Text Size
Venerdì, Ottobre 18, 2019
News Astronomia Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

La vita dopo la morte. La straordinaria esperienza di Brian Miller

Brian Miller, 41 anni, è un camionista dell’Ohio. Mentre era intento ad aprire un contenitore, si è reso conto che c’era qualcosa che non andava. L’uomo ha immediatamente chiamato la polizia. ...

Progetti futuri per la ISS,il concorso lunare di Google e il mistero delle onde radio di Saturno

La Stazione spaziale orbitante sta diventando vecchia e la NASA rimugina sulla possibilità di mandarne un pezzo su un asteroide. Sembra un’idea bizzarra ma è in linea con i piani del presidente Oba...

Fuente Magna. Prove della presenza dei sumeri nell'America del sud

Uno dei reperti archeologici più controversi dell’intera America è la Fuente Magna, detta anche Vaso Fuente, un grande vaso di pietra, simile ad un recipiente per effettuare libagioni, battesimi ...

Giove

Giove orbita attorno al Sole ad una distanza media di 5,20 unità astronomiche e compie una rivoluzione in 11,8565 anni siderali. L'orbita del pianeta è inclinata di 1,305° rispetto all'eclittica e d...

E' stato realizzato dal MIT il mantello dell'invisibilità anche per gli elettroni

Un mantello dell’invisibilità per gli elettroni è stato proposto da un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che illustrano i risultati a cui sono giunti in un ar...

Il destino di 2 pianeti extrasolari, news sul telescopio James Webb e la sonda Dawn sull'asteroide Vesta

I sopravvissuti Due pianeti extrasolari sembrano essere sfuggiti all’inevitabile. Scoperti dal satellite NASA Kepler, orbitano attorno a una stella simile al Sole, giunta al termine della sua evol...

  • La vita dopo la morte. La straordinaria esperienza di Brian Miller


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Progetti futuri per la ISS,il concorso lunare di Google e il mistero delle onde radio di Saturno


    Publish In: News Astronomia
  • Fuente Magna. Prove della presenza dei sumeri nell'America del sud


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Giove


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • E' stato realizzato dal MIT il mantello dell'invisibilità anche per gli elettroni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il destino di 2 pianeti extrasolari, news sul telescopio James Webb e la sonda Dawn sull'asteroide Vesta


    Publish In: News Astronomia

Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

Nell’Universo ci sono anche stelle che esplodono a modo loro. Sono una classe particolare di supernovae, quelle che gli astronomi classificano come di tipo Ia. Come le altre supernovae, quando esplodono emettono in pochi secondi miliardi di volte la luminosità del Sole. Ma mentre le altre scoppiano in modo simmetrico, come una gigantesca bolla che si espande allo stesso modo in tutte le direzioni e con la stessa velocità, le supernovae di tipo Ia si comportano diversamente.


Un team di ricercatori ha infatti scoperto che in queste stelle il punto di innesco dell’esplosione non si trova proprio al centro ma in una posizione spostata. Ne risulta così un’esplosione asimmetrica. Perché? Lo abbiamo chiesto a Stefano Benetti dell’INAF, uno degli italiani coinvolti nella ricerca:

“Ancora non lo sappiamo esattamente. Pensiamo che all’interno della stella si possano creare delle instabilità termodinamiche e dei forti rimescolamenti di materia che favorirebbero l’accensione di quella che possiamo definire una bomba termonucleare cosmica non propriamente nel centro di massa della stella.”

Perché è importante sapere come esplodono queste supernovae?

“Noi abbiamo dimostrato con la nostra ricerca che queste supernovae esplodono con lo stesso meccanismo e rilasciano la stessa quantità di luce. Possono allora essere utilizzate come fari cosmici, nel senso che quando scopriamo queste supernovae possiamo determinarne la distanza, quindi possiamo poi dedurre la forma dell’Universo e la sua evoluzione sia passata che futura.”

BUONA LA SECONDA
Preoccupazione a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Il cargo russo Progress, guidato dal suo pilota automatico, aveva fallito il primo aggancio a causa di una interferenza. A bordo del cargo c’erano cibo, carburante e nuovi vestiti, tutti rifornimenti che dovevano assolutamente giungere agli astronauti della Stazione. Agendo a distanza, i tecnici hanno comunque individuato la causa dell’interferenza, poi hanno riprogrammato un secondo attracco, riuscito senza problemi. L’incidente ha suscitato molto clamore tra la stampa, ma rientrava nei casi previsti: il cargo ha infatti eseguito automaticamente le manovre richieste dopo un aggancio fallito, rimanendo così sotto controllo in attesa del nuovo aggancio.

C’E’ POLVERE
Buone notizie dalla capsula rilasciata dalla sonda giapponese Hayabusa. Al suo interno sono state trovate particelle di polvere. La sonda aveva il compito di raccogliere campioni della superficie dell’asteroide Itokawa, ma la missione è stata colpita da una serie continua di problemi e contrattempi che ne hanno allungato di alcuni anni la durata. Alla fine la sonda è tornata casa, ma senza la certezza di essere riuscita nel suo intento. Ora sappiamo che nella sua capsula ci sono delle particelle: nelle prossime settimane si stabilirà se si tratta proprio di granelli dipolvere dell’asteroide o semplice polvere della nostra atmosfera.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit