Text Size
Venerdì, Ottobre 18, 2019
News Astronomia L'anomalo lampo Gamma rilevato un anno fa, la partenza del rover Curiosity per Marte ed il problema del rientro della sonda Phobos Grunt

Un nuovo stato per la superconduzione

  La superconduttività può coesistere con un campo magnetico intenso. Lo ha dimostrato uno studio pubblicato su “Nature Physics” a firma di Vesna Mitrovic della Brown University e colleghi. Il risul...

Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa

L’occhio umano è lo strumento per eccellenza dell’astronomia. Senza la sua capacità di percepire la luce, non potremmo ammirare stelle, pianeti e galassie. Tuttavia, gli astronomi non possono ...

Le foto scattate sulla Luna ad altissima risoluzione, l'incongruenza degli anelli di Saturno ed il successo della sonda LISA pathfinder

È piccolo, assai longevo e viene dal lontano oriente: è Yutu, o Coniglio di Giada come è più noto in occidente, il piccolo lander cinese allunato con la missione Chang’e-3 nel dicembre 2013. Conigli...

Il perchè i pianeti del sistema stanno su piani diversi,la prima gigantesca mappa galattica e la fine del pianeta ucciso dalla sua stella

Perché i pianeti del sistema solare stanno su piani leggermente diversi e non sullo stesso piano? La domanda è più che lecita. Le stelle si formano da enormi nubi di gas e polveri. Ciò che resta d...

Secondo Chris Andarson, il futurista, i contadini saranno robot

SAN FRANCISCO «Le cose cambiano più in fretta di quanto molti si immaginano. I miei figli, per esempio, non vogliono più comprare i giocattoli. Se li vogliono stampare con la stampante 3D dopo ...

I raggi cosmici da sorgenti galattiche, la galassia nana più distante mai analizzata e la nube a 8 mila anni luce da noi scoperta da Hubble

La maggior parte dei raggi cosmici che rileviamo da Terra sono stati prodotti in epoche relativamente recenti all’interno di ammassi di stelle vicini a noi. Questo è ciò che affermano i risultati ...

  • Un nuovo stato per la superconduzione


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le foto scattate sulla Luna ad altissima risoluzione, l'incongruenza degli anelli di Saturno ed il successo della sonda LISA pathfinder


    Publish In: News Astronomia
  • Il perchè i pianeti del sistema stanno su piani diversi,la prima gigantesca mappa galattica e la fine del pianeta ucciso dalla sua stella


    Publish In: News Astronomia
  • Secondo Chris Andarson, il futurista, i contadini saranno robot


    Publish In: Scienza e Futuro
  • I raggi cosmici da sorgenti galattiche, la galassia nana più distante mai analizzata e la nube a 8 mila anni luce da noi scoperta da Hubble


    Publish In: News Astronomia

L'anomalo lampo Gamma rilevato un anno fa, la partenza del rover Curiosity per Marte ed il problema del rientro della sonda Phobos Grunt

La stella e l’asteroide


Era il giorno di Natale dello scorso anno quando è apparso un lampo gamma decisamente anomalo. Gli astronomi, con gli italiani in prima linea, hanno subito capito che doveva trattarsi della conseguenza di un evento particolare, forse la caduta di un asteroide su una stella. I lampi gamma sono improvvise esplosioni di energia che appaiono nell’Universo lontano. Possono essere visti solo attraverso strumenti in grado di percepire la radiazione gamma, come nel caso del satellite Swift che lo scorso Natale ha individuato il lampo anomalo: era durato mezz’ora, quando al massimo non vanno oltre i pochi minuti, e l’emissione di energia presentava curiosi alti e bassi. Per gli astronomi italiani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, il lampo potrebbe aver avuto origine dalla caduta di un asteroide su una stella di neutroni. Stelle di questo tipo hanno masse paragonabili a quella del Sole, concentrate in una sfera di appena dieci chilometri. Nell’avvicinarsi alla stella l’asteroide si sarebbe frantumato in tanti pezzi. L’impatto di ogni frammento avrebbe causato una successione di lampi che visti da Swift sono apparsi come un unico, anomalo flash di energia. La spiegazione deve però vedersela con quella proposta da altri ricercatori che ritengono il lampo conseguenza dell’esplosione di una supernova peculiare. Uno scenario altrettanto probabile ma non altrettanto suggestivo.

Missioni che vanno…


Il lancio di Mars Science Laboratory è andato bene, talmente bene che per il momento non sarà necessario effettuare la manovra iniziale di correzione della traiettoria: se ne parlerà fra un mese o più. Lanciata sabato 26 novembre, raggiungerà Marte dopo 254 giorni di viaggio: a quel punto inizierà l’avventura vera e propria, quella del rover Curiosity che esplorerà la superficie marziana per stabilire se, in passato, ci fossero state le condizioni per la presenza di forme elementari di vita.

…missioni che restano…
Al successo della NASA si contrappone l’amaro fallimento di Phobos Grunt,  missione russa che avrebbe dovuto, a sua volta, essere in viaggio verso Marte. Invece è in stallo, in orbita intorno alla Terra. Nel tentativo di ristabilire i contatti è scesa in campo anche l’Agenzia Spaziale Europea: grazie a una potente antenna australiana, il 23 novembre è riuscita a ricevere qualche segnale che però non è stato d’aiuto. Un’altra antenna verrà sintonizzata sul satellite, ma il tempo stringe: entro gennaio, Phobos Grunt con le sue 7 tonnellate di propellente tossico, dovrebbe rientrare in atmosfera e lo farà in modo incontrollato se le comunicazioni non verranno ristabilite. L’attrito con l’atmosfera, con tutta probabilità, lo ridurrà in frantumi e il propellente brucerà: ma la possibilità di dirigerlo dalla parte opposta, verso lo spazio è senz’altro preferibile.

…e missioni che finiscono
Il problema del rientro di satelliti danneggiati o dismessi, potrebbe trovare soluzione, in futuro grazie all’utilizzo delle vele solari. In questi giorni, dopo 8 mesi di permanenza in orbita intorno alla Terra, si è conclusa con successo la missione di NanoSail-D. Questo satellite della NASA di appena 4 Kg, una volta nello spazio, aveva aperto con successo 10 metri quadrati di vele solari, di materiale sottilissimo e altamente riflettente. Sfruttando la spinta della radiazione solare un po’ come le barche a vela sfruttano il vento, ha dimostrato che grazie alle vele è possibile deorbitare un satellite garantendone il rientro controllato.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit