Text Size
Domenica, Settembre 24, 2017
News Astronomia La quarta dimensione dell'Universo, i bracci delle galassie a spirale e l'interazione elettrica tra Saturno ed Encelado

Prahlad Jani: l'uomo che non mangia e beve da 70 anni

Per la scienza è ancora tutto un mistero. I medici dell’esercito indiano stanno tenendo sotto osservazione un santone, Prahlad Jani di 83 anni ma chiamato rispettosamente Mataji, per scoprir...

Il mistero di SDSS1133,la scoperta di 2 nuove particelle elementari e l'apertura del portale Open Data dell'LHC

Si può immaginare un buco nero sparato via dal centro della propria galassia? Difficile da crederlo, almeno per i profani, ma è quello che potrebbe essere un oggetto cosmico  misterioso situato a ...

L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane

E’ stato un lampo di raggi gamma lunghissimo, durato quasi sei ore quello avvenuto lo scorso 25 settembre e studiato da un team internazionale di ricercatori guidato da Luigi Piro, dell’INAF. Un’et...

Ma Xiangang, l'uomo che è immune all'energia elettrica chiamato "Electric Man"

Ma Xiangang è un uomo capace di qualcosa di cui non molti altri sono capaci - egli può toccare i cavi conduttori a mani nude pieni di elettricità senza sentire alcun dolore e a vere nessuna consegue...

La prima medusa artificiale

Silicone e cellule muscolari: sono questi i due elementi fondamentali che costituiscono il medusoide, ovvero una medusa bioingegnerizzata, realizzata dai ricercatori del California Institute of Tech...

Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

Al momento della morte una onda di luce fluorescente azzurra si sprigiona dalla cellule e, da una cellula all’altra, si propaga nell’intero organismo: lo ha scoperto una ricerca internazionale che...

  • Prahlad Jani: l'uomo che non mangia e beve da 70 anni


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero di SDSS1133,la scoperta di 2 nuove particelle elementari e l'apertura del portale Open Data dell'LHC


    Publish In: News Astronomia
  • L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane


    Publish In: News Astronomia
  • Ma Xiangang, l'uomo che è immune all'energia elettrica chiamato "Electric Man"


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La prima medusa artificiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte


    Publish In: Uomini e Misteri

La quarta dimensione dell'Universo, i bracci delle galassie a spirale e l'interazione elettrica tra Saturno ed Encelado

Più si espande, più l'Universo acquista nuove dimensioni. Questa l'ipotesi di alcuni fisici americani. Il concetto di partenza è che l'Universo, nelle prime epoche dopo il Big Bang, avesse una sola dimensione spaziale: in pratica possedeva solo la lunghezza, come nel caso di una linea dritta. Espandendosi si è poi aggiunta una seconda dimensione: la larghezza, come nel caso di un foglio disteso. Continuando a espandersi, a un certo punto è comparsa anche una terza dimensione, la profondità, diventando l'Universo a tre dimensioni nel quale viviamo ancora oggi.


Se questo modello di Universo fosse vero, si potrebbe ipotizzare che esista da tempo anche una quarta dimensione. Solo che noi non ce ne siamo mai accorti perché è percepibile solo su grande scala. In pratica siamo troppo piccoli per riuscire a sentirne la presenza. Potremmo però cogliere indizi della sua esistenza: ad esempio il fatto che l'Universo sta aumentando la sua velocità di espansione potrebbe essere una conseguenza della presenza della quarta dimensione, e non di una misteriosa energia oscura.

Di fronte a questa ipotesi la cautela è d'obbligo. D'altra parte la ricerca si basa anche su teorie come questa: chissà se sarà mai possibile dimostrarla o smentirla. Per ora ci accontentiamo di immaginare come possa essere la vita in quattro dimensioni.


NIENTE "OLA" NELLE GALASSIE A SPIRALE
Uno studio recente propone una nuova spiegazione riguardante quei tipici addensamenti di stelle che nelle galassie a spirale prendono il nome di bracci. Fin dagli anni ’60, la spiegazione più accreditata paragonava la rotazione dei bracci nelle galassie alla propagazione della famosa “ola” del pubblico negli stadi. Come gli spettatori che, pur diventando parte dell’onda, non cambiano posto a sedere, così anche le stelle, si riteneva, vengono coinvolte nella perturbazione, tornando alla loro posizione una volta che questa è passata. Questo scenario tuttavia non regge nel momento in cui si prova a ricrearlo al computer. È stata simulata una ipotetica galassia a spirale con 5 milioni di stelle in rotazione attorno al centro. Accelerando il tempo, si è visto che in periodo di 6 miliardi di anni le stelle non stanno ferme, ma si muovono assieme al braccio cui appartengono. Niente effetto ola, ma uno spostamento effettivo. Questi risultati, se confermati, potrebbero avere forti implicazioni alcune su alcune delle prossime missioni spaziali, come ad esempio Gaia, con la quale l’Agenzia Spaziale Europea intende studiare nel dettaglio la nostra galassia.

LEGAME ELETTRICO FRA SATURNO ED ENCELADO
Saturno è il pianeta con gli anelli ed Encelado è una piccola luna ghiacciata che gli ruota intorno, ma fra i due, oltre all’attrazione gravitazionale, c’è anche un legame di tipo elettrico, scoperto dalla sonda Cassini. C’è un flusso di particelle cariche viaggia infatti da Encelado a Saturno interagendo con l’intenso campo magnetico di quest’ultimo. In alcune regioni della superficie della luna sono presenti geyser che spruzzano nello spazio vapore d’acqua e particelle a base di carbonio. È da questa nuvola che provengono le particelle cariche, elettroni in particolare, che compiono il loro viaggio seguendo i percorsi obbligati imposti dal campo magnetico di Saturno e innescando, una volta a destinazione, deboli aurore. Per intensità possono essere paragonate alle più deboli fra le aurore terrestri osservabili a occhio nudo. Studiando questo “legame elettrico” sarà possibile ottenere maggiori informazioni sulle emissioni di Encelado e arrivare a una conoscenza più approfondita del campo magnetico di Saturno.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit