Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
News Astronomia Nuove ipotesi sulle comete, la striscia mancante di Giove e i satelliti lanciati dal Giappone

Le sonde ARTEMIS e la mappatura della Luna in 3D, il terremoto su Giove e l'orbita completata da Nettuno attorno al Sole

Ancora tre giorni e un'altra sonda ARTEMIS raggiungerà la Luna. Andrà ad aggiungersi a una sua compagna già entrata in orbita lo scorso 27 giugno. Le due si ritroveranno a girare attorno al nostro ...

L'enorme Ufo fotografato in puerto Cortez in Honduras

Un enorme Ufo a forma discoidale è stato fotografato a Puerto Cortez in Honduras mentre cercava di mimetizzarsi tra le nuvole, probabilmente da lui stesso create. Secondo il "Liberty Times" testata ...

Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio

Tutte le missioni spaziali con uomini a bordo richiedono i requisiti minimi per la sopravvivenza degli astronauti, i quali si trovano a vivere in un ambiente ostile come lo spazio. Per questo moti...

Il ghiaccio della Luna,il passato di Marte e la sonda Spirit

Sulla Luna c’è ghiaccio d’acqua in quantità ragguardevoli. E’ la conclusione delle analisi dei dati ottenuti dalla sonda Lunar Crater Observation: poche settimane fa, preceduta da un componente del ...

Il misterioso segnale registrato a 36 Km dalla Terra

Daniel Bowman, studente dell’università del North Carolina, nel corso di un’esercitazione ha intercettato un misterioso suono a circa 36 chilometri dalla superficie terrestre. «Sembra qualcosa...

Il caso delle misteriose e-mail inviate da un morto

Quando Jack Froese, 32 anni, nel giugno 2011 è morto di aritmia cardiaca, ha lasciato nel lutto numerosi amici e i suoi familiari. Ma la BBC ha rivelato che diverse misteriose e-mail postume sono ...

  • Le sonde ARTEMIS e la mappatura della Luna in 3D, il terremoto su Giove e l'orbita completata da Nettuno attorno al Sole


    Publish In: News Astronomia
  • L'enorme Ufo fotografato in puerto Cortez in Honduras


    Publish In: Le Prove
  • Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Il ghiaccio della Luna,il passato di Marte e la sonda Spirit


    Publish In: News Astronomia
  • Il misterioso segnale registrato a 36 Km dalla Terra


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il caso delle misteriose e-mail inviate da un morto


    Publish In: Uomini e Misteri

Nuove ipotesi sulle comete, la striscia mancante di Giove e i satelliti lanciati dal Giappone

La cometa di Halley forse apparteneva a un’altra stella. E come lei tante altre che pensavamo essere nostre. Lo sostengono dei nuovi risultati, che spiegherebbero perché il nostro sistema solare possiede così tante comete, centinaia di volte più di quanto dovrebbe.

 

La gran parte delle comete oggi si trova in una regione ai confini del sistema solare, la cosiddetta nube di Oort. Secondo la teoria comune, questi piccoli corpi ghiacciati si sarebbero formati vicino al Sole, durante le prime fasi di evoluzione del nostro sistema, per essere successivamente scagliati verso le zone più lontane. C’è però un problema. I calcoli dicono che in base a questo scenario, le comete nella nube di Oort dovrebbero essere molte di meno di quelle che sappiamo esserci.

Per questo i ricercatori stanno considerando un’ipotesi alternativa: buona parte delle nostre comete sarebbero in realtà state rubate cinque miliardi di anni fa, strappate via alle stelle che in quel periodo erano vicine del Sole. Da allora le stelle si sono allontanate e il Sole si è trovato ad essere isolato, mantenendo però il suo bottino. Halley, Hale- Bopp, Hyakutake, tutte comete famose che pensavamo essere roba nostra, e che invece potrebbero essere il frutto di un furto in piena regola.

MI MANCA UNA STRISCIA
Il pianeta Giove si è perso una striscia. E’ un cambiamento di look abbastanza notevole per il gigante del sistema solare, che si distingue dagli altri pianeti proprio per il suo aspetto a strisce chiare e scure, osservabili anche da un telescopio amatoriale. La striscia scura che ora non si vede più dominava l’emisfero sud del pianeta. L’ultimo avvistamento risale alla fine del 2009 quando non fu più possibile osservare Giove da terra perché, nel percorrere la propria orbita, era venuto a trovarsi nella stessa direzione del Sole che con la sua luminosità ruba tutta la scena. Le osservazioni sono riprese ad aprile di quest’anno: è stato allora che ci si è accorti che mancava qualcosa. Fra le ipotesi c’è anche quella che la striscia scomparsa non sia scomparsa affatto. Queste bande sono in realtà strati di gas della turbolenta atmosfera di Giove: potrebbe essere successo che uno strato di gas più chiaro abbia ricoperto la regione scura sottostante. La striscia potrebbe quindi ricomparire, del resto era già sparita e riapparsa anche in passato. Il problema è capire quali siano i meccanismi che innescano questo strano comportamento del gas.

C’È POSTO SU QUESTO RAZZO?
Il 18 maggio, con un solo razzo, il Giappone manderà in orbita ben due satelliti. Uno si chiama AKATSUKI e la sua destinazione è il pianeta Venere: ne studierà l’atmosfera per capire come mai i venti raggiungano velocità di 400 km all’ora. Le nuvole più alte, su Venere, si spostano intorno a tutto il pianeta in meno di quattro giorni. AKATSUKI cercherà di monitorare questo effetto di super rotazione effettuando misure che in precedenza non sono mai state fatte. L’altro passeggero si chiama IKAROS e rappresenta l’ennesimo tentativo di testare un sistema propulsivo alternativo. Con IKAROS infatti, si cercherà di fare finalmente funzionare la vecchia e sfortunata idea della vela solare. Una volta in orbita IKAROS spiegherà delle vele di 20 metri per lato, dello spessore di appena 0.0075 millimetri, e proverà a farsi spingere dalla pressione della radiazione solare. In bocca al lupo ad entrambe le missioni.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit