Text Size
Martedì, Giugno 19, 2018
News Astronomia Diamanti e Mammut, trovata acqua nello spazio e l'esperienza Nasa per i minatori

L'ammasso stellare dove è nato il Sole, il rientro della sonda Phobos Grunt ed il doppio nucleo della galassia Andromeda

Il Sole potrebbe essersi formato in un ammasso di stelle per poi venirne espulso? L’ipotesi è credibile perché buona parte delle stelle si formano negli ammassi. Il candidato ideale risulta M67, che...

Primi passi per costruire strutture nanoscopiche

Tra le applicazioni possibili, vi sono la realizzazione di membrane nanoporose o di strutture a qubit per computer quantistici L'antico sogno di realizzare strutture tridimensionali con u...

Il “cappello di Schroedinger”. Il metodo che apre la strada verso il microscopio quantistico

È stato battezzato “cappello di Schroedinger” il dispositivo progettato da alcuni matematici dell'Università di Washington (UW) che teoricamente è in grado di amplificare la luce, le onde sonore e a...

Spirit,Opportunity e il sogno di Marte

Spirit (o meglio MER-A, Mars Exploration Rover-A, per distinguerlo dalla sonda gemella MER-B "Opportunity") è il primo dei due rover della NASA giunti su Marte nel mese di gennaio 2004. Le specifiche ...

Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

Nell’Universo ci sono anche stelle che esplodono a modo loro. Sono una classe particolare di supernovae, quelle che gli astronomi classificano come di tipo Ia. Come le altre supernovae, quando espl...

Le sorprese astronomiche rivelate dalla sonda Genesis,l'oceano di lava della luna IO e la scelta del progetto spaziale al Discovery Program

Sole e pianeti rocciosi come il nostro sono più diversi di quanto credevamo. Ce lo dicono le analisi di alcune particelle emesse dal Sole raccolte dalla sonda Genesis. Analisi che hanno rivelato un...

  • L'ammasso stellare dove è nato il Sole, il rientro della sonda Phobos Grunt ed il doppio nucleo della galassia Andromeda


    Publish In: News Astronomia
  • Primi passi per costruire strutture nanoscopiche


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il “cappello di Schroedinger”. Il metodo che apre la strada verso il microscopio quantistico


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Spirit,Opportunity e il sogno di Marte


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa


    Publish In: News Astronomia
  • Le sorprese astronomiche rivelate dalla sonda Genesis,l'oceano di lava della luna IO e la scelta del progetto spaziale al Discovery Program


    Publish In: News Astronomia

Diamanti e Mammut, trovata acqua nello spazio e l'esperienza Nasa per i minatori

Perché 13mila anni fa i mammuth si sono estinti? Per alcuni ricercatori fu colpa di un asteroide o di una cometa che avrebbe colpito il Nord America. I conseguenti stravolgimenti climatici avrebbero causato l’estinzione di molti grandi animali, come i mammuth, oltre a lasciare un ricordo traumatico agli uomini dell’epoca. Sino ad oggi però non sono state trovate prove di quell’impatto, e ora giunge la notizia di un nuovo fallimento.


Questa volta, analizzando sedimenti risalenti a quel periodo, si cercava la presenza di nanodiamanti, ovvero diamanti microscopici che possono essersi formati solo sotto la pressione estrema dovuta all’impatto con un bolide celeste. Ma non ne è stato trovato nemmeno uno. Erano invece presenti strutture cristalline simili ai nanodiamanti, e questo potrebbe aver tratto in inganno chi anni fa pensò di averli scoperti e di avere quindi individuato la prova tanto cercata.

I sostenitori dell’impatto non demordono: per loro le analisi sui sedimenti non sono state effettuate nel modo giusto. Ma nel frattempo devono fare i conti con il numero crescente di ricercatori che dopo tanti fallimenti sta passando dalla parte degli scettici. Su una cosa sono però tutti d’accordo: 13mila anni fa il clima è cambiato velocemente e i mammuth ne hanno pagato le conseguenze a caro prezzo.


LA STELLA E LA SUA NUVOLA
L’osservatorio spaziale Herschel ha letteralmente scoperto l’acqua calda…dove non ci si sarebbe mai aspettati di trovarla. Non su un pianeta o un asteroide, ma intorno a una stella, sotto forma di una enorme nube di vapore acqueo. Da dove arriva? In un primo momento si è pensato che da quelle parti ci fossero stati piccoli pianeti o comete, corpi ricchi di ghiaccio che a un certo punto sarebbe diventato vapore, formando questa grande nuvola. Un’ipotesi che le misure effettuate da Herschel hanno fatto scartare: quel vapore è troppo caldo per provenire dalla distruzione di corpi ghiacciati. La spiegazione è che le molecole di acqua si siano formate proprio lì, grazie a un ingrediente speciale: la radiazione ultravioletta proveniente dalle stelle circostanti. Questa radiazione energetica va a colpire altre molecole presenti intorno alla stella, rompendole e rilasciano atomi di ossigeno che andrebbero poi ad attaccarsi alla molecole di idrogeno. Dato che idrogeno+ossigeno= acqua, ecco spiegata la nuvola intorno alla stella. Questa scoperta svela che la radiazione ultravioletta è l’ingrediente segreto per la ricetta dell’acqua spaziale.


MINATORI COME GLI ASTRONAUTI
L’esperienza maturata nel corso delle missioni spaziali corre a dare un aiuto psicologico ai 33 minatori intrappolati a 700 m di profondità in Cile. Vivere isolati per mesi in uno spazio chiuso: è quanto devono sopportare gli sfortunati minatori, ma sono anche le tipiche condizioni in cui vivono gli astronauti della stazione spaziale. Ecco allora che la NASA scende in campo, mettendo a disposizione quanto imparato nel corso degli anni. Ci sono alcuni aspetti da tener presenti: dall’importanza di gestire con efficienza le comunicazioni con l’esterno al fatto di non nascondere la verità su eventuali rallentamenti delle operazioni di salvataggio. Un punto fondamentale è la necessità, per il corpo e la mente, di mantenere i ritmi scanditi normalmente dal giorno e la notte, anche in un ambiente chiuso. Se viene a mancare questa alternanza, ha appurato la NASA, le conseguenze sono depressione, irritabilità e perdita di concentrazione. Secondo i dati in possesso dell’agenzia spaziale, il periodo più duro per il morale dei suoi equipaggi inizia con la seconda metà della permanenza in missione, ma ciò può non accadere: tutto dipende in questo caso da abilità e competenza dei soccorritori.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit