Text Size
Giovedì, Agosto 17, 2017
News Astronomia Il nuovo re dei buchi neri, le due strane galassie ed il turismo sulla ISS

Gli enigmatici petroglifi della Roccia di Judaculla. Tra antichi giganti e codici preistorici

Viaggiando ad ovest di Asheville, nella Carolina del Nord e attraversando la frontiera con la Conta di Jackson, si giunge nella piccola comunità di Tuckasegee, uno dei luoghi inseriti nel National...

L'incredibile Ufo fotografato nel deserto del Nevada

Lo strano avvistamento si è verificato lo scorso 30 ottobre 2015 e ha visto coinvolto un passeggero di un aereo di linea della American Airlines in volo da San Jose CA a Houston il quale riferis...

Nella giungla di Chiapas in Messico l'incredibile avvistamento di un ufo a forma di rombo

La regione messicana del Chiapas è famosa per i suoi siti archeologici, come ad esempio quello di Palenque o il sito archeologico di Bonampak, che si trova nella giungla, in provincia di Usumacinta...

Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio La Rubia

L'allucinante esperienza di Antonio La Rubia Proseguendo l'opera di rivisitazione di episodi a torto poco noti e dibattuti della casistica internazionale relativa al contatto con le entità degli ...

Gravity Probe B e la defomazione dello spazio-tempo attorno alla Terra

Lo spazio-tempo attorno alla Terra è leggermente deformato, proprio come previsto dalla teoria della relatività generale di Einstein. A dimostralo, misurando l'entità di questa deformazio...

I Marziani ad Atlantide

Quando i Marziani si inserirono nel nostro schema evolutivo ad Atlantide, noi avevamo raggiunto un livello paragonabile a quello di una ragazzina di 13 o 14 anni, mentre loro avevano un livello pari...

  • Gli enigmatici petroglifi della Roccia di Judaculla. Tra antichi giganti e codici preistorici


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • L'incredibile Ufo fotografato nel deserto del Nevada


    Publish In: Le Prove
  • Nella giungla di Chiapas in Messico l'incredibile avvistamento di un ufo a forma di rombo


    Publish In: Le Prove
  • Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio La Rubia


    Publish In: Le Prove
  • Gravity Probe B e la defomazione dello spazio-tempo attorno alla Terra


    Publish In: Scienza e Futuro
  • I Marziani ad Atlantide


    Publish In: La Nostra Storia

Il nuovo re dei buchi neri, le due strane galassie ed il turismo sulla ISS

Tra i buchi neri c'è un nuovo re. Si trova nel cuore della galassia M87 e ha conquistato lo scettro grazie al valore della sua massa, paria 6,6 miliardi di volte quella del Sole. Un valore enorme, calcolato combinando i dati ottenuti da diversi telescopi: ognuno ha misurato il movimento delle stelle della galassia sino a raggiungere una precisione 10 volte superiore alle misure precedenti. Da questi movimenti è poi stato possibile calcolare la massa del buco nero.



La massa così grande rende molto vasta la zona di influenza gravitazionale del buco nero: il suo orizzonte degli eventi, ovvero la linea di confine entro la quale nulla può più sfuggire alla sua attrazione, è talmente estesa da poter inghiottire in un sol boccone buona parte del nostro sistema solare. Fortuna che il buco nero e la galassia che lo ospita si trovano a ben 50 milioni di anni luce da noi.

Con un'estensione così ampia, l'orizzonte degli eventi del buco nero potrebbe risultare visibile ai futuri telescopi. Se e quando ciò accadrà, potremo parlare di un momento storico per l'astrofisica. Sino ad ora deduciamo la presenza dei buchi neri solo in modo indiretto, in base agli effetti che producono sul gas e le stelle vicine. Manca la conferma osservativa diretta che potrebbe giungere proprio osservando il cuore della galassia M87 e vedendo al suo centro un bel cerchio tutto nero.


UNA STRANA COPPIA DI GALASSIE
L’immagine ottenuta dal telescopio WISE, della NASA, mostra due galassie che, pur formando una coppia, non si somigliano affatto. Una sembra quasi disegnata, con una classica forma a spirale, l’altra ha un aspetto in apparenza più disordinato: molto luminosa, chiamata anche Galassia Sigaro per la struttura allungata, è decisamente meno spettacolare della compagna. Sono tuttavia proprio queste differenze, evidenti al primo sguardo, a dare all’immagine un’importante valenza scientifica. La galassia Sigaro è influenzata dalla presenza della compagna, denominata M82, che esercita su di essa una notevole azione gravitazionale, e questo si ripercuote anche sul suo aspetto. Se, nel nostro piccolo, sappiamo che ad esempio l’interazione gravitazionale fra Terra e Luna provoca lo spostamento di grandi masse d’acqua con il fenomeno delle maree, su scale enormemente più grandi, una galassia che influisce gravitazionalmente su un altra può provocare perturbazioni tali da innescare la formazione di nuove stelle. Ed è proprio questo che sta succedendo alla galassia Sigaro che, se perde nel confronto estetico con la compagna, vince in quanto a produttività stellare.


ISS, PER LAVORO E PER TURISMO
C’è chi è disposto a sborsare decine di milioni di dollari per salire a bordo della Stazione Spaziale e chi invece doveva andarci per lavoro e rischia di rimanere a terra a meno di un mese dalla data prefissata per la partenza. Due notizie, in questi giorni, parlano di persone che hanno, o avranno, la stazione orbitante come meta. Da una parte c’è Timothy Kopra, l’astronauta che avrebbe dovuto far parte del prossimo equipaggio shuttle destinato alla ISS, il cui lancio è previsto per il 24 febbraio. Se adesso la sua partenza è in forse, la colpa è di un incidente non grave, una caduta da bicicletta, che però potrebbe, secondo le indiscrezioni, avergli causato la frattura dall’anca. La NASA non ha dichiarato come intende procedere, ma Kopra non sarà in grado di svolgere alcuni dei compiti previsti e la missione dovrà comunque essere in parte rivista. Del resto la forma fisica non è un optional se si deve raggiungere la stazione, nemmeno per i prossimi turisti. È stato annunciato infatti che nel 2013 il turismo spaziale riprenderà e più costoso che mai: per rivivere un’esperienza simile a quella dei sette milionari che nello spazio ci sono già stati, bisognerà pagare anche più di 35 milioni di dollari. Nonostante questo, l’agenzia Space Adventures assicura che i tre posti disponibili al momento, non resteranno certo vuoti.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit