono i risultati dei dati raccolti dai rivelatori di bordo per determinare gli elementi costitutivi dell’asteroide e ricostruirne la struttura interna. Tra gli strumenti a disposizione della sonda, spicca lo spettrometro ad immagine VIR operante nel visibile e nel vicino infrarosso ad alta risoluzione spaziale e spettrale, sviluppato con il forte contributo italiano dell’INAF-Istituto Nazionale di Astrofisica.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit