Text Size
Domenica, Agosto 18, 2019
News Astronomia Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle

Il mistero della mappa del 1531 di Fineus dove è segnalata anche l'Antartide priva di ghiacci

                  Una famosa mappa, considerata da Graham Hancock e altri appassionati di "misteri" la prova che l'Antartide era già conosciuta secoli prima della sua effett...

Nefilim e Anunnaki - i Giganti del passato

L'appellativo Nefilim (in Ebraico הנּפלים), presente nell' Antico Testamento (Torah), in diversi libri non canonici del Giudaismo e in antichi scritti cristiani, si riferisce ad un popolo creato dall'...

La fine di Betelgeuse e il 2012, quando la Terra verrà illuminata per alcuni giorni da due Soli

Il cosmo da spettacolo. Betelgeuse, una delle stelle più brillanti del firmamento che si trova nella costellazione di Orione potrebbe presto esplodere, regalandoci l’effetto di un secondo sole pr...

La battaglia Ufo avvenuta nel 1561 a Norimberga

Rappresentazione grafica dell'evento realizzata da un testimone dell'epoca Ciò che accadde sopra i cieli della città di Norimberga è stata probabilmente una grande battaglia tra flo...

La Cassini e il campo magnetico di Titano, nuove scoperte del telescopio Kepler e l'acqua della Luna

Stavolta per la sonda Cassini la missione era davvero pericolosa. Per scoprire se Titano, il più grande satellite di Saturno, possiede un campo magnetico, si è tuffata nella sua atmosfera, con tutti i...

Real mistery: il teletrasporto è possibile? Secondo questo video, sì

Durante una ripresa di una telecamera a circuito chiuso, detta CCTV, viene registrato qualcosa di veramente stupefacente. Un uomo attraversa un incrocio con una bicicletta quando, contemporaneamente...

  • Il mistero della mappa del 1531 di Fineus dove è segnalata anche l'Antartide priva di ghiacci


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Nefilim e Anunnaki - i Giganti del passato


    Publish In: Le Prove
  • La fine di Betelgeuse e il 2012, quando la Terra verrà illuminata per alcuni giorni da due Soli


    Publish In: Profezie passate e future
  • La battaglia Ufo avvenuta nel 1561 a Norimberga


    Publish In: Le Prove
  • La Cassini e il campo magnetico di Titano, nuove scoperte del telescopio Kepler e l'acqua della Luna


    Publish In: News Astronomia
  • Real mistery: il teletrasporto è possibile? Secondo questo video, sì


    Publish In: Uomini e Misteri

Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle

Materia oscura ed energia oscura: insieme costituiscono il 95% dell’Universo.Solo il rimanente 5% è dato da protoni, neutroni ed elettroni, la cosiddetta materia ordinaria di cui sono fatti stelle e pianeti. Ordinaria ma in parte anche sfuggente visto che, osservazioni e calcoli alla mano, di quel 5% circa la metà non si sapeva dove potesse essere.

Il dilemma èstato finalmente risolto da un gruppo di ricercatori, tra i quali gli italiani dell’INAF-Istituto Nazionale di Astrofisica. I loro risultati hanno stabilito che la materia ordinaria mancante è data da un gas che si trova tra le galassie. Sino ad ora questo gas era sfuggito alle osservazioni perché molto rarefatto: appena 6 atomi per metro cubo, contro il milione di atomi per metro cubo del comune gas interstellare.

Fabrizio Nicastro, tra i ricercatori coinvolti, ci spiega perché la conferma della presenza di questo gas intergalattico è giunta solo in questi ultimi anni:

“Il nostro gruppo ci sta lavorando da circa dieci anni. Abbiamo iniziato da quando sono diventati disponibili i nuovi strumenti in banda X, cioè da quando Chandra e XMM-Newton sono stati lanciati. Difatti tutte queste scoperte recenti sono state realizzate grazie a spettrometri X ad alta risoluzione che prima dei lanci di questi due satelliti non erano ancora operativi.”

Messa a posto la materia ordinaria, adesso si tratta di scoprire dove si trova la materia non ordinaria: ovvero quella parte di materia oscura che costituisce il 22% dell’intero Universo.

CHI SI GUARDA ALLE SPALLE
Il satellite Proba-2, dell’Agenzia Spaziale Europea, si dedica allo studio del Sole ed è verso di esso che puntano i suoi principali strumenti. C’è però un’eccezione, piccola quanto una tazzina del caffè, che anziché guardare la nostra stella rivolge l’attenzione al nostro pianeta. Si tratta di X-Cam una fotocamera sperimentale, di dimensioni molto ridotte, che si trova in orbita a bordo di Proba-2 proprio per testare sé stessa e le nuove tecnologie di cui è frutto. X-Cam è l’ultima arrivata di una serie di fotocamere in miniatura progettate da una compagnia Svizzera: ha già ottenuto un’immagine di prova dell’emisfero sud della Terra che mostra buona parte dell’Argentina. La sfida delle fotocamere destinate all’esplorazione spaziale consiste nel non sapere a priori cosa si vedrà, né quali immagini mettere a fuoco o quali siano i tempi di esposizione ottimali, ma la tecnologia di X-Cam la rende intelligente e capace di decidere tutto questo da sé. I successori di X-Cam hanno già un posto prenotato a bordo delle prossime missioni ExoMars e BepiColombo.

L’ULTIMA VOLTA DI ATLANTIS
Lo shuttle Atlantis, che in questi giorni è in orbita attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale, una volta tornato a terra potrebbe non decollare mai più. Dopo ben 25 anni di carriera, per Atlantis è arrivato il momento dell’addio allo spazio: con tutta probabilità, quella in corso è la sua ultima missione. Gli altri due vecchi compagni rimasti, Discovery e Endeavour, si ritireranno a loro volta e con la fine di quest’anno si concluderà l’epoca degli shuttle. Cosa succederà dopo? Per raggiungere la stazione orbitante ci si affiderà alla navette Soyuz e continueremo comunque a fare su e giù dallo spazio. Senza shuttle non sarà la stessa cosa, ma dopo più di trent’anni di attività è arrivato il momento di concludere questo capitolo dell’esplorazione spaziale per iniziarne di nuovi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit