Text Size
Giovedì, Ottobre 19, 2017
News Astronomia Il destino di 2 pianeti extrasolari, news sul telescopio James Webb e la sonda Dawn sull'asteroide Vesta

Il mistero del "Libro dei segreti" scritto nel 1200

Il Libro dei Segreti risultanti dai pensieri” è un manoscritto mai divulgato fino a oggi, scritto in arabo da uno scienziato andaluso, un Leonardo da Vinci nato 400 anni prima! Sopravvissuto in ...

Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

E’ il più grande insieme di galassie mai individuato finora e mette in dubbio uno dei fondamenti della cosmologia moderna: il principio cosmologico. Andiamo con ordine: il gruppo è molto lontano e...

Devil's Kettle. La misteriosa fossa del diavolo

La particolarità di queste cascate è dovuta al fatto che non si sa dove l’acqua vada a finire. L’acqua dopo il salto della cascata finisce in un buco. La cascata in questione per questo motivo è sta...

Dalle previsioni di 56 futurologi ecco le destinazioni che cambieranno la geografia turistica nei prossimi dieci anni

DI VIAGGI nello Spazio se ne stanno progettando fin troppi. Basti guardare alle promesse del miliardario Richard Branson e ai profumati biglietti che ha già staccato per un giretto a 100 chilometri...

La misteriosa struttura fotografata su Marte e presente anche sulla Terra

In questi giorni Marte continua a far parlare di sè, infatti dopo l'apparizione della misteriosa pietra fotografata, ecco spuntare subito un nuovo enigma. Il fatto riguarda un immagine scattata dai ...

Ritrovato il calendario Maya più antico finora scoperto e non mancano le sorprese

Non poteva arrivare che nel 2012 la scoperta del più antico calendario Maya: è una stanza dipinta all'interno di un tempio scoperta in Guatemala, nel complesso archeologico di Xultun. La scoper...

  • Il mistero del "Libro dei segreti" scritto nel 1200


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Devil's Kettle. La misteriosa fossa del diavolo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Dalle previsioni di 56 futurologi ecco le destinazioni che cambieranno la geografia turistica nei prossimi dieci anni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La misteriosa struttura fotografata su Marte e presente anche sulla Terra


    Publish In: Le Prove
  • Ritrovato il calendario Maya più antico finora scoperto e non mancano le sorprese


    Publish In: Profezie passate e future

Il destino di 2 pianeti extrasolari, news sul telescopio James Webb e la sonda Dawn sull'asteroide Vesta

I sopravvissuti


Due pianeti extrasolari sembrano essere sfuggiti all’inevitabile. Scoperti dal satellite NASA Kepler, orbitano attorno a una stella simile al Sole, giunta al termine della sua evoluzione. Questo significa che in passato la stella deve aver attraversato la fase di gigante rossa, ovvero un periodo nel quale ha aumentato a dismisura le sue dimensioni, tanto da inglobare i due pianeti. Successivamente si è sgonfiata, divenendo una piccola nana bianca. Sino ad ora si credeva che i pianeti inglobati dalla stella non potessero sopravvivere ma questa volta non è andata così. I due pianeti, due giganti gassosi, hanno solo perso il guscio più esterno di gas mentre i loro nuclei sono rimasti intatti. Fra circa 5 miliardi di anni anche il Sole diventerà una gigante rossa. Non sappiamo se la Terra verrà inglobata o meno, ma visto quanto è accaduto ai due pianeti scoperti da Kepler forse potrebbe riuscire a cavarsela.

Buone notizie per il James Webb
Nuovo importante passo in avanti verso il completamento del James Webb, il telescopio spaziale che dovrà sostituire il vecchio Hubble. Il telescopio utilizzerà 21 specchi, ognuno costituito da tanti segmenti. Proprio questi segmenti, per un periodo di dieci settimane, sono stati sottoposti a temperature di -233 gradi nei laboratori del Marshall Space Flight Center della NASA. In questo modo è stato possibile misurare le loro reazioni e variazioni di forma nelle varie fasi di abbassamento della temperatura, apportando di caso in caso tutte le modifiche richieste per garantire sempre il miglior rendimento. Gli specchi dovranno lavorare a queste temperature perché solo così sarà minimizzato il loro calore, la cui emissione nell’infrarosso andrebbe altrimenti a coprire i deboli segnali infrarossi provenienti dagli oggetti celesti sotto studio. Ora che anche questi test sono stati superati, è possibile essere ottimisti sul completamento del James Webb Telescope. E pensare che fino a poco tempo fa l’intero progetto sembrava senza futuro, tra tagli ai finanziamenti, inconvenienti e cambi di programma. Una volta che andrà in orbita, avremo a disposizione il telescopio più potente mai realizzato e, cosa non da poco, un degno successore dello storico e indimenticabile telescopio spaziale Hubble.

Dawn al suo minimo
Dal 12 dicembre, la sonda Dawn della NASA è alla sua minima distanza dall’asteroide Vesta: appena 200 chilometri. Le immagini riprese dalla sonda mostrano una superfice piena di crateri, mentre si attendono i risultati dei dati raccolti dai rivelatori di bordo per determinare gli elementi costitutivi dell’asteroide e ricostruirne la struttura interna. Tra gli strumenti a disposizione della sonda, spicca lo spettrometro ad immagine VIR operante nel visibile e nel vicino infrarosso ad alta risoluzione spaziale e spettrale, sviluppato con il forte contributo italiano dell’INAF-Istituto Nazionale di Astrofisica.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit