Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
News Astronomia I vortici di luce,la nana bianca più vicina e le nuvole luminescenti

Il mistero ancora irrisolto del "Gigante di Atacama"

Il Deserto di Atacama è situato nel Cile settentrionale, nella regione di Antofagasta e la parte settentrionale della regione di Atacama. È un paesaggio aspro e brullo, noto come il deserto più ar...

La più grande immagine in HD della Galassia Andromeda, lo studio dell'immagine covergirl 67/p di Rosetta ed i composti organici trovati nella cometa Churyumov Gerasimenkoi

La NASA ha rilasciato una straordinaria immagine in HD della galassia di Andromeda, ottenuta combinando insieme quasi 7.400 scatti ottenuti dal telescopio spaziale Hubble. Il risultato è di una ri...

Scoperto il codice che consente di archiviare masse imponenti di dati sul DNA

Ventisei secondi del famosissimo discorso di Martin Luther King I have a dream e 154 sonetti di Shakespeare sono stati memorizzati – rispettivamente come file MP3 e come testo ASCII – in un filame...

Realtà virtuale, film a 4k, internet. Ecco come saranno i voli aerei del futuro

IN un futuro prossimo, forse, i velivoli non saranno molto diversi da quelli di oggi, ma le cabine aeree potrebbero avere un altro aspetto. Un'evoluzione all'insegna di comodità, lusso e intratte...

Il cilindro di O'Neill: il progetto per una colonia umana nello spazio

Di progetti per costruire una colonia nello spazio ce ne sono diversi ma uno dei più interessanti e attuabili in un vicino futuro è senza dubbio il progetto di O'Neill. O'Neill era uno scienziat...

L'antica acqua di Marte, l'inserimento nel campo gravitazionale di Cerere della sonda Dawn e un altro passo in avanti verso la scansione del buco nero supermassiccio della nostra galassia

Una serie di mappe della distribuzione atmosferica dell’acqua marziana, realizzate da un gruppo di ricercatori della NASA guidati da Geronimo Villanueva grazie ad alcuni tra i maggiori telescopi t...

  • Il mistero ancora irrisolto del "Gigante di Atacama"


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • La più grande immagine in HD della Galassia Andromeda, lo studio dell'immagine covergirl 67/p di Rosetta ed i composti organici trovati nella cometa Churyumov Gerasimenkoi


    Publish In: News Astronomia
  • Scoperto il codice che consente di archiviare masse imponenti di dati sul DNA


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Realtà virtuale, film a 4k, internet. Ecco come saranno i voli aerei del futuro


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il cilindro di O'Neill: il progetto per una colonia umana nello spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'antica acqua di Marte, l'inserimento nel campo gravitazionale di Cerere della sonda Dawn e un altro passo in avanti verso la scansione del buco nero supermassiccio della nostra galassia


    Publish In: News Astronomia

I vortici di luce,la nana bianca più vicina e le nuvole luminescenti

La scoperta è di quelle che possono rivoluzionare l’astrofisica e la tecnologia che usiamo ogni giorno. La luce, o meglio la radiazione elettromagnetica, possiede una ulteriore proprietà, la vorticità. Sino ad oggi, sia nello studio dell’Universo che ad esempio nel campo delle telecomunicazioni, abbiamo sfruttato altre sue proprietà quali la frequenza e la polarizzazione. Ora sappiamo che possiamo utilizzare anche la vorticità.

In pratica è come se avessimo un ulteriore canale sul quale ricevere e trasmettere informazioni. E se potremo farlo sarà grazie a chi ha lavorato su questo studio: Fabrizio Tamburini, astrofisico dell’Università di Padova, al quale abbiamo chiesto alcuni esempi di possibili applicazioni.

“Stiamo già indagando sulle rotazioni dei buchi neri che secondo i nostri calcoli generano vorticità nella luce. Un’idea che abbiamo lanciato in una pubblicazione adesso sotto fase di analisi, è che dalla vorticità della luce si possa determinare se il plasma all’interno di un reattore di fusione comincia a diventare turbolento o no, quindi con applicazioni interessanti nell’ambito della fusione nucleare. E poi ci sono tante altre applicazioni immediate: per dare un’idea si risparmierà molto sui cellulari, se questa tecnologia verrà applicata in futuro.”

Il futuro però è tutt’altro che certo:

“Spero di rimanere in Italia ma sarà difficile. Non è un problema legato all’Università ma ai bassissimi investimenti che ci sono nella ricerca qui in Italia. Purtroppo non siamo né calciatori né veline.”

LA NANA DELLA PORTA ACCANTO
Abbiamo scoperto di avere una vicina di casa. E’ piccola e decisamente poco appariscente, per questo non era facile accorgersi della sua presenza anche se si trova a meno di 10 anni luce da noi. E’ una cosiddetta nana bruna, un particolare tipo di stella o, per meglio dire, una quasi stella. Al suo interno, infatti, non si sono mai innescate le reazioni di fusione nucleare che alimentano le stelle. Le nane brune hanno comunque un cuore caldo per via del calore che si è sviluppato durante la loro formazione, di conseguenza non emettono luce ma radiazione infrarossa ed è usando i telescopi ad essa sensibili che è possibile individuarle. La scoperta è stata fatta passando al setaccio solo una piccola percentuale di cielo: questo implica che nelle nostre vicinanze potrebbero esserci molte altre presenze simili. Fra quelle individuate fino ad oggi, questa è la nana bruna più vicina a noi, un primato a cui se ne aggiungono altri due. Rispetto alle altre già note è la più fredda, con una temperatura compresa fra i 130 e i 230 °C , ed anche la più debole in quanto a radiazione emessa.

NUBI CHE BRILLANO
Il fenomeno delle nubi nottilucenti si verifica nell’alta atmosfera, a circa 80 km di altezza. Nuvole che si illuminano, che appaiono e scompaiono, con intensità luminosa ed estensione che variano di volta in volta lasciando i ricercatori con un sacco di dubbi. Ora, un gruppo di studiosi ha elaborato una possibile ipotesi sulla loro origine. Misurando le variazioni di luminosità, si è osservato che le nubi hanno comportamenti periodici, secondo cicli di 27 giorni. E’ lo stesso periodo impiegato dal Sole per effettuare una rotazione completa su sé stesso. Mentre il Sole gira, varia la percentuale di radiazione ultravioletta che da esso arriva sulla nostra atmosfera: potrebbe essere proprio questo tipo di radiazione particolarmente energetica la responsabile delle nubi che si “accendono”. Potremmo essere sulla giusta via per capire un fenomeno ancora alquanto enigmatico.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit