Text Size
Giovedì, Agosto 17, 2017
News Astronomia La tecnologia spaziale italiana, il Sole monitorato per intero grazie alle sonde STEREO e news dalla simulazione Mars500

La prima medusa artificiale

Silicone e cellule muscolari: sono questi i due elementi fondamentali che costituiscono il medusoide, ovvero una medusa bioingegnerizzata, realizzata dai ricercatori del California Institute of Tech...

Venere

Venere è uno dei quattro pianeti terrestri del sistema solare, il che significa che, come la Terra, è un corpo roccioso. In dimensioni e massa è molto simile alla Terra, ed è spesso descritta come i...

Internet per tutti e dappertutto: l'accesso universale di Zuckerberg

ERA STATA lanciata esattamente un anno fa Internet.org. Una ong, sostenuta da diverse sigle ma in cui il ruolo da protagonista spettava senza alcun dubbio a Mark Zuckerberg, fondatore e deus ex mac...

L'espansione della mente dei funghi allucinogeni spiegata dalla scienza

Gli effetti allucinogeni della psilocibina, il principio attivo dei “funghi magici”, ovvero funghi con sostanze psicoattive, sono legati a un potenziamento dell'attività nelle parti evolutivamente...

Il filmato dell'Ufo avvistato a Cincinnati in Ohio

Il resoconto del testimone: Mentre stavo tornando a casa dopo il lavoro ven 2012/09/28 Mi sono fermato a Walmart. Sulla via del ritorno vicini al camion di mio figlio, mia figlia e io abbiamo visto...

Trovato un tunnel segreto a Teotihuacan

Nel sito archeologico di Teotihuacan un gruppo di archeologi ha scoperto un tunnel che potrebbe rivelare molti indizi su una delle più importanti civiltà antiche della regione. La prima indicaz...

La tecnologia spaziale italiana, il Sole monitorato per intero grazie alle sonde STEREO e news dalla simulazione Mars500

Italia avanti tutta. Quanto meno nel campo tecnologico, grazie ad aziende quali la Media Lario, specializzata nella realizzazione di componenti ottici ad alta precisione. Proprio la Media Lario, dopo aver sviluppato componenti per il telescopio spaziale XMM-Newton sta ora contribuendo alla costruzione di due altri telescopi: ALMA in Cile e LMT in Messico.


Entrambi i telescopi richiedono una precisione estrema.Ad esempio nel caso del radiotelescopio ALMA, i pannelli che costituiscono le antenne devono avere una forma precisa,con una deviazione massima rispetto alla forma ideale di soli pochi micron. E'un valore microscopico, inferiore allo spessore di un capello, che però non spaventa la Media Lario, in grado di vincere la sfida grazie alla sua esperienza.

Analoga precisione è richiesta anche dall'altro radiotelescopio, LMT, costituito da un'antenna a disco del diametro di 50 metri. E come anticipato in passato, la tecnologia italiana sviluppata per i telescopi ha già trovato ulteriori applicazioni anche al di fuori del campo astrofisico: ad esempio nella produzione di nuovi microchip più piccoli e più efficienti, che aumentano le prestazioni di computer e apparecchiature senza farne crescere il costo.


TUTTO IL SOLE DI STEREO
Domenica 6 febbraio, dopo oltre 4 anni di viaggio, due sonde gemelle della NASA hanno segnato un momento storico. Per la prima volta da quando l’uomo osserva il Sole, sarà possibile osservarlo simultaneamente per intero grazie allo speciale posizionamento di questi due strumenti orbitanti. Le due sonde STEREO, questo il nome della missione, hanno infatti raggiunto posizioni opposte rispetto al Sole, in modo che ciascuna riesca a vedere quello che non vede l’altra. Noi che osserviamo il Sole da terra, dobbiamo aspettare circa 27 giorni per osservare tutto, aspettare cioè che completi un’intera rotazione su sé stesso: quindi, in un dato momento, non sappiamo cosa sta succedendo dalla parte opposta. D’ora in poi, invece, grazie alle immagini di STEREO, il Sole non ci nasconderà più nulla: potremo seguire ininterrottamente fenomeni energetici come i brillamenti e migliorare notevolmente le nostre previsioni sulla possibilità che una tempesta solare colpisca o meno il nostro pianeta. Nel sito web della missione viene mostrata la sfera solare così come risulta dall’assemblaggio delle due immagini complementari: si nota ancora un sottilissimo spicchio nero. Si tratta della piccola porzione non ancora coperta dalle osservazioni: scomparirà del tutto nei prossimi giorni.


UN ITALIANO SU MARTE
Lunedì 14 febbraio l’equipaggio della missione Mars500 ha un appuntamento importante: niente di romantico, nonostante la ricorrenza, ma sicuramente emozionante. Fra i componenti della squadra, che conta in tutto sei uomini provenienti da Europa, Russia e Cina, c’è anche l’italiano Diego Urbina, e sarà proprio lui uno dei primi del gruppo a calpestare il suolo di Marte. In realtà, l’intero equipaggio non ha mai lasciato la Terra: la missione Mars500 è la simulazione di un vero viaggio, andata e ritorno, sul pianeta rosso. Lo sbarco, in un ambiente che riproduce quello marziano, avviene finalmente dopo 250 giorni di viaggio. Hanno viaggiato, pur restando fermi, gli uomini di Mars500, restando chiusi in un modulo ermetico e senza finestre costruito imitando gli ambienti di una navicella spaziale, lavorando con gli stessi ritmi degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Le operazioni di discesa e sbarco seguiranno le stesse procedure che si prevedono in realtà e costituiscono senz’altro un atteso diversivo prima di riprendere il lungo viaggio di ritorno, che si concluderà a novembre di quest’anno. Obiettivo di Mars500 è studiare tutte le problematiche e le difficoltà che un’impresa come un viaggio su Marte può comportare per il fisico e la psiche umana.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit