Text Size
Domenica, Febbraio 18, 2018
News Astronomia Kepler e la scoperta del pianeta di lava, l'antimateria scoperta nei fulmini ed i monitoraggi spaziali su Nespoli

I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti

Nessuna delle lune di Plutone verrà chiamata Vulcano, con buon pace dei fan di Star Trek. Ma andiamo con ordine: Plutone è uno dei pianeti nani del nostro sistema solare. Sino a due anni fa si cono...

L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane

E’ stato un lampo di raggi gamma lunghissimo, durato quasi sei ore quello avvenuto lo scorso 25 settembre e studiato da un team internazionale di ricercatori guidato da Luigi Piro, dell’INAF. Un’et...

Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS

18 maggio 2011 durante l'arrivo dell' Endeavour alla stazione spaziale internazionale sono apparsi tre oggetti sconosciuti. Gli ordini di Ground Control 'Endeavour si prega di mettere in pausa la...

L'enigma della collezione di oltre trecento petrosfere in Costa Rica. Chi le ha realizzate e perchè?

Uno dei misteri più difficili da decifrare è stato scoperto in Costa Rica, sull’Isla del Caño. Nel 1930, la United Fruit Company era intenta a piantare numerosi alberi di banane nella regione, ...

Un Ufo è stato filmato durante una partita di Football

La passione per immortalare qualsiasi nostro evento quotidiano ormai ci ha abituato ad andare in giro sempre con videocamere e/o macchina fotografiche pronti ad immortalare ogni fatto rilevant...

L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test

Grazie allo strumento SHOES, l'incertezza sulla costante di Hubble è stata ridotta al 3,3 per cento, escludendo l'ipotesi alternativa a quella di una forza repulsiva tra le masse Grazie...

  • I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti


    Publish In: News Astronomia
  • L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane


    Publish In: News Astronomia
  • Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma della collezione di oltre trecento petrosfere in Costa Rica. Chi le ha realizzate e perchè?


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Un Ufo è stato filmato durante una partita di Football


    Publish In: Le Prove
  • L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test


    Publish In: Scienza e Futuro

Kepler e la scoperta del pianeta di lava, l'antimateria scoperta nei fulmini ed i monitoraggi spaziali su Nespoli

A quando l'annuncio dell'esistenza di un pianeta simile al nostro? Forse già nei prossimi mesi, se Kepler continua di questo passo. Il telescopio spaziale americano sta infatti ottenendo risultati sempre più incoraggianti. Come la recente scoperta del più piccolo tra tutti i pianeti extrasolari finora conosciuti: denominato Kepler-10b, è di tipo roccioso, grande solo il 40% in più della Terra.


Purtroppo le giuste dimensioni e la superficie rocciosa non bastano a renderlo un luogo abitabile. Kepler-10b orbita molto vicino alla sua stella e le temperature al suolo raggiungono i 1.800 gradi. Quando si toccano simili valori, la superficie deve essere un' immensa distesa di roccia fusa e non può esserci acqua allo stato liquido. Per questo qualcuno lo ha definito il pianeta fatto di lava.

La scoperta fa comunque ben sperare per il futuro. Soprattutto conferma le grandi capacità del telescopio Kepler, in grado di individuare la presenza di pianeti piccoli e rocciosi misurando le lievi perturbazioni gravitazionali che esercitano sulle stelle attorno alle quali orbitano. Si tratta di perturbazioni quasi impercettibili, che richiedono mesi di osservazioni per essere rilevate. Kepler può svolgere questo compito senza problemi e già in febbraio saranno pubblicati i risultati su altri 400 possibili pianeti extrasolari: che tra questi se ne trovi finalmente uno alla giusta distanza dalla sua stella?

TUONI, FULMINI E ANTIMATERIA
Il satellite Fermi, della NASA, è progettato per scrutare l’Universo lontano e studiare la radiazione altamente energetica, la sua ultima scoperta riguarda però l’antimateria e l’ha effettuata senza guardare troppo lontano ma appena sopra le nostre teste. Osservando dall’alto i temporali che si verificano ogni giorno qua e là sul nostro pianeta, Fermi si è accorto di un fenomeno mai visto prima. In certi casi, durante i temporali, oltre ai tuoni e ai fulmini vengono prodotti anche fasci di antiparticelle che, anziché scendere verso il basso, vengono sparati verso l’alto. Si tratta principalmente di anti-elettroni, particelle cariche che sono costrette a percorrere nello spazio certe traiettorie piuttosto che altre, a causa della presenza del campo magnetico della Terra. Ma se il satellite Fermi riesce ad osservare radiazione energetica, la radiazione gamma per la precisione, come è riuscito ad accorgersi di queste anti-elettroni? Semplicemente perché si trovava proprio sulla loro strada e ne è stato investito: gli anti-elettroni prodotti dai temporali hanno reagito con gli elettroni della struttura stessa del satellite e il risultato di questa reazione è proprio radiazione gamma! In altre parole Fermi si è accorto di radiazione che era lui stesso ad emettere, dopo essere stato bersaglio degli anti-elettroni prodotti dai temporali.

NEUROSPAT PER NESPOLI

Lavorando a pieno ritmo a bordo della Stazione Spaziale, l’astronauta italiano Paolo Nespoli mette a dura prova il fisico e il cervello, e come non approfittare di questo stess cerebrale per effettuare degli studi? È questo lo scopo dell’esperimento Neurospat nel corso del quale Nespoli verrà sottoposto a elettroencefalogramma in modo da monitorare reazioni, stimoli oltre che a individuare parti cruciali della corteccia cerebrale. La microgravità rappresenta una sfida notevole per il nostro cervello che è abituato a giudicare distanze, pesi e in generale ad avere una percezione di tutto ciò che circonda a partire dalle condizioni tipicamente terrestri che invece non ritrova più una volta in orbita. Scoprire le capacità di adattamento del cervello e capire in che modo riesca a resettarsi per un nuovo ambiente può avere delle ricadute molto importanti per la ricerca medica.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit