Text Size
Martedì, Febbraio 20, 2018
News Astronomia Le misteriose variazioni della Nebulosa del Granchio e l'anniversario di sette anni dei rover Spirit e Opportunity

Nuovi progressi verso il cuore bioartificiale

Le cellule staminali pluripotenti (iPS) umane possono essere indotte a differenziarsi in tessuto cardiaco funzionale: lo dimostra un nuovo studio apparso sulla rivista “Nature Communications” firmato...

Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti

Non servono gli occhiali per vedere le immagini tridimensionali prodotte da un nuovo schermo descritto sulle pagine di “Nature” in un articolo firmato da David Fattal, dei Laboratori Hewlett-Packard ...

L'Ufo uscito dalle profondità del mare in Puerto Rico

Un Ufo è stato avvistato e fotografato in Puerto Rico da dei testimoni che stavano attraversando in un volo di linea la zona. L'incredibile Ufo era di colore argenteo e emetteva luci di vari colori ...

Secondo Seth Shostak, astronomo del Seti, “Potremmo trovare la vita aliena, ma i politici non vogliono”

La vita aliena, per il momento, può essere osservata solo in televisione e al cinema, invece che nello spazio. Tuttavia, ci sono molti ricercatori che pensano che la vita nel cosmo sia dilagant...

Nuove definizioni scientifiche per Plutone, le ultime scoperte del satellite Plank ed il lato nascosto di Mercurio

Prima del 2006 Plutone era il nono pianeta del sistema Solare. Oggi questo piccolo corpo dalla forma sferica è classificato pianeta nano. Una definizione che però potrebbe non essere ancora quella...

I nuovi dati sulla velocità dei neutrini,i risultati delle analisi della polvere di Hayabusa ed il numero dei Pianeti vagabondi

Più veloci della luce solo per pochi mesi. E’ quanto accaduto ai famosi neutrini sparati dal CERN di Ginevra verso i laboratori del Gran Sasso. Lo scorso settembre il clamoroso annuncio che i neut...

  • Nuovi progressi verso il cuore bioartificiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'Ufo uscito dalle profondità del mare in Puerto Rico


    Publish In: Le Prove
  • Secondo Seth Shostak, astronomo del Seti, “Potremmo trovare la vita aliena, ma i politici non vogliono”


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Nuove definizioni scientifiche per Plutone, le ultime scoperte del satellite Plank ed il lato nascosto di Mercurio


    Publish In: News Astronomia
  • I nuovi dati sulla velocità dei neutrini,i risultati delle analisi della polvere di Hayabusa ed il numero dei Pianeti vagabondi


    Publish In: News Astronomia

Le misteriose variazioni della Nebulosa del Granchio e l'anniversario di sette anni dei rover Spirit e Opportunity

Una delle nebulose più famose e spettacolari è la Crab Nebula, anche nota come Nebulosa del Granchio. Non è tuttavia merito della sua bellezza se è recentemente tornata a far parlare di sé, bensì di una importante scoperta che la riguarda, opera di AGILE, un satellite tutto italiano. AGILE è specializzato nell'osservare la radiazione altamente energetica dell'Universo e la Crab Nebula è molto nota agli astrofisici per aver sempre emesso questo tipo di radiazione, la radiazione gamma, con molta costanza.


Invece sembra che le cose non stiano proprio così perché Agile, osservandola, si è accorto di qualcosa di sorprendente, abbiamo chiesto di cosa si tratta a Marco Tavani dell'INAF, responsabile scientifico della missione. “AGILE ha osservato una forte variazione del segnale gamma, del tutto inaspettata,dalla Nebulosa del Granchio. In qualche giorno il segnale totale dalla nebulosa è più che triplicato, e poi è sceso giù. Questo è un fenomeno assolutamente strano e mai visto prima anche perché la Nebulosa del Granchio è stata sempre assunta come costante” La scoperta fatta da Agile, ha subito scomodato un altro satellite specializzato in radiazione gamma, ovvero il Fermi della NASA, che ha confermato i dati.

Poi è stata la volta del telescopio Hubble che ha puntato la nebulosa e ora, ad osservarla quasi ogni mese per quasi un anno, ci sarà Chandra, l’osservatorio orbitante ai raggi X della NASA. In definitiva: una notevole reazione a catena innescata da un piccolo satellite italiano che ha le dimensioni di un grande frigorifero. Picccolo se confrontato con i colleghi americani, AGILE si è dimostrato in grado di ottenere grandi risultati ed è una missione di cui l’Italia può andare orgogliosa.


OPPORTUNITY E IL CRATERE
Gennaio è il mese in cui i rover Spirit e Opportunity celebrano l’anniversario del loro arrivo su Marte: con il 2011 gli anni di permanenza sul pianeta rosso son ben 7! Opportunity, che festeggerà questa ricorrenza il 25 gennaio, ha già la sua foto ricordo, scattata il 31 dicembre dalla sonda Mars Reconnaissance Orbiter, in orbita intorno a Marte. Nell’immagine è ben visibile il cratere “Santa Maria” delle dimensioni di un campo da calcio e, nelle vicinanze del suo bordo sud-occidentale, il rover Opportunity appare come un piccolo puntino. Arrivato a questa destinazione a metà dicembre, Opportunity ci resterà per circa due mesi studiando le rocce della zona e continuando poi la sua missione di esplorazione che inizialmente avrebbe dovuto durare appena tre mesi.


NASA CHIAMA SPIRIT
L’altro rover, Spirit, ha mantenuto il suo lungo silenzio anche allo scoccare del settimo anno su Marte: sono infatti trascorsi ben nove mesi da quando per l'ultima volta la NASA è riuscita a mettersi in comunicazione con il gemello di Opportunity. Rimasto incastrato in una sorta di trappola di sabbia quando due delle sue sei ruote erano già fuori uso, il rover non è più riuscito a spostarsi e gli è stato quindi impossibile raggiungere un punto sufficientemente soleggiato per trascorrere l'inverno marziano senza subire un eccessivo calo di temperatura. Invece così è stato: dal punto in cui si trova bloccato, i suoi pannelli solari non sono riusciti a raccogliere energia a sufficienza e il raffreddamento interno ha superato i livelli di sicurezza. Ora sono ricominciati i tentativi di ripristinare le comunicazioni: lo scorso novembre è iniziata la primavera nell'emisfero sud di Marte, e i pannelli di Spirit stanno ricevendo ogni giorno più luce. Il calo di temperatura potrebbe aver compromesso le funzioni del rover o, nella peggiore delle ipotesi, averlo messo definitivamente fuori uso. Alla NASA si lavora per ristabilire i contatti, ma se entro metà marzo Spirit non avrà emesso nemmeno un bip, sarà tempo di considerare conclusa la missione dello storico rover.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit