Text Size
Sabato, Giugno 06, 2020
News Astronomia I lanci spaziali russi falliti, le nuove scoperte di Opportunity e le prime rivendicazioni lunari

Ufo avvistati a Roma da tre militari

Roma, 8 giu. ''Misterioso avvistamento nei cieli di Roma. Tre soldati hanno denunciato di aver avvistato e filmato un oggetto volante con tre punti luminosi sospeso nel cielo. L'avvistamento è av...

Il mistero di Stonehenge

Una delle costruzioni più enigmatiche del passato è senza dubbio il sito di Stonehenge. Stonehenge (pietra sospesa, da stone, pietra, ed henge, che deriva da hang, sospendere: in riferimento agli a...

La fuga dei gravitoni dal buco nero, pericolo collisione per l'asteroide 2011 AG5 e la stazione spaziale cinese

I buchi neri devono ancora svelarci molti segreti. Come previsto dalla teoria della Relatività, sono così massicci che nulla può sfuggire alla loro attrazione. Eppure, a dispetto della Relatività,...

L'acqua di Marte, il passaggio dai raggi x alle onde radio di una Pulsar e la prima mappa delle nuvole di un esopianeta

Cento giorni a scavare, spazzare, annusare e scrutare un piccolo fazzoletto di suolo marziano. Questo è stato l’inizio della missione di Curiosity, il rover della NASA, subito dopo il suo arrivo s...

Il cranio "anomalo" trovato sull'isola di Malta

A Malta, nell’ipogeo megalitico di Hal Saflieni (datato molto più antico delle Piramidi egizie di Giza, circa tra il 4100 e il 2100 a.C.) vennero rinvenuti, anni fa, alcuni teschi dalle strane anomali...

Il pianeta che cambia periodicamente sole,il misterioso rallentamento di Venere e la fine delle rocce nei buchi neri

Di possibili pianeti solitari che vagano nello spazio abbiamo sentito parlare. Ma pianeti intrappolati tra due stelle, che passano da una all’altra come una pallina da ping pong, questa è una novi...

  • Ufo avvistati a Roma da tre militari


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero di Stonehenge


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La fuga dei gravitoni dal buco nero, pericolo collisione per l'asteroide 2011 AG5 e la stazione spaziale cinese


    Publish In: News Astronomia
  • L'acqua di Marte, il passaggio dai raggi x alle onde radio di una Pulsar e la prima mappa delle nuvole di un esopianeta


    Publish In: News Astronomia
  • Il cranio "anomalo" trovato sull'isola di Malta


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il pianeta che cambia periodicamente sole,il misterioso rallentamento di Venere e la fine delle rocce nei buchi neri


    Publish In: News Astronomia

I lanci spaziali russi falliti, le nuove scoperte di Opportunity e le prime rivendicazioni lunari

Anche i russi possono sbagliare. E' accaduto con il cargo Progress lanciato il 24 agosto con a bordo i rifornimenti per l'equipaggio della Stazione Spaziale. Il malfunzionamento del razzo di lancio lo ha fatto ricadere giù da 200 chilometri di altezza. Pochi i frammenti giunti al suolo, quasi tutto è andato polverizzato nella caduta.


Questo è il primo incidente che coinvolge una capsula Progress da quando è stata utilizzata per la prima volta nel 1978. Cose che capitano, se non fosse che a complicare la situazione della Russia ci si mette un altro lancio fallito appena una settimana prima, il 17 agosto: in quel caso si era trattato di un errore nei calcoli. Secondo le previsioni i lanci dovrebbero riprendere con regolarità già ad ottobre. Ma se dovessero esserci altri problemi, tutto verrebbe rimandato a data da destinarsi.
Va ricordato che dopo il pensionamento degli shuttle, per rifornire la Stazione Spaziale al momento si può fare affidamento solo sulle capsule russe. Una sospensione di qualche settimana non avrebbe conseguenze perché a bordo ci sono scorte in abbondanza sino alla prossima primavera. Ma se i lanci fossero sospesi per mesi, l'unica soluzione sarebbe abbandonare la Stazione, in attesa di poterci tornare appena possibile. Difficile che si arrivi a tanto, ma quanto accaduto rende ancora più urgente affiancare alle capsule russe quelle che stanno costruendo ditte private quali la Space X.

INSTANCABILE OPPORTUNITY
Rimasto solo da quando il gemello Spirit ha smesso di essere operativo, il rover americano Opportunity continua ad esplorare Marte. Tre settimane fa è arrivato nei pressi di un cratere largo 22 Km, denominato Endeavour e si è già messo al lavoro, analizzando una prima roccia. I risultati rivelano una composizione diversa da quella di qualunque altro campione analizzato finora, nel corso degli oltre sette anni di missione. La roccia in questione, ricca di zinco e bromo, potrebbe non essere un caso isolato ma indicare che l’intera area del cratere Endeavour è caratterizzata dalla presenza di questo tipo di minerali. È una possibilità che rende la tappa raggiunta da Opportunity una zona talmente interessante che è come se il rover iniziasse una missione del tutto nuova. E nel frattempo, sulla Terra, fervono i preparativi per una vera nuova missione, quella del rover Curiosità, il cui lancio è previsto per la fine di quest’anno e che approderà su Marte nel 2012.


DIVIETI LUNARI?
Fra compagnie private e altre agenzie spaziali che continuano la corsa alla Luna, la NASA comincia a preoccuparsi della salvaguardia dei cimeli e delle aree storiche. Certo, il premio di 30 milioni di dollari messo in palio da Google e dalla fondazione X Prize, destinato alla compagnia che per prima riuscirà a spedire un dispositivo robotico in grado di muoversi sulla superficie del nostro satellite, è molto allettante. Ma chi baderà a proteggere tutto ciò che può considerarsi parte del “museo lunare”, fin dall’epoca delLe missioni Apollo: dalle attrezzature rimaste lì fino alle impronte degli astronauti? La Luna non è proprietà di nessuno e la NASA non può accampare pretese, ma ha comunque preparato un documento, indicando procedure di salvaguardia, aree delimitate, e zone da non sorvolare che prevede di far firmare a tutti coloro che punteranno alla Luna.

IL QUADERNO DEL CIELO CURIOSO
Un nuovo anno scolastico è alle porte e cogliamo l’occasione per segnalare “Il Quaderno del Cielo curioso” di Elena Lazzaretto, Kellermann Editore. Una raccolta di esperimenti che sfruttano il cielo come un laboratorio, per conoscere meglio il Sole, la Luna e le stelle. Piccole esperienze da fare da soli o in compagnia, magari in classe assieme all’insegnante, costruendo strumenti riciclando oggetti che abbiamo nelle nostre case.

blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit