Text Size
Mercoledì, Gennaio 29, 2020
News Astronomia I maxi buchi neri, altri misteri sulla materia oscura e il telescopio distrutto

Nuove scoperte sull'asteroide Scheila, la stella con due braccia e il festival della scienza

In questo numero: risolto il caso dell'asteroide che sembra una cometa. E ancora: la stella con le braccia e l'astrofisica al Festival della Scienza  

Cosa resterà di noi: la preoccupazione degli scienziati per l'obsolescenza programmata

QUALCHE GIORNO fa ho trovato in un cassetto un vecchio Cd-Rom di Encarta, l'enciclopedia multimediale di Microsoft. Ho provato a farlo girare sul pc ma non ci sono riuscito. "Vecchio" di vent'anni...

Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene

E' La più antica statua in bronzo al mondo sinora ritrovata. Una misteriosa testa californiana... Un artefatto di bronzo risalente a oltre 6000 anni fa è stato recentemente scoperto nel Golden ...

Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

Nell’Universo ci sono anche stelle che esplodono a modo loro. Sono una classe particolare di supernovae, quelle che gli astronomi classificano come di tipo Ia. Come le altre supernovae, quando espl...

Scoperta una gigantesca tomba di un antico faraone sconosciuto

Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi...

Nel 2015 pagheremo tramite smartphone

ROMA - Nel giro di quattro anni negli Stati Uniti le carte di credito staranno ai pagamenti come il vinile sta alla musica: ad affermarlo è la CNN, in un'inchiesta che parte dai dati di una soci...

  • Nuove scoperte sull'asteroide Scheila, la stella con due braccia e il festival della scienza


    Publish In: News Astronomia
  • Cosa resterà di noi: la preoccupazione degli scienziati per l'obsolescenza programmata


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa


    Publish In: News Astronomia
  • Scoperta una gigantesca tomba di un antico faraone sconosciuto


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Nel 2015 pagheremo tramite smartphone


    Publish In: Scienza e Futuro

I maxi buchi neri, altri misteri sulla materia oscura e il telescopio distrutto

Buchi neri con masse miliardi di volte quella del Sole. Sono giganteschi e si trovano al centro delle galassie. Ma come hanno fatto a diventare così grandi? Di certo hanno risucchiato tutto ciò che c’era nei loro dintorni, ma secondo calcoli e modelli, questo non può essere bastato a renderli giganteschi.

A dare una risposta, giungono ora nuove simulazioni, secondo le quali questi buchi neri avrebbero usufruito di un pasto extra. Le simulazioni si basano su di una premessa: vicino al buco nero, ma oltre il suo raggio di cattura, doveva esserci molto gas. Da questo gas, si sono formate nuove stelle.

Nel loro orbitare, queste stelle si sono scontrate con il gas restante, creando nuovi flussi che a loro volta si sono scontrati tra loro. A forza di scontri, parte del gas ha perso velocità di rotazione, avvicinandosi al buco nero sino a entrare nella sua zona di cattura. E così, il buco nero ha potuto inghiottire un pasto extra di gas, durato miliardi di anni. Sino a diventare quel gigante nero che alberga nel cuore di gran parte delle galassie.

MATERIA SEMPRE PIÙ OSCURA

Sembrava fatta, o quasi. Sembrava che l’esperimento DAMA, in corso presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, avesse finalmente colto sul fatto alcune particelle di materia oscura. Questa è ancora un grande enigma per gli astrofisici. Ce n’è davvero molta, costituisce più del 20% dell’Universo, eppure non si riesce a capire cosa sia perché telescopi e strumenti non riescono a osservarla. Il problema è che a quanto pare le particelle di materia oscura sono molto schive, possono passare attraverso un pianeta come se questo non ci fosse! E’ rarissimo che si scontrino con altre particelle, ma l’esperimento DAMA ha rilevato gli effetti di alcuni di questi scontri, suggerendo la presenza di alcune rappresentanti della materia oscura. Se DAMA era riuscito in questa impresa, ci si aspettava che un esperimento ancora più sensibile, Xenon 100, sempre presso il Gran Sasso, riuscisse a rilevare molte più particelle. Invece nulla. E allora cosa ha rilevato DAMA che Xenon 100 non vede? Questa mancata conferma moltiplica i dubbi sulla natura della materia oscura e sulle tecnologie necessarie per studiarla.

PERICOLO PALLONE

Doveva portare in alto un telescopio e invece ha fatto andare a fondo l’intero progetto. Si tratta di un grande pallone, 121 metri di diametro, gonfiato ad elio e sponsorizzato dalla NASA. Avrebbe dovuto trasportare a 40 km di altezza una cabina contenente un telescopio da 2 milioni di dollari. Ma le cose non sono andate così: anziché salire verso l’alto, il pallone ha cominciato a spostarsi di lato, trascinandosi dietro il telescopio che ha pure travolto una macchina parcheggiata nelle vicinanze. Un disastro completo, tutta colpa del vento che è cambiato quando non doveva. Una stima dei danni ancora non è stata fatta, ma alcune componenti del telescopio trascinato e strattonato, sono andate distrutte. E anche l’automobile deve aver visto giorni migliori.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit