Text Size
Sabato, Dicembre 16, 2017
News Astronomia Il mistero del pianeta Gliese 581q,il passato e futuro di un pianeta e la tecnologia spaziale per i dentisti

La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon

[La Stampa] Potrebbe essere l’ultimo segreto del faraone-bambino, Tutankhamon, il più celebre della storia egiziana. È quasi certo che ci siano due camere nascoste dietro i muri della tomba del...

L'Ufo segnalato dai TG cinesi

Come sempre più spesso succede, in Cina è stato avvistato e filmato un Ufo durante la notte e la notizia è stata riportata dai notiziari locali, come vedete dal video sotto.

Il passaggio di Venere davanti al Sole e l'effetto eco a raggi x dei buchi neri

Avete mai visto un pianeta passare davanti al Sole? Qualunque sia la risposta, all’alba del 6 giugno tenetevi pronti. Da quando il Sole sorge sino a quasi le sette del mattino un puntino nero pass...

Skystone, la misteriosa pietra artificiale di 12500 anni fa

                          Il geologo e archeologo Angelo Pitone ne 1990 ha rinvenuto in Sierra Leone un particolare tipo di pietra azzurra, chiamata Skystone, pietra azzurra che egli ha...

Ufo nei cieli del Canada

Uno degli avvistamenti più famosi avvenuti in Canada è avvenuto il 7/11/1990 a Montreal dove un Ufo di forma triangolare restava immobile vicino a un grattacielo. Invisibile ai radar l'Ufo è stato f...

Il rapporto dei piloti neozelandesi sugli ufo giganti

Roma, 23 dic. (Apcom) - Un alieno gigante con una scarpa numero 440: è solo una delle creature avvistate negli ultimi 60 anni in Nuova Zelanda, secondo alcuni documenti riservati resi pubblici da...

  • La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'Ufo segnalato dai TG cinesi


    Publish In: Le Prove
  • Il passaggio di Venere davanti al Sole e l'effetto eco a raggi x dei buchi neri


    Publish In: News Astronomia
  • Skystone, la misteriosa pietra artificiale di 12500 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Ufo nei cieli del Canada


    Publish In: Le Prove
  • Il rapporto dei piloti neozelandesi sugli ufo giganti


    Publish In: Le Prove

Il mistero del pianeta Gliese 581q,il passato e futuro di un pianeta e la tecnologia spaziale per i dentisti

E’ giallo attorno a Gliese 581g, il pianeta che orbita attorno alla propria stella alla giusta distanza perché l’acqua, ammesso che ci sia, rimanga allo stato liquido, senza ghiacciare né evaporare. Ad appena due settimane dall’annuncio della scoperta, giunge ora una clamorosa smentita, resa pubblica nel corso di un convegno che si è svolto a Torino: un altro gruppo di astronomi non ha trovato traccia del pianeta.


Gli scopritori però non ci stanno e difendono la bontà dei loro dati. E proprio i dati sono alla base di questo imprevisto colpo di scena, visto che il pianeta è stato individuato attraverso l’elaborazione di misure e non attraverso un’ osservazione diretta. Pianeti rocciosi come questo sono infatti troppo lontani per essere visti dai telescopi. Possiamo solo dedurne la presenza in modo indiretto. Ad esempio notando delle piccoli oscillazioni nella posizione di una stella deduciamo la presenza di uno o più pianeti che gli orbitano attorno.

Elaborando una serie di dati raccolti con questo metodo si è scoperto Gliese 581g. Ma l’altro gruppo di astronomi ha invece utilizzato dati ottenuti da altre misure, e la loro elaborazione ha portato alla conclusione che il pianeta non c’è. Chi dei due ha ragione? Per ora sembrano più attendibili i dati a favore della sua esistenza. Ma se così non fosse, telegiornali e quotidiani avrebbero parlato per giorni di un pianeta che in realtà non esiste.

PASSATO E FUTURO DI UN PIANETA
Se appartenesse al nostro Sistema solare si troverebbe fra Mercurio e Venere e sarebbe una presenza alquanto ingombrante visto che la sua massa è superiore a quella di Giove. Si tratta di un pianeta gassoso in orbita intorno a una stella simile al Sole e più che al suo presente, gli astronomi sono interessati al suo passato e al suo futuro. Riguardo al passato ci si chiede come sia possibile che un pianeta gigante sia così vicino alla propria stella. Secondo le teorie sulla formazione dei sistemi planetari, non dovrebbe trovarsi lì proprio per via della sua massa. Una delle ipotesi è che si sia formato più lontano e sia poi stato scagliato dove si trova ora per aver perso al tiro alla fune gravitazionale ingaggiato con qualche altro pianeta di grossa taglia. Guardando al futuro, invece, sembra proprio che le previsioni non siano rosee. La vicinanza, le masse in gioco, la reciproca attrazione gravitazionale provocano una sorta di sbilanciamento che porta il pianeta ad avvicinarsi sempre più alla stella. Il restringersi della sua orbita è già stato osservato, peccato non poter vedere come davvero andrà a finire.

DALLO SPAZIO AL DENTISTA
Si parla di trasferimento tecnologico ogni volta che tecnologie innovative sviluppate per la ricerca scientifica trovano applicazioni pratiche anche nella vita di tutti i giorni. E’ così che, grazie all’ingegneria spaziale, potremo stare più tranquilli perfino seduti a bocca aperta sulla poltrona del dentista. Questa volta si parla infatti di una fotocamera ai raggi X, ad altissima risoluzione, realizzata sfruttando le tecniche per miniaturizzare l’hardware destinato alle missioni spaziali. Rispetto a quelle attualmente usate, questa nuova è in grado di ottenere immagini estremamente più dettagliate facilitando il lavoro del dentista e il rilassamento del paziente. Questo è solo l’esempio più recente di come la ricerca spaziale possa potenziare la tecnologia di ambiti completamente diversi.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit