Text Size
Martedì, Gennaio 22, 2019
News Astronomia Il nuovo Large Binocular Telescope e il ritorno della sonda Hayabusa

Ufo seguiva dall'alto l'estrazione dei 33 minatori in Cile

  Secondo alcune teorie sembra che gli Ufo seguano le varie vicende umane dall'alto come dimostra il video realizzato dai minatori stessi mentre venivano salvati dalla miniera. Il video che vedia...

Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta

E’ talmente massiccio che per ‘riempirlo’ ci vorrebbero quattrocentomila miliardi di stelle come il Sole. Il gigantesco ammasso di galassie, denominato XDCP J0044.0-2033 (o più brevemente XDCP J00...

Il sistema binario studiato al millisecondo,le nuove immagini del misterioso esagono di Saturno e la spettrografia dell'Universo primordiale

Un astrofisico e un appassionato di astronomia hanno unito le forze per rivelare dettagli intriganti di una particolare pulsar al millisecondo chiamata PSR J1723−2837. Questa pulsar fa parte di un ...

Le antiche lampade eterne che illuminavano perennemente i Templi

Restando in tema di oggetti strani qui si scoprì qualcosa di incredibilmente misterioso, un’enigma particolare: quello delle Lampade eterne. Fin dall’antichità, le cronache ci riportano dell’esist...

Ariel Sharon il rabbino profeta e la sua ultima profezia

E' da poco tempo che il mondo ha dato l’ultimo addio ad Ariel Sharon, che si è spento a 85 anni dopo gli otto mesi trascorsi in coma  in seguito ad un ictus. Un eroe, per gli Israeliani; un assassino,...

L'ossigeno di Rhea, prima misurazione dell'atmosfera di una Super Terra e il progetto segreto Nasa X-37B

Ancora novità dalla Cassini, da anni impegnata nello studio di Saturno e delle sue lune. I dati raccolti dalla sonda dal 2005 ad oggi hanno rivelato che Rea, il secondo per grandezza tra tutti i sa...

  • Ufo seguiva dall'alto l'estrazione dei 33 minatori in Cile


    Publish In: Le Prove
  • Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta


    Publish In: News Astronomia
  • Il sistema binario studiato al millisecondo,le nuove immagini del misterioso esagono di Saturno e la spettrografia dell'Universo primordiale


    Publish In: News Astronomia
  • Le antiche lampade eterne che illuminavano perennemente i Templi


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Ariel Sharon il rabbino profeta e la sua ultima profezia


    Publish In: Profezie passate e future
  • L'ossigeno di Rhea, prima misurazione dell'atmosfera di una Super Terra e il progetto segreto Nasa X-37B


    Publish In: News Astronomia

Il nuovo Large Binocular Telescope e il ritorno della sonda Hayabusa

Il telescopio LBT, in Arizona, ha superato perfino l’Hubble Space Telescope, che si trova in orbita e che è considerato l’imbattibile rivale dei telescopi terrestri. Tutto merito di un sistema di ottiche intelligenti che permettono di ridurre l’effetto che i disturbi atmosferici hanno sulla qualità delle immagini. Le turbolenze, infatti, provocano delle distorsioni ottiche con le quali bisogna per forza fare i conti, a meno di non spedire il telescopio in orbita, al di sopra dell’atmosfera.

Grazie alle ottiche dette “adattive”, quando l’informazione luminosa deformata dai disturbi atmosferici arriva al telescopio, lo specchio secondario è in grado di deformarsi a sua volta in modo da annullare, o quasi, l’effetto. Il sistema installato nelle scorse settimane sul Large Binocular Telescope, LBT, ha dimostrato di poter correggere questi effetti indesiderati con una accuratezza tale che dopo la prima notte di test si è addirittura pensato ad un colpo di fortuna.

nvece no, definizione e dettaglio delle immagini sono tutto merito del lavoro che per oltre 10 anni ha visto in prima linea anche i ricercatori italiani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. LBT è il telescopio più potente al mondo ed ora, grazie a questo miglioramento, le sue immagini arrivano ad essere fino a tre volte più dettagliate rispetto a quelle dell’Hubble. Un traguardo ottenuto puntando molto in alto, restando con i piedi per terra.

E’ finalmente terminata la travagliata missione della sonda giapponese Hayabusa. Spettacolare il suo rientro nei cieli australiani, illuminati dalla scia luminosa lasciata dalla sonda mentre si disintegrava in atmosfera, non prima di aver svolto il suo ultimo compito: rilasciare una capsula contenente campioni dell’asteroide Itokawa.

Hayabusa aveva raggiunto l’asteroide nel 2005: dopo le osservazioni ha tentato più volte di raccogliere campioni della superficie, ma subito sono sorti gravi imprevisti, al punto che non sappiamo quanta polvere di asteroide sia stata effettivamente raccolta. Per non parlare del travagliato ritorno, inizialmente previsto per il 2007 e poi rimandato per una sequenza di problemi: perdita di carburante, avaria del sistema di controllo, tre dei quattro motori a ioni fuori uso, guai con la batteria primaria.

Eppure Hayabusa ce l’ha fatta e ha riportato a casa la capsula con il prezioso carico. La sua apertura richiederà parecchi giorni. Sarà poi necessario separare la polvere dell’asteroide da quella terrestre, operazione che può durare diversi mesi. Nell’attesa la squadra giapponese si gode la soddisfazione di essere riuscita in un’impresa che sembrava impossibile, riportando qui a casa quello che sembrava essere ormai irrecuperabile.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit