Text Size
Martedì, Dicembre 12, 2017
News Astronomia Il nuovo modello di Venere, news dalla sonda Rosetta e la scoperta del pianeta simile ala Terra

Il portale fotografato da Google Earth mentre esce un UFO in California

Nel monte Shasta in California negli Stati Uniti, nelle fotto scattate da google earth c'è qualcosa davvero di insolito. A prima vista sembra un "normale Ufo" che rimane immobile nel cielo ma, guard...

Un Ufo filmato in Russia mentre sorvolava una cattedrale

In un filmato girato di recente è stato ripreso un oggetto volante non identificato. Lo strano oggetto è stato filmato da una telecamera di sorveglianza fissa su un edificio da una strada (The Hermi...

Il motore termico più piccolo del mondo

Un motore termico su scala micrometrica è stato per la prima volta realizzato da ricercatori dell'Università di Stoccarda e del Max Planck Institut per i sistemi intelligenti, che lo descrivono in...

Popolo Azteco

Ecco a voi la storia di uno dei popoli che hanno vissuto contemporaneamente alla grande civiltà dei Maya, che ci hanno lasciato tanti segni della loro antica cultura.Un misterioso popolo che ha costru...

Gli ufo fotografati nel 1941 nell'artico da un sottomarino americano

Fotografie di un UFO, anzi tecnicamente un USO (oggetti sottomarini non identificati), scattate da un sottomarino della marina militare USA nel 1971? È il nuovo giallo a sfondo ufologico che tiene b...

La città di Angkor,il popolo khmer e il 2012

L'impero Khmer ha avuto vita breve: nel XIV secolo è iniziato il suo declino e nel XV si è dissolto; eppure in questo tempo migliaia di edifici sono stati costruiti, con una precisione architettonica ...

  • Il portale fotografato da Google Earth mentre esce un UFO in California


    Publish In: Le Prove
  • Un Ufo filmato in Russia mentre sorvolava una cattedrale


    Publish In: Le Prove
  • Il motore termico più piccolo del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Popolo Azteco


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Gli ufo fotografati nel 1941 nell'artico da un sottomarino americano


    Publish In: Le Prove
  • La città di Angkor,il popolo khmer e il 2012


    Publish In: Profezie passate e future

Il nuovo modello di Venere, news dalla sonda Rosetta e la scoperta del pianeta simile ala Terra

Si è svolto pochi giorni fa a Roma, e per la prima volta in Italia, il Congresso Europeo di Planetologia. Uno tra gli interventi più interessanti ha riguardato un nostro vicino, Venere, secondo pianeta del sistema solare sulla cui superficie le temperature raggiungono i 500 gradi. Colpa delle nubi che avvolgono l’intero pianeta trattenendo il calore.


Dalla Germania, un gruppo di ricercatori ha presentato i risultati ottenuti da un loro nuovo modello di Venere: è in pratica un’ elaborata simulazione al computer che calcola le complicate interazioni tra la calda atmosfera e l’interno del pianeta. A sorpresa è risultato che ad atmosfera più calda corrisponde un sottosuolo più freddo. Questo perché il calore atmosferico rende più mobile la crosta della superficie, favorendo così il raffreddamento delle parti sottostanti.

Studi di questo tipo interessano da vicino anche chi si occupa del nostro pianeta. E’ proprio studiando il riscaldamento atmosferico di Venere che abbiamo capito come funziona il riscaldamento globale qui da noi. E quando sapremo perché Venere è diventato un inferno deserto con un' atmosfera acida, sapremo di conseguenza perché la Terra si è invece evoluta all’opposto, divenendo un paradiso pieno di acqua liquida e di vita.


ROSETTA, MIRA A SUD!
Continuando a parlare dei risultati esposti nel corso del convegno di planetologia di Roma, uno studio interessante riguarda la missione Rosetta che, nel 2014, raggiungerà la cometa Churyumov-Gerasimenko. Il compito della sonda , in viaggio dal 2004, sarà avvicinarsi alla cometa e sganciare su di essa il piccolo modulo Philae. Questo, una volta toccata la superficie, proverà a perforarla per prelevare e analizzare alcuni campioni. Ma dove fare scendere Philae? Secondo i risultati esposti a Roma, la scelta migliore è la parte sud della cometa: un’area di atterraggio non solo più sicura, ma anche più interessante dal punto di vista scientifico. La sicurezza è dovuta al fatto che all’epoca in cui Philae verrà sganciato, la parte nord sarà illuminata: questo significa che la vaporizzazione dei gas ghiacciati avverrà proprio da questa parte, causando turbolenze che potrebbero infastidire la discesa del modulo. Dal punto di vista scientifico, stando alle simulazioni, il sud è più appetibile perché sarebbe la parte maggiormente erosa nel corso dei massimi avvicinamenti della cometa al Sole. E questo significa che Philae potrebbe ottenere i campioni che cerca scavando di meno.


UN PIANETA AL POSTO GIUSTO
Con tutti i pianeti extrasolari scoperti fino ad oggi, prima o poi si doveva scovare anche il pianeta giusto nel posto giusto. Gliese 581 g, infatti, è un pianeta roccioso, la cui massa è fra le tre e le quattro volte quella della Terra. Già di per sé questo fatto lo rende interessante, ma ci sono altri aspetti a farne “la” scoperta che tutti aspettavano. A renderlo speciale è la sua posizione rispetto alla propria stella: né troppo vicino, né troppo lontano. Gliese 581 g, si trova alla giusta distanza perché l’acqua, qualora presente sulla sua superficie, possa stare allo stato liquido senza ghiacciare né evaporare. Altro punto notevole è il fatto che si trova ad appena 20 anni luce da noi: dal punto di vista statistico è un’ottima notizia perché fa ben sperare sulla abbondanza di questo tipo di corpi celesti. Essendo roccioso e nella giusta posizione, questo nuovo protagonista del mondo planetario, si candida a pianeta potenzialmente ospitale per la vita. Prima di poter essere considerato abitabile dovrà dimostrare di avere molte altre carte in regola. Ad esempio deve possedere un’atmosfera, né troppo rarefatta né troppo spessa, un aspetto su cui i ricercatori stanno già indagando.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit