Text Size
Mercoledì, Settembre 26, 2018
News Astronomia La costante alfa, Hubble e i 14 corpi rocciosi e la cometa Halley nel passato

Elisabetta Bathory, la donna soprannominata contessa Dracula famosa per i suoi bagni nel sangue umano

Erzsébet Báthory, conosciuta anche come Elisabetta Bathory, soprannominata la Contessa Dracula o Contessa Sanguinaria (magiaro Báthory Erzsébet, /ˈbaːtori ˈɛrʒeːbɛt/; Nyírbátor, 7 agosto 1560 – Čachti...

Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare

I buchi neri super-massicci, dalla massa di milioni o miliardi di volte quella del nostro Sole, sono corpi bizzarri ma tutt’altro che rari, visto che molte galassie – se non tutte – ne ospitano un...

Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide

La materia oscura diventa ancora più oscura. Se prima si discuteva quale potesse essere la sua vera natura, non ultima l’ipotesi che si tratti di un mare di microscopiche particelle, ora se ne mette i...

Nuove scoperte sull'asteroide Scheila, la stella con due braccia e il festival della scienza

In questo numero: risolto il caso dell'asteroide che sembra una cometa. E ancora: la stella con le braccia e l'astrofisica al Festival della Scienza  

Banca dei Semi alle Isole Svalbard

Il governo norvegese sta progettando la costruzione di una banca genetica dei semi, in cui sarà conservato il più grande numero possibile di specie di semi. Il governo norvegese costruirà questa banca...

Dal Giappone il cane robot che guiderà i ciechi

E' in grado di guidare il padrone indicando, con voce femminile, il percorso e gli ostacoli. Il debutto dell'animale meccanico risale al 2005 ma la sua prima versione non riusciva a superare nemme...

  • Elisabetta Bathory, la donna soprannominata contessa Dracula famosa per i suoi bagni nel sangue umano


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare


    Publish In: News Astronomia
  • Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide


    Publish In: News Astronomia
  • Nuove scoperte sull'asteroide Scheila, la stella con due braccia e il festival della scienza


    Publish In: News Astronomia
  • Banca dei Semi alle Isole Svalbard


    Publish In: Preparativi 2012
  • Dal Giappone il cane robot che guiderà i ciechi


    Publish In: Scienza e Futuro

La costante alfa, Hubble e i 14 corpi rocciosi e la cometa Halley nel passato

Le leggi della fisica sono le stesse in tutto l’Universo. Fu Einstein a stabilirlo ma non tutti sono d’accordo. Come nel caso di un gruppo di ricerca che ha studiato diverse regioni lontane dell’Universo. L’obiettivo era calcolare per ogni zona il valore di una costante: la cosiddetta costante di struttura fine, nota anche come costante alfa. Il suo valore stabilisce l’intensità con cui interagiscono radiazione e materia, e quindi determina le leggi fisiche.


Risultato: il valore della costante non è sempre uguale come ci aspetteremmo, ma in certe zone risulta un milionesimo di volte più grande. Di conseguenza in quelle zone sarebbero leggermente diverse anche le leggi fisiche. La conclusione ha importanti ripercussioni perché con leggi fisiche diverse noi non ci saremmo. Ad esempio perché le stelle non avrebbero potuto produrre carbonio, e il carbonio è un elemento alla base della vita come noi la conosciamo.

Siamo quindi in una zona privilegiata dell’Universo, dove il valore della costante alfa è quello giusto? E’ ancora presto per dirlo. Altri ricercatori ritengono che vi siano dei punti deboli nell’analisi dei dati. Lo stesso gruppo di ricerca è cauto e ammette che le analisi vanno riviste. Ma nello stesso tempo invita i colleghi ad essere meno bacchettoni: verificare che le costanti fondamentali siano veramente costanti è un lavoro che qualcuno deve pur fare.


HUBBLE NE SCOPRE 14
Sono 14 e fanno parte della famiglia ma facciamo la loro conoscenza solo ora grazie ai dati del telescopio spaziale Hubble. La famiglia è quella del Sistema solare e questi 14 corpi rocciosi appena individuati non sono certo nuovi arrivati, anzi si potrebbe dire sono della vecchia guardia, quelli che “c’erano” già all’epoca in cui i pianeti si stavano formando. Hanno dimensioni che variano dai 40 ai 100 km, si trovano oltre l’orbita di Nettuno, dalle parti di Plutone che, pure essendo un pianeta nano, può definirsi un loro fratello maggiore. La scoperta è stata fatta analizzando le immagini del telescopio spaziale: questi oggetti percorrono orbite molto lente intorno al Sole, ma nelle foto a lunga esposizione appaiono come strisce luminose e diventa possibile identificarli. Questo è solo l’inizio: i ricercatori si aspettano di trovarne altre centinaia analizzando i dati di archivio dell’Hubble. Nuove scoperte che sfruttano anche il lavoro già fatto ci porteranno a conoscere in modo più approfondito una ricca e interessante regione del Sistema solare, dalla quale provengono anche comete come la famosa Halley.


COMETA D’ALTRI TEMPI
E proprio la cometa di Halley potrebbe essere fra i testimoni di quanto è successo nella Grecia del quinto secolo avanti Cristo. Stando a quanto riportano Aristotele e autori successivi, in quel periodo un meteorite precipitò nel nord della regione destando non poco stupore fra gli abitanti e diventando successivamente una sorta di attrazione turistica. Cosa c’entra la caduta del meteorite con il passaggio della cometa? Nel raccontare l’impatto, gli storici hanno registrato anche un altro evento celeste: la presenza, in quello stesso periodo, di una cometa in cielo. Un astronomo e un filosofo statunitensi hanno unito le proprie forze per confrontare dati astronomici e rapporti storici: le date, il periodo di visibilità, e la periodicità della cometa di Halley, che è visibile dalla Terra ogni 75 anni, porterebbero a sospettare che si sia trattato proprio di lei. Sarebbe il più antico avvistamento documentato, precedente anche a quello riportato dai cinesi che registrarono il passaggio della cometa nel 240 a.C. All’epoca dei fatti, i greci pensavano che tutto ciò che sta in cielo, a partire da Sole e Luna, fosse più leggero dell’aria: la caduta del meteorite rappresentò probabilmente un punto di svolta per la storia dell’astronomia. E’ quindi probabile che quando gli antichi cominciarono a guardare il cielo con occhi diversi, in quel cielo ci fosse anche la cometa di Halley.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit