Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
News Astronomia L'ultimo atterraggio del Discovery,la Voyager 1 verso i limiti del Sistema Solare e il mistero dell'atmosfera di Marte

L'impatto sulla Luna, il meteorite Apophis e lo studio Nasa sui Maya

L’impatto è avvenuto, ma ha deluso. Ecco in sintesi la reazione dopo che il razzo Centaur, seguito dalla sonda Lunar Crater Observation, si è schiantato dentro un cratere lunare. Un’operazione necessa...

La strana forma a DNA di una nuvola fotografata in Russia

Nei pressi di Mosca in Russia è stato fotografato una strana nonchè improbabile formazione di nuvole. Di fatti sembra proprio riprodurre la classica elica di DNA. Che sia qualche tipo di messaggio a...

Il primo hotel spaziale con vista sul pianeta Terra

Se siete stufi delle solite vacanze al mare o in montagna e desiderate allontanarvi per davvero da tutto e da tutti, avete 5 anni di tempo per racimolare un bel gruzzoletto e volare via lontano f...

Ecco come secondo la scienza potrebbe finire il mondo

Tempeste solari, asteroidi o supervulcano: quale tipo di cataclisma è più probabile che spinga gli esseri umani sull’orlo dell’estinzione? Ecco un excursus con alcune delle più diffuse teorie sul...

Scoperta una gigantesca tomba di un antico faraone sconosciuto

Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi...

La misteriosa palla di metallo caduta dal cielo in Namibia

Qual è l'origine della palla di metallo caduta dal cielo sul deserto della Namibia? Si tratta di un oggetto pesante circa 6 chilogrammi, con un diametro di circa un metro, che è stato ritrovato...

  • L'impatto sulla Luna, il meteorite Apophis e lo studio Nasa sui Maya


    Publish In: News Astronomia
  • La strana forma a DNA di una nuvola fotografata in Russia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il primo hotel spaziale con vista sul pianeta Terra


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ecco come secondo la scienza potrebbe finire il mondo


    Publish In: Profezie passate e future
  • Scoperta una gigantesca tomba di un antico faraone sconosciuto


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La misteriosa palla di metallo caduta dal cielo in Namibia


    Publish In: Uomini e Misteri

L'ultimo atterraggio del Discovery,la Voyager 1 verso i limiti del Sistema Solare e il mistero dell'atmosfera di Marte

Ha da poco concluso la sua ultima missione e ora per lo shuttle Discovery è giunto il momento di spegnere i motori e prendere posto in un museo. Si apre così l'ultimo atto nella storia di queste navette: ancora due lanci, uno per l'Endeavour e l'altro per l'Atlantis previsti entro la fine di giugno, dopo di che tutti gli shuttle avranno terminato la loro carriera.



Il pensionamento degli shuttle era inevitabile visto che da anni presentavano problemi causati dall'invecchiamento e da limiti dovuti al progetto di base. L'amministrazione Bush contava di chiudere il discorso entro il 2010, in modo da investire le risorse sulla costruzione di navette pensate per tornare sulla Luna. Un progetto che non si è mai realizzato: troppo costoso e poco affidabile, al punto che la successiva amministrazione Obama decise di cancellarlo.

E così, quando anche l'ultimo shuttle andrà in pensione la NASA si ritroverà senza navette: è vero che in fase di costruzione ci sono le Orion, ma si tratta di capsule che potranno solo andare in orbita. Per raggiungere traguardi più lontani ci sono progetti da sviluppare con industrie private. Una situazione che non piace agli astronauti dell'ultima missione del Discovery: fosse stato per loro avrebbero pilotato gli shuttle ancora per molti anni.


DOVE SOFFIA IL VENTO
A oltre 17 miliardi di chilometri dalla Terra, la sonda Voyager 1 è oggi lo strumento costruito dall’uomo che in assoluto si è spinto più lontano e, dopo 33 anni di viaggio è anche fra i più vecchi ancora in attività. Eppure, nonostante la lontananza e l’età, la sonda conserva ancora una certa agilità oltre che la prontezza di rispondere ai comandi. Lo ha dimostrato lo scorso 7 marzo quando ha compiuto una rotazione di 70 gradi su sé stessa in senso antiorario: era dal 1990 che non faceva qualcosa del genere e dopo 21 anni non ha avuto alcuna difficoltà a sgranchirsi. Per avere la conferma che il comando è stato ricevuto ed eseguito, i tecnici della NASA hanno dovuto avere pazienza e aspettare: ben 16 ore, questo è il tempo che i dati della Voyager impiegano ad arrivare a terra. A questa manovra ne seguiranno altre: lo scopo è permettere alla sonda di posizionarsi in modo da misurare come cambia la direzione in cui soffia il vento solare nella regione di confine in cui si trova adesso, dove l’intensità di questo flusso di particelle cariche emesse dal Sole si indebolisce gradualmente fino a non essere più rilevabile.


DOV’È L’ATMOSFERA DI MARTE?
È un’ipotesi oggi ritenuta estremamente plausibile che, nel corso della sua evoluzione, Marte si sia perso buona parte della propria atmosfera. Le domande riguardano però il “come” questa perdita possa essere avvenuta e le recenti osservazioni della sonda Mars Reconnaissance Orbiter forniscono delle interessanti informazioni su una delle modalità possibili. Analizzando, dall’alto della sua orbita, le rocce del sottosuolo marziano esposte alla luce in seguito a violenti impatti con i meteoriti, la sonda ha accertato che esse contengono un particolare tipo di minerali. Questi minerali potrebbero essersi formati rubando un ingrediente, l’anidride carbonica, presente proprio nell’atmosfera. In altre parole, parte dell’atmosfera mancante del pianeta sarebbe stata in un certo senso assorbita dal suolo. Questo non è il solo modo in cui può essere avvenuta la perdita: si ritiene che anche il vento solare abbia avuto, e abbia tuttora, un ruolo erosivo sull’atmosfera del pianeta. Ma su questo indagherà un’altra sonda, MAVEN, nel 2014.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit