Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
News Astronomia Nuove ipotesi sulle comete, la striscia mancante di Giove e i satelliti lanciati dal Giappone

La supernova esplosa nel 1006 che illuminò la Terra, la quasi luna di Plutone e la cometa in avvicinamento scoperta da due russi

Ciò che rimane della supernova esplosa nel 1006 a causa della collisione di due nane bianche Per molti giorni, circa un millennio fa, è stato l’astro più luminoso del cielo. Solo ora però arriva...

La cometa senza testa, i colori pallidi degli asteroidi e tecnologia spaziale per case automobilistiche

Che ci fa una cometa senza testa in mezzo a tanti asteroidi? Se lo sono chiesto per qualche giorno astronomi e appassionati quando, proprio dentro la fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, hanno ...

Prove giapponesi sugli Ufo

Nel video seguente viene mostrato come non solo la Nasa è a conoscenza di prove inconfutabili dell'esistenza di visitatori alieni. Nel video seguente si vede una flotta, composta da circa una 50ina di...

La misteriosa storia delle antiche piramidi in Cina sugli antichi "dei" discesi dal cielo

Tra negazioni, ostacoli e reticenze, la verità sull’esistenza delle Grandi Piramidi cinese si è finalmente fatta strada fino a raggiungere il grande pubblico. Si sospettava dell’esistenza di t...

Gli incredibili spruzzi di Europa individuati da Hubble, il pericoloso guasto della ISS e la contaminazione terrestre delle lune di Saturno e Giove

A prima vista, quelle immagini così sgranate e indistinte di Europa, una delle lune di Giove, che compaiono oggi in un articolo pubblicato su Science Express, non sembrano particolarmente interess...

La più piccola memoria mai realizzata? E' di soli 12 atomi

Utilizza solo 12 atomi per bit e comprime un intero byte (8 bit) in soli 96 atomi: queste le strabilianti caratteristiche della più piccola unità magnetica di immagazzinamento dati mai realizzata, f...

  • La supernova esplosa nel 1006 che illuminò la Terra, la quasi luna di Plutone e la cometa in avvicinamento scoperta da due russi


    Publish In: News Astronomia
  • La cometa senza testa, i colori pallidi degli asteroidi e tecnologia spaziale per case automobilistiche


    Publish In: News Astronomia
  • Prove giapponesi sugli Ufo


    Publish In: Le Prove
  • La misteriosa storia delle antiche piramidi in Cina sugli antichi "dei" discesi dal cielo


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Gli incredibili spruzzi di Europa individuati da Hubble, il pericoloso guasto della ISS e la contaminazione terrestre delle lune di Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia
  • La più piccola memoria mai realizzata? E' di soli 12 atomi


    Publish In: Scienza e Futuro

Nuove ipotesi sulle comete, la striscia mancante di Giove e i satelliti lanciati dal Giappone

La cometa di Halley forse apparteneva a un’altra stella. E come lei tante altre che pensavamo essere nostre. Lo sostengono dei nuovi risultati, che spiegherebbero perché il nostro sistema solare possiede così tante comete, centinaia di volte più di quanto dovrebbe.

 

La gran parte delle comete oggi si trova in una regione ai confini del sistema solare, la cosiddetta nube di Oort. Secondo la teoria comune, questi piccoli corpi ghiacciati si sarebbero formati vicino al Sole, durante le prime fasi di evoluzione del nostro sistema, per essere successivamente scagliati verso le zone più lontane. C’è però un problema. I calcoli dicono che in base a questo scenario, le comete nella nube di Oort dovrebbero essere molte di meno di quelle che sappiamo esserci.

Per questo i ricercatori stanno considerando un’ipotesi alternativa: buona parte delle nostre comete sarebbero in realtà state rubate cinque miliardi di anni fa, strappate via alle stelle che in quel periodo erano vicine del Sole. Da allora le stelle si sono allontanate e il Sole si è trovato ad essere isolato, mantenendo però il suo bottino. Halley, Hale- Bopp, Hyakutake, tutte comete famose che pensavamo essere roba nostra, e che invece potrebbero essere il frutto di un furto in piena regola.

MI MANCA UNA STRISCIA
Il pianeta Giove si è perso una striscia. E’ un cambiamento di look abbastanza notevole per il gigante del sistema solare, che si distingue dagli altri pianeti proprio per il suo aspetto a strisce chiare e scure, osservabili anche da un telescopio amatoriale. La striscia scura che ora non si vede più dominava l’emisfero sud del pianeta. L’ultimo avvistamento risale alla fine del 2009 quando non fu più possibile osservare Giove da terra perché, nel percorrere la propria orbita, era venuto a trovarsi nella stessa direzione del Sole che con la sua luminosità ruba tutta la scena. Le osservazioni sono riprese ad aprile di quest’anno: è stato allora che ci si è accorti che mancava qualcosa. Fra le ipotesi c’è anche quella che la striscia scomparsa non sia scomparsa affatto. Queste bande sono in realtà strati di gas della turbolenta atmosfera di Giove: potrebbe essere successo che uno strato di gas più chiaro abbia ricoperto la regione scura sottostante. La striscia potrebbe quindi ricomparire, del resto era già sparita e riapparsa anche in passato. Il problema è capire quali siano i meccanismi che innescano questo strano comportamento del gas.

C’È POSTO SU QUESTO RAZZO?
Il 18 maggio, con un solo razzo, il Giappone manderà in orbita ben due satelliti. Uno si chiama AKATSUKI e la sua destinazione è il pianeta Venere: ne studierà l’atmosfera per capire come mai i venti raggiungano velocità di 400 km all’ora. Le nuvole più alte, su Venere, si spostano intorno a tutto il pianeta in meno di quattro giorni. AKATSUKI cercherà di monitorare questo effetto di super rotazione effettuando misure che in precedenza non sono mai state fatte. L’altro passeggero si chiama IKAROS e rappresenta l’ennesimo tentativo di testare un sistema propulsivo alternativo. Con IKAROS infatti, si cercherà di fare finalmente funzionare la vecchia e sfortunata idea della vela solare. Una volta in orbita IKAROS spiegherà delle vele di 20 metri per lato, dello spessore di appena 0.0075 millimetri, e proverà a farsi spingere dalla pressione della radiazione solare. In bocca al lupo ad entrambe le missioni.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit