Text Size
Venerdì, Luglio 28, 2017
News Astronomia L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa

Costruzioni aliene: gli antichi tubi di Baigong in Cina

All’interno del Monte Baigong, a circa 40 km dalla città di Delingha, nella provincia del Qinghai, Cina, nel 2002 furono trovate tre misteriose cavità piene di quelli che apparivano come tubi dest...

Le mummie egiziane trovate nel Grand Canyon in America

Il 5 aprile 1909, una storia in prima pagina nell’Arizona Gazette parlava di una spedizione archeologica nel cuore del Grand Canyon, finanziata dalla Smithsonian Institution, che aveva portato alla ...

Gli Ufo ripresi a Melbourne in Australia

Nel video seguente girato a Melbourne in Australia viene mostrato come in una normale ripresa notturna della durata di un ora diversi oggetti vengono inquadrati mentre compiono strane manovre nello ...

La tecnica che fa, e farà, nascere i bambini da tre genitori

E' in buona salute il bambino nato grazie a una tecnica controversa che mescola il DNA di tre persone, stando alle dichiarazioni del portavoce del gruppo di medici che ne ha permesso la nascita. Jo...

La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon

[La Stampa] Potrebbe essere l’ultimo segreto del faraone-bambino, Tutankhamon, il più celebre della storia egiziana. È quasi certo che ci siano due camere nascoste dietro i muri della tomba del...

L'incredibile Ufo fotografato nel deserto del Nevada

Lo strano avvistamento si è verificato lo scorso 30 ottobre 2015 e ha visto coinvolto un passeggero di un aereo di linea della American Airlines in volo da San Jose CA a Houston il quale riferis...

  • Costruzioni aliene: gli antichi tubi di Baigong in Cina


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Le mummie egiziane trovate nel Grand Canyon in America


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Gli Ufo ripresi a Melbourne in Australia


    Publish In: Le Prove
  • La tecnica che fa, e farà, nascere i bambini da tre genitori


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'incredibile Ufo fotografato nel deserto del Nevada


    Publish In: Le Prove

L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa

 


Per il buco nero gigante al centro della nostra Galassia è tempo di risvegliarsi e prepararsi per un pasto inatteso. Una grande nube di gas ci sta finendo dentro ma prima sarà ridotta in tanti lunghi sfilacci. Un evento che promette di regalarci nuove informazioni su ciò che accade in quelle zone per nostra fortuna molto lontane. La nube sta andando incontro al buco nero alla velocità di 2.500 chilometri al secondo e di questo passo fra due anni colpirà il gas che ruota vorticosamente attorno al buco, prima di caderci dentro. La nube, tuffandosi a tutta velocità in quel gas vorticoso e incandescente, sarà ridotta in tanti lunghi filamenti. Ma soprattutto quel tuffo darà origine a emissioni di energia che sarà possibile studiare con i nostri telescopi, ottenendo nuove informazioni su ciò che avviene nei dintorni del buco nero. Per gli astronomi il tutto equivale a un regalo molto gradito. Il buco nero nel cuore della nostra Galassia è infatti considerato un po’assonnato rispetto ai suoi simili al centro di altre galassie. Per riuscire a studiarlo come si deve ogni tanto ci vuole qualche scossone, come quello che avrà fra due anni quando si ritroverà a inghiottire gli sfilacci di gas.

La cometa sopravissuta
Tutti la davano per spacciata, ma la cometa Lovejoy ha dimostrato di essere un osso duro ed è sopravissuta, al di là di ogni aspettativa, al suo incontro ravvicinato con il Sole. È stata scoperta di recente, il 2 dicembre e, considerata la sua orbita, era chiaro fin da subito che si sarebbe spinta ad appena, si fa per dire,  140’000 km dalla superficie visibile del Sole. Può sembrare una distanza ragguardevole, ma la temperatura da quelle parti può superare il milione di gradi e per la cometa Lovejoy, che con un diametro di circa 200 metri è essenzialmente un grosso blocco di ghiaccio, questo poteva significare la vaporizzazione. Ben tre missioni spaziali dedicate allo studio del Sole, SDO, SOHO e STEREO, l’hanno osservata andare incontro al suo destino che però, a sorpresa, non si è rivelato fatale: la cometa è rispuntata dalla parte opposta della nostra stella, dopo esserle passata dietro, un po’ “dimagrita” ma non ancora distrutta.

Chi li ha visti?
La NASA ha fatto l’appello e il risultato è che, fra il 1970 e il 2010, ben 517 non hanno risposto: si tratta di astromateriali, ovvero di esemplari di quel prezioso bottino raccolto nello spazio, dai campioni di suolo lunare alla polvere di cometa. Alcuni sono stati prestati e non sono poi stati restituiti, altri sono stati persi e altri ancora rubati (e solo in un secondo momento recuperati). È quanto emerge da una verifica interna fatta dall’agenzia americana: una gestione decisamente poco accorta del prezioso materiale, raccolto con impegno e investimento di quantità consistenti di denaro nel corso di molte missioni, da quelle che hanno portato l’uomo sulla Luna, a quelle del calibro di Stardust, sonda che è riuscita a raccogliere della polvere di cometa e a spedirla sulla Terra. Ora la NASA provvederà applicate nuove misure di sicurezza per impedire che si verifichino altre scomparse. Certo, le 517 registrate non sono motivo di orgoglio ma anche tenere costantemente gli occhi su tutti i 140mila campioni lunari, 18mila campioni di meteoriti e circa5mila altri frammenti che vengono periodicamente dati in prestito per motivi scientifici e didattici, è , in un certo senso, una sorta di missione.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit