Text Size
Giovedì, Agosto 06, 2020
News Astronomia Scoperta una nana bruna a 27 gradi di temperatura, l'ultima missione della STARDUST e il suono di Saturno

Perchè a volte ricordiamo i sogni e a volte no? La scienza prova a dare una risposta

Vi siete mai chiesti perché a volte ricordate i sogni appena fatti e a volte no? Un passo importante per capire le ragioni di questa incostanza della nostra memoria onirica è stato compi...

Marte 500, la missione che porterà l'uomo su Marte

MOSCA – Il “pianeta rosso” è sempre più vicino. Ne sono convinti gli scienziati dell’Istituto per i problemi medico-biologici di Mosca (Imbp), che insieme all’Esa (Agenzia Spaziale europea) lanceranno...

David Wilcock: scienza e profezie nel 2012

L’interesse di David Wilcock sugli argomenti metafisici, risale quasi al momento della sua nascita. Wilcock, sin dall’età di 2 anni, ricorda di aver sognato imponenti cilindri metallici che galleggiav...

La banda larga anche nello spazio, il pianeta extrasolare ricco di acqua ed il cambiamento del vento interstellare

La banda larga sta per raggiungere anche la Luna. In questi giorni è previsto il lancio di LADEE, uan sonda della NASA capace di trasmettere verso la Terra un segnale laser molto speciale. Il lase...

L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit

Un altro giallo spaziale ha trovato soluzione. Al centro del caso: la luce delle stelle. Analizzandola, gli astronomi ottengono numerose informazioni. Compresa la certezza che in molti casi, lungo ...

Gli ologrammi colorati in luce bianca

Una nuova tecnica consente di produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di vista, come nell'oggetto originale Una nuova tecnica che sf...

  • Perchè a volte ricordiamo i sogni e a volte no? La scienza prova a dare una risposta


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Marte 500, la missione che porterà l'uomo su Marte


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • David Wilcock: scienza e profezie nel 2012


    Publish In: Profezie passate e future
  • La banda larga anche nello spazio, il pianeta extrasolare ricco di acqua ed il cambiamento del vento interstellare


    Publish In: News Astronomia
  • L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit


    Publish In: News Astronomia
  • Gli ologrammi colorati in luce bianca


    Publish In: Scienza e Futuro

Scoperta una nana bruna a 27 gradi di temperatura, l'ultima missione della STARDUST e il suono di Saturno

Appena 27 gradi: meno di quanto fanno registrare i nostri termometri nelle calde giornate d'estate. E' la temperatura superficiale di una nana bruna che dista da noi 63 anni luce. Per gli astronomi rappresenta un valore record, che potrebbe presto essere battuto con la scoperta di altre nane brune ancora meno calde.


Sino a poco tempo fa le nane brune erano descritte come stelle mancate: la loro massa non è sufficiente a produrre nel nucleo quei valori di pressione e temperatura necessari ad innescare le reazioni termonucleari che permettono ad una stella di accendersi. Oggi più che di stella mancata si preferisce parlare di via di mezzo tra stella e pianeta gassoso.

I dati raccolti dal telescopio spaziale Hubble, attualmente in fase di elaborazione, ci daranno presto nuove informazioni sulle nane brune scoperte di recente. Ma c'è ancora più attesa per il primo set di dati raccolto da WISE, un altro telescopio spaziale NASA che ha tra gli obiettivi proprio la scoperta di nane brune. Il set sarà disponibile ad aprile: la speranza è di individuare nane brune ancora meno calde e ancora più piccole, sino a trovare il punto di unione con i pianeti giganti gassosi.


CIAO STARDUST
È stata lanciata nel '99, ha fatto un lungo viaggio e incontri importanti. Ora però, anche per la sonda Stardust è arrivato il momento dei saluti. Si conclude l'avventura della cacciatrice di comete della NASA, che ha acceso i motori per l'ultima volta il 24 marzo, consumando tutto il carburante rimasto nei suoi serbatoi e fornendo, proprio con questa azione conclusiva, un'ultima occasione per ottenere dati importanti. Dati che stavolta non riguardano le comete, ma i consumi della sonda stessa. Far restare definitivamente a secco la Stardust permetterà ai responsabili della missione di capire esattamente quanto carburante le fosse rimasto e se questa quantità corrispondesse con il valore previsto dai calcoli. Prima di effettuare l'accensione finale, la sonda ha orientato la sua antenna verso la Terra, dalla quale dista ormai ben 312 milioni di km, così da poter trasmettere queste ultime informazioni. Nelle stazioni di controllo di missioni come Stardust, non ci sono indicatori di benzina simili a quelli sul cruscotto delle automobili, per lo meno gli strumenti che forniscono queste informazioni danno ancora risposte non del tutto soddisfacenti. Gli ultimi dati di Stardust serviranno a calibrare meglio i metodi per il calcolo dei consumi, a vantaggio delle nuove missioni. L'ultimo incontro della sonda è stato con la cometa Tempel 1, ma in precedenza aveva avvicinato la cometa Wild 2 della quale era riuscita a raccogliere alcuni campioni di polvere, poi spediti a terra in una apposita capsula.

DUETTO STONATO DA SATURNO
Che il pianeta Saturno emettesse onde radio si sapeva, ma che le emissioni provenienti dal suo emisfero nord non fossero in sintonia con quelle dell'emisfero sud è un risultato recente, una scoperta effettuata dalla sonda Cassini. In altre parole, su Saturno, nord e sud formano un duetto stonato. Queste differenze, inoltre, variano con il tempo, con un andamento che segue l'alternarsi delle stagioni sul gigante gassoso. Le onde radio vengono prodotte quando le particelle cariche, elettroni in particolare, trasportate dal vento solare, penetrano nell'atmosfera di Saturno, secondo i percorsi obbligati imposti dal campo magnetico del pianeta. I ricercatori ritengono che questo bizzarro comportamento e queste differenze fra nord e sud siano da attribuire alla diversa incidenza con cui la radiazione del Sole colpisce il pianeta alle varie latitudini. I venti che si formano nell'alta atmosfera del pianeta influiscono sull'emissione delle onde radio, e l'azione di questi venti cambia a seconda dell'emisfero in cui ci si trova. Si tratta di fenomeni di cui non saremmo a conoscenza se non fosse per la strumentazione della Cassini: non potremo vederli con i nostri occhi né tantomeno ascoltarli. I ricercatori NASA, tuttavia, hanno tradotto le onde radio registrate dalla Cassini, in modo che l'orecchio umano le possa percepire. Le si possono ascoltare grazie al video divulgativo raggiungibile dal sito www.jpl.nasa.gov.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit