Text Size
Venerdì, Dicembre 15, 2017
News Astronomia Il S. Valentino della sonda Stardust,il veicolo di trasferimento automatizzato Kepler e il brlillamento più potente degli ultimi 4 anni del Sole

La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove

Il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO ha ripreso un’immagine notevolmente dettagliata della Nebulosa della caraffa (chiamata Toby Jug in inglese), una nube di gas e polvere che circonda una stella...

La coscienza collettiva e l'esperimento Global Consciousness Project

Nei sotterranei d'una polverosa libreria di Edinburgo, giace una scatoletta nera non più grande did ue pacchetti di sigarette affiancati, che sforna continuamente numeri a caso. A prima vistasembra u...

Le profezie delle antiche sibille sulla fine del mondo

Le sibille erano donne cui si attribuiva la capacità di predirre il futuro, erano consultate da statisti di epoche antiche e da filosofi come Platone. Le sibille proferivano i loro oracoli nello stato...

La straordinaria resistenza della tela del ragno che resiste agli uragani

La resistenza delle tele intessute dai ragni ha sempre affascinato l'uomo, che ne ha cercato il segreto della robustezza nella composizione chimica della  seta. Da sola, tuttavia, questa non può spi...

Il nuovo telescopio VST,il risveglio del Sole e le ultime scoperte su Giove

Dopo innumerevoli imprevisti, ecco le prime spettacolari immagini dal telescopio VST sulle Ande del Cile. Il progetto è frutto della stretta collaborazione tra le principali industrie italiane del ...

Come conosciamo la composizione di Stelle e Pianeti

Grazie alla spettroscopia astronomica possiamo individuare con la massima precisione quali elementi chimici si trovano in un corpo celeste. Anche a milioni di anni luce di distanza. Fu la scoperta di ...

  • La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia
  • La coscienza collettiva e l'esperimento Global Consciousness Project


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le profezie delle antiche sibille sulla fine del mondo


    Publish In: Profezie passate e future
  • La straordinaria resistenza della tela del ragno che resiste agli uragani


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il nuovo telescopio VST,il risveglio del Sole e le ultime scoperte su Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Come conosciamo la composizione di Stelle e Pianeti


    Publish In: Tecnologia Spaziale

Il S. Valentino della sonda Stardust,il veicolo di trasferimento automatizzato Kepler e il brlillamento più potente degli ultimi 4 anni del Sole

Per la sonda Stardust è stato un San Valentino indimenticabile. Proprio il 14 febbraio è giunta a soli 178 chilometri dalla cometa Tempel 1, raccogliendo dati e regalandoci più di 70 immagini ravvicinate. Tra tutte, spicca la ripresa che mostra il cratere prodotto nel 2005 dal proiettile di 300 chili scagliato addosso alla cometa dalla sonda Deep Impact. A dire il vero solo gli occhi degli esperti riescono a cogliere la presenza del cratere: ma è comunque un'immagine importante, se consideriamo che sei anni fa non era stato possibile osservare al meglio il risultato dell'impatto a causa della quantità di polvere sollevata.


Ora le immagini riprese dalla Stardust mostrano al centro del cratere un piccolo cumulo di materiale: deve essere ciò che rimane dei frammenti e della polvere sollevata dall'impatto e poi ridiscesa al suolo. Un segno che il proiettile ha sbriciolato con relativa facilità la parte di superficie colpita, a conferma della fragilità del nucleo cometario, costituito da un misto di ghiaccio e roccia.

Per la sonda Stardust avvicinare la Tempel 1 è stata una missione supplementare, che si è aggiunta a quella principale del 2004, quando aveva raggiunto un'altra cometa, la Wild 2. In quell'occasione aveva raccolto campioni di polveri in una capsula rispedita a terra, polveri poi analizzate anche dai nostri scienziati dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Ora la Stardust ha quasi esaurito il propellente: avrà ancora un paio di mesi di tempo per osservare la cometa, poi potrebbe essere lasciata a se stessa.


DOPO VERNE ARRIVA KEPLERO
Decollo avvenuto con successo il 16 febbraio, per l’ATV- Johannes Kepler, il veicolo di trasferimento automatizzato costruito grazie a un consistente contributo italiano. I veicoli ATV sono dei grossi bagagliai spaziali destinati alla Stazione orbitante: una volta costruiti, vengono riempiti di rifornimenti di ogni tipo e lanciati in orbita. Dopodiché fanno tutto da soli: aprono i pannelli solari e, grazie a sensori di rilevamento e computer che elaborano la rotta, si mettono sulle tracce della Stazione alla quale si agganciano nel giro di pochi giorni. Tutto questo era già avvenuto, e con successo, nel 2008 con il primo degli ATV, Jules Verne. Kepler si porterà in posizione per l’aggancio alla Stazione giovedì 24 febbraio e le operazioni saranno guidate da Paolo Nespoli. Concluderà la missione a giugno: verrà riempito di tutto ciò che a bordo non serve più, verrà sganciato e fatto disintegrare in atmosfera. Ma di questi rifornitori la ISS ne attende almeno altri 3: il prossimo si chiamerà “Edoardo Amaldi” in onore del famoso fisico. Gli ATV, grazie ai quali i rifornimenti non piovono dal cielo ma salgono dalla Terra, hanno un ruolo fondamentale nel garantire sicurezza e autonomia al personale di bordo.

IL SOLE SI RISVEGLIA
Sembra che il Sole abbia un debole per le ricorrenze: se a Pasquetta 2010 si era esibito in una violenta tempesta geomagnetica, quest’anno ha scelto la notte di San Valentino per emettere il brillamento più energetico degli ultimi quattro anni. Fra il 14 e il 15 febbraio, infatti, ha fatto registrare un brillamento di classe X, quella associata ai fenomeni solari più potenti. Appartengono a questa categoria i brillamenti che possono causare delle lunghe tempeste di radiazione e avere delle conseguenze anche sulla Terra causando talvolta dei blackout radio. Per il momento nelle regioni settentrionali di Irlanda e Inghilterra sono già state viste le aurore boreali, fenomeni tipicamente legati a questo tipo di attività del Sole. Il brillamento di San Valentino, secondo i ricercatori, potrebbe essere il primo segno del risveglio della nostra stella e dare inizio a un suo nuovo periodo di attività.





blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit