Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
News Astronomia Il pericoloso risveglio del Sole e il silenzio della sonda Spirit

I ricercatori e la loro previsione di come sarà il futuro tra 30 anni

DOC E MARTY protagonisti di "Ritorno al futuro II" decisero di approdare proprio al 21 ottobre 2015. Come sarà l'Italia tra altri 30 anni? Secondo Roberto Paura, presidente dell'Italian Istitute for...

Paradigma Olografico

Le teorie di Aspect, Bohm, Pribram sulla nuova fisica scuotono i principi della scienza tradizionale:  dalle particelle subatomiche alle galassie giganti, tutto è parte infinitesimale e totalità di "T...

L'enigma di Marcahuasi, il luogo delle sculture di pietra di 85 secoli fa

Marcahuasi è un luogo mitico: per alcuni è il centro magnetico e gravitazionale del pianeta e fu abitato, 85 secoli fa, da una prodigiosa civiltà; per altri è solo uno spettacolare altipiano a ben 400...

Il misterioso cubo d'acciao artificiale di 60 milioni di anni fa

Le profondità della terra rimangono ancora oggi pressoché inaccessibili e certo è che in quei meandri si celino innumerevoli testimonianze della vita agli albori del nostro pianeta. Accade spesso ...

Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta

E’ talmente massiccio che per ‘riempirlo’ ci vorrebbero quattrocentomila miliardi di stelle come il Sole. Il gigantesco ammasso di galassie, denominato XDCP J0044.0-2033 (o più brevemente XDCP J00...

Il fantasma della ragazza che chiede un passaggio in Portogallo

La vicenda raccontata in questo video si svolge nella città di Sintra, in Portogallo. Tiago, Tania e David sono in auto. Stanno andando proprio verso questa città, in montagna. Ma si perdono in...

  • I ricercatori e la loro previsione di come sarà il futuro tra 30 anni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Paradigma Olografico


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'enigma di Marcahuasi, il luogo delle sculture di pietra di 85 secoli fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il misterioso cubo d'acciao artificiale di 60 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta


    Publish In: News Astronomia
  • Il fantasma della ragazza che chiede un passaggio in Portogallo


    Publish In: Uomini e Misteri

Il pericoloso risveglio del Sole e il silenzio della sonda Spirit

Il primo agosto i satelliti che si dedicano allo studio del Sole hanno registrato un brillamento, una improvvisa eruzione molto luminosa. Non si tratta di un fenomeno insolito per la nostra stella, eppure questa volta l’interesse suscitato è stato notevole. Mauro Messerotti dell’Inaf- Osservatorio astronomico di Trieste ci spiega il perché:

“Non è stato effettivamente un fenomeno di tipo nuovo ma ha segnato una ripresa abbastanza intensa dell’attività solare. Abbiamo sperimentato un minimo di attività molto prolungato, c’è stata una ripresa nei primi mesi del 2010, poi nuovamente un periodo di quiescenza e questo brillamento ha segnato una ripresa abbastanza importante. Sebbene non intenso in sé, ha provocato una espulsione di massa dalla corona solare che poi si è propagata in tutte le direzioni e ha raggiunto e interessato la Terra.”

Questi fenomeni quindi ci interessano da vicino, che tipo di effetti hanno sul nostro pianeta?

“C’è una serie molto nutrita di effetti poiché l’espulsione di massa dalla corona solare, quando interagisce con il campo magnetico della Terra, lo perturba. Avvengono quindi delle tempeste geomagnetiche e delle variazioni impulsive dell’intensità del campo magnetico terrestre (cosa che fa impazzire le bussole per capirci) e naturalmente anche le aurore polari che sono quelle luminescenze nel cielo notturno determinate dalla precipitazione di particelle che provengono dal Sole. Sono interessati anche i sistemi tecnologici: le particelle che provengono dal Sole possono distruggere l’elettronica dei satelliti, possono variare le caratteristiche nell’atmosfera terrestre e quindi la propagazione delle radioonde, possono determinare degli effetti a livello del suolo e indurre delle correnti elettriche molto intense negli elettrodotti provocando dei blackout elettrici come è già successo in passato anche in maniera abbastanza significativa.”

Quindi è importante tenere d’occhio questo genere di comportamenti, ma noi oggi abbiamo gli strumenti per riuscire in qualche modo a prevederli?

“Abbiamo una rete di osservatori spaziali e abbiamo anche una serie di strumenti di osservazione da terra, però la previsione è particolarmente difficile perché per molti di questi fenomeni ci sfugge ancora la fisica e quindi dobbiamo fare delle previsioni che sono di tipo statistico e questo le rende affidabili fino a un certo punto.”


TERRA CHIAMA SPIRIT
Mentre noi ci godiamo l’estate, qualcuno, su Marte, si trova nel bel mezzo di un rigido inverno. Si tratta del rover Spirit, il robot con le ruote della NASA che dallo scorso 22 marzo ha smesso di inviare segnali. Il 26 luglio i tecnici hanno dato inizio alle procedure per cercare di ristabilire le comunicazioni. A differenza degli inverni precedenti, questa volta le batterie rischiano di non garantire l’energia minima necessaria a mantenerlo, per così dire, in letargo.

Intrappolato nella sabbia dallo scorso anno, Spirit non è riuscito a raggiungere una posizione sufficientemente soleggiata alla quale esporre i propri pannelli solari e ora la sua temperatura interna tocca i -55°, quando si era sempre riusciti a mantenerla al di sopra dei -40°. Riuscirà il vecchio Spirit a raccogliere le forze per emettere un “bip” di risposta? Non ci resta che aspettare, almeno fino a marzo 2011: dopo di allora, se l’estate del pianeta rosso non riuscirà a risvegliare il rover, è poco probabile che avremo ancora sue notizie.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit