Text Size
Venerdì, Aprile 03, 2020
News Astronomia Il numero dei pianeti solitari,la struttura cristallizata di Haumea e le perturbazioni su Saturno

Il progetto ISIS: la grande piramide è una base aliena

Una delle ultime testimonianze della presenza aliena nel passato dell'umanità ci arriva dall Russia. La storia sembrerebbe un falso se non fosse supportato da un filmato che proverebbe la veridicità d...

La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel

Un prototipo di fotocamera in grado di creare immagini con un dettaglio senza precedenti grazie alla sincronizzazione di 98 piccole telecamere è stato realizzato da ingegneri della Duke University e...

L'Ufo a forma di sigaro fotografato mentre entrava nel vulcano Osorno in cile

Relazione di un  Testimone: Ero su una barca vicino alle cascate Petrohué in Cile e ho fatto qualche foto del vulcano Osorno.Una foto mostrava un UFO incandescente a forma di sigaro, che sembra entr...

Strana connessione tra gli Ufo avvistati sul Sole, quelli della missione Nasa tether e l'oggetto del Mar Baltico

In questo video viene mostrato un'altra strana anomalia sul Sole registrata dai satelliti della Nasa (e visibile nel sito stesso della Nasa qui) dove un velivolo con un buco al centro dal quale semb...

Julia Vorobjova la donna che vede a raggi x

La “donna a raggi X” racconta la sua storia straordinaria. Da 32 anni vede attraverso i corpi delle persone, dopo uno shock provocato da una violenta scossa elettrica che l’ha ridotta in fin di vi...

La mappa stellare sumera ed il cataclisma cosmico di 9800 anni fa

L’Evento di Köfels è una gigantesca frana verificatasi sulle Alpi austriache circa 9800 anni fa, spessa oltre 500 metri e con un fronte lungo almeno 5 chilometri. Le caratteristiche enigmatich...

  • Il progetto ISIS: la grande piramide è una base aliena


    Publish In: Le Prove
  • La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'Ufo a forma di sigaro fotografato mentre entrava nel vulcano Osorno in cile


    Publish In: Le Prove
  • Strana connessione tra gli Ufo avvistati sul Sole, quelli della missione Nasa tether e l'oggetto del Mar Baltico


    Publish In: Le Prove
  • Julia Vorobjova la donna che vede a raggi x


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La mappa stellare sumera ed il cataclisma cosmico di 9800 anni fa


    Publish In: Civiltà Misteriose

Il numero dei pianeti solitari,la struttura cristallizata di Haumea e le perturbazioni su Saturno

Nella nostra galassia i pianeti liberi di vagare nello spazio sarebbero miliardi. Lo stabilisce un nuovo studio che non ha mancato di scatenare commenti e perplessità. Che esistano pianeti vagabondi è noto da tempo. E' invece una novità che possano essere così tanti, addirittura il 50% in più rispetto ai pianeti comuni, quelli legati alla loro stella.




La conclusione si basa su una tecnica indiretta di osservazione unita a calcoli statistici. In pratica analizzando la luce delle stelle è stato possibile dedurre la presenza di pianeti e determinare se sono abbastanza lontani dalla stella in esame da poter essere considerati come liberi. Su un campione di un milione di stelle, sono risultati circa dieci possibili pianeti solitari. Sembrano pochi, ma statistica alla mano, nel momento in cui si considera tutta la Galassia ecco che il loro numero ipotetico sale a miliardi.

presunti vagabondi finora individuati sono tutti giganti gassosi, espulsi chissà quando dal loro sistema planetario a causa delle perturbazioni gravitazionali esercitate dagli altri compagni vicini. Non si esclude che la stessa sorte sia toccata a milioni di pianeti più piccoli e rocciosi che però ancora non riusciamo a individuare con le attuali tecnologie. La notizia ha avuto grande risonanza ma non sono mancate le critiche: c'è chi ritiene che tra quei 10 possibili pianeti in libertà quasi tutti sarebbero legati alla loro stella. In questo caso, riapplicando la statistica, emergerebbe un numero di gran lunga inferiore ai miliardi, dichiarati forse con troppa fretta.


GHIACCIO RIVELATORE
Con il nome di una divinità hawaiana e la forma allungata che ricorda un pallone da rugby, Haumea è forse il più strano fra i cinque pianeti nani del sistema solare. E le sue stranezze non si limitano al nome e alla forma: ora anche il ghiaccio che ne ricopre la superficie presenta una inattesa struttura cristallizzata. Lo strato ghiacciato rende Haumea particolarmente brillante perché riflette la radiazione solare che lo colpisce. È proprio la radiazione del Sole che, secondo i ricercatori, avrebbe dovuto influire sulla struttura del ghiaccio impedendo alle sue molecole di disporsi secondo strutture ordinate, in forma cristallizzata. E invece è proprio così, stando alle osservazioni effettuate grazie al VLT,in Cile. Per mantenere questa struttura in cristalli, è necessaria una qualche forma di energia. Questa potrebbe essere generata da processi radioattivi interni. Un’altra possibilità è legata alla reciproca attrazione gravitazionale fra Haumea e le sue due piccole lune: forze che sono in grado di generare attriti interni e quindi calore, ovvero energia. Il pianeta nano, che si trova al di là di Nettuno, ci sta quindi facendo interessanti rivelazioni grazie al suo ghiaccio.


SATURNO TURBOLENTO
È un periodo decisamente poco sereno per Saturno. Gli strati gassosi del suo emisfero nord sono tormentati da una violentissima perturbazione che si estende per 5.000 Km, formando un enorme vortice scuro. Individuata a dicembre dello scorso anno dagli strumenti della sonda Cassini, questa tormenta è stata seguita nella sua evoluzione anche dal VLT e dagli astronomi non professionisti. Le recenti osservazioni documentano l’azione dirompente di questo fenomeno che trasporta energia e grandi quantità di gas su enormi distanze creando getti e vortici estremamente turbolenti.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit