Text Size
Domenica, Luglio 22, 2018
News Astronomia Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift

Il volto marziano di Cydonia

Il Volto su Marte (talvolta anche detto Faccia su Marte o Volto di Cydonia) è un'ampia area della superficie del pianeta Marte, situata nella regione di Cydonia. Misura approssimativamen...

Il misterioso cubo d'acciao artificiale di 60 milioni di anni fa

Le profondità della terra rimangono ancora oggi pressoché inaccessibili e certo è che in quei meandri si celino innumerevoli testimonianze della vita agli albori del nostro pianeta. Accade spesso ...

Billy Meier, il contattista dei Pleiadiani

Eduard Albert Meier, più semplicemente chiamato Billy Meier, ha avuto ripetuti contatti, sia fisici che telepatici con esseri umani provenienti dal ...

L'Ufo ripreso dalla Stazione Spaziale Internazionale il 30 Agosto

Nelle ultime settimane molti oggetti sconosciuti sono stati visti nei pressi della Stazione Spaziale Internazionale. Anche in questo caso due UFO sono stati avvistati su live feed della NASA, ( o...

Il mistero dei cerchi di pietra considerati le linee di Nazca d'oriente

Se ne contano a migliaia e si estendono su una regione che va dalla Siria fino all'Arabia Saudita. Possono essere notati solo dal cielo e sono praticamente sconosciuti al grande pubblico. Cosa s...

Storie di reincarnazione: Cameron Macaulay, il bambino che visse due volte

Mamma, sono nato due volte A 6 anni ha ricordi precisi. Un'altra madre, un'altra casa, un cane. Che però non aveva mai «visto». Poi un viaggio su un'isola. E la «scoperta»: quel piccolo ...

  • Il volto marziano di Cydonia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il misterioso cubo d'acciao artificiale di 60 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Billy Meier, il contattista dei Pleiadiani


    Publish In: Le Prove
  • L'Ufo ripreso dalla Stazione Spaziale Internazionale il 30 Agosto


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero dei cerchi di pietra considerati le linee di Nazca d'oriente


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Storie di reincarnazione: Cameron Macaulay, il bambino che visse due volte


    Publish In: Uomini e Misteri

Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift

Qualcuno lo ha definito il pianeta cometa, perché proprio come le comete possiede una coda. Il pianeta, di tipo gigante gassoso, orbita attorno a unastella distante da noi 150 anni luce ed era tenuto sotto osservazione dal 2003, attraverso il telescopio spaziale Hubble. Da allora sono stati ottenuti molti dati ed oggi ecco giungere la conferma di quello che era solo un sospetto: il pianeta possiede una coda di gas proprio come una cometa.


La spiegazione di questa curiosa caratteristica nasce dalle particolari condizioni nelle quali si trova il pianeta. Orbita molto vicino alla sua stella, il che lo rende alquanto bollente: i suoi strati più esterni fanno registrare una temperatura di oltre 1000 gradi. Questo intenso calore fa evaporare parte del gas che viene spinto via dal cosiddetto vento stellare, un flusso di particelle che la stella emette in continuazione.

Ecco così formarsi la coda, proprio come avviene nelle comete. Secondo i dati, il gas della coda viene sospinto alla velocità di 35mila chilometri orari.E a chi si chiede se di questo passo il pianeta cometa sarà completamente spazzato via, gli astronomi rispondono che accadrà, ma con molta lentezza: calcoli alla mano dovranno passare miliardi di anni.


IN DUE PER MARTE
Stai Uniti ed Europa stanno pensando a una missione congiunta su Marte: due rover da mandare insieme sul pianeta rosso nel 2018. Qu iraccoglieranno campioni della superficie che saranno poi riportati a terra per il 2020. Tra i rover candidati a essere selezionati c’è anche quello in preparazione per la missione europea ExoMars: sarà dotato di un trapano capace di perforare il suolo, in modo da raccogliere piccoli frammenti a varie profondità. Qualora fosse selezionato, ExoMars potrebbe passare i campioni così raccolti al rover americano: qui sarebbero immagazzinati in appositi contenitori. Per ora questa missione congiunta è solo in fase di ideazione: ci sono prima da superare molte difficoltà tecniche, prima fra tutte trovare un modo sicuro per far decollare il razzo con a bordo i campioni da riportare a casa. E’ questa infatti la fase più delicata: se dovesse fallire, l’obiettivo principale sarebbe compromesso.

ACCECATO DAL LAMPO
Momenti difficili per il satellite Swift: un improvviso lampo di radiazione X dallo spazio profondo, il più potente finora registrato, ha saturato i suoi strumenti rendendolo temporaneamente cieco. Il lampo è stato di breve durata Swift ha presto ripreso il suo normale funzionamento. Per noi nessun pericolo in quanto protetti dalla nostra atmosfera. Gli esperti cercano ora di capire l’origine di un’esplosione X così intensa: alcuni indizi fanno pensare che la radiazione sia stata emessa da getti di materia scagliata via a velocità vicine a quelle della luce. A lanciare questi getti forse è stata una stella che sta collassando su sé stessa per poi formare un buco nero.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit