Text Size
Venerdì, Gennaio 19, 2018
News Astronomia Il pianeta di diamante trovato nella costellazione del Serpente

Ecco come secondo la scienza potrebbe finire il mondo

Tempeste solari, asteroidi o supervulcano: quale tipo di cataclisma è più probabile che spinga gli esseri umani sull’orlo dell’estinzione? Ecco un excursus con alcune delle più diffuse teorie sul...

Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio Villas Boas

La data: 22 febbraio 1958 Il soggetto: Antonio Villas Boas. La posizione: Il Chirurgo Dott. Olavo T. Fontes, Rio De Janeiro. La dichiarazione dei testimoni: Dott. Olav...

Alla ricerca delle onde gravitazionali

La frontiera attuale per lo sviluppo della conoscenza dell'Universo è la prova delle onde gravitazionali che sono onde di metrica dello spazio-tempo dovute alla presenza di masse in movimento con un m...

Le immagini spettacolari sul Sole, il quinto specchio sulla Luna e i nuovi robot della Nasa

Getti di gas incandescente, turbolenze ed eruzioni. E’ quanto appare nelle prime immagini ottenute dalla Solar Dynamics Observatory, sonda della NASA dedicata allo studio del Sole.Non è la prima ...

Il volto marziano di Cydonia

Il Volto su Marte (talvolta anche detto Faccia su Marte o Volto di Cydonia) è un'ampia area della superficie del pianeta Marte, situata nella regione di Cydonia. Misura approssimativamen...

La sopravvivenza dell'informazione in un buco nero, il passato violento delle galassie e gli isotopi di xeno rilevati su Marte da Curiosity

L’informazione contenuta in un buco nero potrebbe non essere persa per sempre. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Physical Review Letters secondo cui per un osservatore che si trova al di...

  • Ecco come secondo la scienza potrebbe finire il mondo


    Publish In: Profezie passate e future
  • Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio Villas Boas


    Publish In: Le Prove
  • Alla ricerca delle onde gravitazionali


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Le immagini spettacolari sul Sole, il quinto specchio sulla Luna e i nuovi robot della Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Il volto marziano di Cydonia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La sopravvivenza dell'informazione in un buco nero, il passato violento delle galassie e gli isotopi di xeno rilevati su Marte da Curiosity


    Publish In: News Astronomia

Il pianeta di diamante trovato nella costellazione del Serpente

L'oggetto potrebbe essere il residuo di un peculiare processo di formazione in cui la materia gassosa in cui un’antica stella massiccia è stata assorbita dalla pulsar, che con il processo ha guadagnato velocità di spin fino ad arrivare agli attuali 173 giri al secondo

Un pianeta costituito per buona parte da materia simile al diamante e in orbita intorno a una pulsar a soli 600.000  chilometri di distanza: l’eccezionale scoperta, riportata sulla rivista Science

È stato il radiotelescopio di Parkes, in Australia, a permettere l’osservazione della pulsar, PSR J1719-1438 a circa 4000 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Serpente. Ben presto però gli astronomi si sono accorti che gli impulsi radio che metteva anticipavano e ritardavano in modo sistematico, segno evidente della presenza di un pianeta in orbita.

Successive e più approfondite osservazioni anche con l’ausilio del radiotelescopio Lovell, nel Regno Unito, hanno permesso di determinare che la massa dell’oggetto è pari circa a quella di Giove e che il suo raggio è circa la metà di quello del pianeta gigante. Una simile densità è spiegabile solo ipotizzando che esso sia costituito in gran parte di carbonio e di ossigeno allo stato cristallino.

Con queste caratteristiche, il pianeta potrebbe essere il residuo di un peculiare processo di formazione in cui la materia gassosa in cui un’antica stella massiccia è stata assorbita dalla pulsar, che con il processo ha guadagnato velocità di spin fino ad arrivare agli attuali 173 giri al secondo.

“In quella fase lontana la pulsar doveva essere una potente sorgente di raggi X, con caratteristiche simili alle cosiddette Binarie a raggi-X Ultra Compatte di Piccola Massa, di cui PSR J1719-1438 e il pianeta compagno dovrebbero dunque rappresentare dei discendenti”, ha spiegato Andrea Possenti, direttore dell'INAF-Osservatorio di Cagliari che hanno preso parte alla ricerca.

Il risultato lascia ben sperare per le future scoperte che saranno possibili con il Sardinia Radio Telescope, in completamento a San Basilio, in provincia di Cagliari, che avrà dimensioni identiche a Parkes, ma che sarà dotato di tecnologie molto più moderne.
è frutto di uno studio internazionale a cui hanno partecipato quattro ricercatori dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Cagliari.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit