Text Size
Giovedì, Luglio 20, 2017
News Astronomia La teoria delle due Lune, la galassia avvolta dalla materia oscura ed il relitto del Columbia ritrovato in Texas

Platone aveva ragione, trovati i resti di Atlantide tramite Google Ocean

Un rettangolo perfetto nascosto nei fondali dell'oceano Atlantico, a pochi chilometri dalla costa settentrionale dell'Africa e non lontano dalle isola Canarie. E' qui, secondo l'inge...

Ecco come l'agenzia americana IARPA si proietta nel futuro

Per essere assunti alla Iarpa potrebbe essere sufficiente scrivere nel curriculum la vostra  buona idea. In che senso buona? Un'idea "che possa  portare alla nazione (Usa, ndr) un vantaggio schiacc...

Il mistero della free energy

E' forse un po' esagerato parlare di cospirazione, ma la vicenda che riguarda l'uso delle energie libere ha da più di un secolo tutte le caratteristiche di un giallo. E' stato effettivamente commes...

Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta

L’immagine che vi mostriamo oggi, sta facendo il giro del web e riguarda una anomalia molto curiosa registrata sul pianeta nano Cerere (o Ceres). Di cosa si tratta? Le ult...

L'enigma di Tunguska

Alle ore 7:14 locale, 0:14 T.U., del 30 giugno 1908 un evento catastrofico ebbe luogo nelle vicinanze del fiume Podkamennaja Tunguska, abbattendo 60 milioni di alberi su 2150 chilometri quadrati. Il r...

I tre più strani avvistamenti Ufo di questo mese

Nel video seguente vengono riportati ben tre avvistamenti di Ufo. Il primo è visibile in Google Earth nella costa ovest americana dove un Ufo di forma triangolare sembra spostarsi sottacqua (visibil...

  • Platone aveva ragione, trovati i resti di Atlantide tramite Google Ocean


    Publish In: Continente Perduto Mu
  • Ecco come l'agenzia americana IARPA si proietta nel futuro


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero della free energy


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma di Tunguska


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I tre più strani avvistamenti Ufo di questo mese


    Publish In: Le Prove

La teoria delle due Lune, la galassia avvolta dalla materia oscura ed il relitto del Columbia ritrovato in Texas

Anche se osservando la Luna dalla Terra ne vediamo sempre la stessa metà, ci potremmo aspettare che l’altra abbia un aspetto molto simile. Invece non è proprio così: fin da quando, grazie alle sonde, sono state effettuate le prime misure globali della forma della Luna, ci si è accorti che ci sono delle differenze. Se nella parte rivolta verso di noi predominano le zone scure, dette mari, nell’altra c’è una forte presenza di altipiani montuosi, tanto che l’intero emisfero risulta essere addirittura più spesso, rigonfio, rispetto all’altro.


Per spiegare questa asimmetria sono state proposte molte ipotesi, ma la più recente è anche la più suggestiva. Se ci fosse stata un’altra piccola luna, sulla stessa orbita della nostra, e se fra le due si fosse verificato uno scontro a velocità moderata, il risultato potrebbe essere stato molto somigliante al nostro attuale satellite. Questo particolare scontro, infatti, non avrebbe prodotto un cratere: al contrario, la luna più piccola sarebbe stata praticamente inglobata dalla più grande all’epoca in cui questa era ancora un grande oceano di magma.

Dalla parte dell’impatto si sarebbe così prodotto il rigonfiamento, dalla parte opposta sarebbero state riversate grandi quantità di quel magma che, raffreddatosi, forma gli attuali mari. Questa teoria è senz’altro plausibile, ma questo non basta a dichiararla vincente rispetto alle altre. Le prove, a favore o a torto, potrebbero arrivare grazie al lavoro della sonda Lunar Reconnaissance Orbiter.


LA GALASSIA OSCURA
Se ci fermassimo solo alle apparenze di certo una galassia come Segue 1, piccola e con poche stelle, non l’avremmo nemmeno notata. Le apparenze però ingannano perché questo piccolo sistema stellare nelle vicinanze della nostra Via Lattea si è rivelato davvero molto interessante. Ha poche stelle, si stima circa un migliaio, che impallidiscono rispetto alle centinaia di miliardi della nostra galassia, ma in compenso ha molta materia oscura. Si tratta di quella materia che c’è, perché esercita una evidente azione gravitazionale sul moto delle stelle osservabili, ma che gli strumenti non riescono a rilevare e quindi a studiare. Segue 1 ne racchiude una percentuale così elevata che è stata definita galassia oscura. Anche le sue stelle, tuttavia, sono estremamente interessanti: ben 3 delle 7 prese in esame risultano essere primordiali, formatesi quando l’Universo stesso era giovane. Anche in questo caso una bella percentuale visto che cercando nella grande Via Lattea finora ne sono state trovate solo 30. D’ora in poi per Segue 1 sarà difficile passere inosservata, anche essendo oscura.

OGGETTO IDENTIFICATO
Chissà cos’ha pensato chi per primo ha visto una strana sfera metallica affiorare dalle acque del lago Nacogdoches, in Texas. Le autorità locali non hanno esitato a chiamare la NASA e la NASA ha prontamente chiesto l’invio di fotografie dell’oggetto. E se qualcuno a questo punto si era già lasciato suggestionare da ipotesi fantascientifiche, deve ritornare con i piedi per terra perché il misterioso oggetto è di fabbricazione umana, un triste reperto di uno dei più tragici momenti della storia degli shuttle. Si tratta di uno dei serbatoi di alluminio che si trovava a bordo dello Shuttle Columbia la cui distruzione nella fase di rientro, il primo febbraio 2003, provocò la morte dei 7 membri dell’equipaggio. Il contenitore sferico rinvenuto in Texas giaceva nel lago da allora e solo ora è emerso, in seguito all’abbassamento delle acque. La NASA ha già iniziato le operazioni di recupero: il pezzo andrà ad aggiungersi agli altri oltre 84.000 frammenti del Columbia recuperati finora.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit