Text Size
Lunedì, Dicembre 11, 2017
News Astronomia Chip del futuro,il ritorno di Hayabusa e il satellite con la vela

Gli strani oggetti ripresi dalla Stazione Spaziale Internazionale

Durante le riprese dallo spazio della Stazione Spaziale Internazionale non è raro imbattersi in strane sequenze video che mostrano oggetti misteriosi che appaiono e scompaiono ad una velocità impres...

La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici

Una ricerca  mostra che è possibile far crescere i neuriti delle cellule nervose all'interno di sottili nanotubi in materiale semiconduttore a base di silicio e germanio Creare un embrio...

Il primo pensiero filmato in diretta

Per la prima volta è stato seguito e filmato il percorso di un pensiero nei circuiti cerebrali di un animale, osservando i singoli neuroni che via via si attivavano. C'è riuscito un gruppo di rice...

Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare

I buchi neri super-massicci, dalla massa di milioni o miliardi di volte quella del nostro Sole, sono corpi bizzarri ma tutt’altro che rari, visto che molte galassie – se non tutte – ne ospitano un...

Akakor. Mito e leggenda di un antico popolo sotterraneo del Rio delle Amazzoni

Grandi Maestri hanno portato agli uomini la luce della conoscenza fondando un nuovo popolo e costruendo tre grandi città di pietra: Akanis e Akakor Akahim. I nomi indicano l'ordine della...

Le onde gravitazionali, il colosso da 21 miliardi di soli e la ricerca della sonda Philae

La natura non poteva fornire un modo migliore per festeggiare il centenario della teoria della relatività generale. Dopo mesi di voci sempre più insistenti, oggi è stata data la notizia ufficiale: è...

  • Gli strani oggetti ripresi dalla Stazione Spaziale Internazionale


    Publish In: Le Prove
  • La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il primo pensiero filmato in diretta


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare


    Publish In: News Astronomia
  • Akakor. Mito e leggenda di un antico popolo sotterraneo del Rio delle Amazzoni


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Le onde gravitazionali, il colosso da 21 miliardi di soli e la ricerca della sonda Philae


    Publish In: News Astronomia

Chip del futuro,il ritorno di Hayabusa e il satellite con la vela

Microchip ancora più piccoli, veloci ed economici. Saranno prodotti entro il prossimo anno, aumentando le prestazioni di computer, automobili e telefonini senza incidere sul prezzo. Tutto questo grazie alla tecnologia spaziale italiana, sviluppata dall’industria Media Lario.

Negli anni 90, la Media Lario aveva ottenuto l’incarico di costruire degli specchi d’avanguardia da montare a bordo del telescopio spaziale XMM Newton. E’ grazie a questi specchi che il telescopio può studiare ai raggi X l’Universo con un dettaglio senza precedenti. Ora, dopo anni di lavoro, una versione rinnovata degli specchi può essere utilizzata per costruire nuovi microchip.

Gli specchi serviranno per focalizzare i fasci di radiazione ultravioletta utilizzata nella fase di incisione dei chip. Grazie alla loro elevata precisione, permetteranno incisioni ancora più minuziose: i microchip saranno così più piccoli, più potenti e più economici. Questo è solo uno dei tanti risultati ottenuti applicandola tecnologia spaziale alla produzione in serie di oggetti di uso quotidiano, come ci spiega Luigi Lessio, tecnico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica:

“Altri esempi oltre a questi microchip sono i led blu colorati delle automobili, che stanno praticamente rivoluzionando e sostituendo il sistema di illuminazione per il loro basso consumo e alto rendimento. Ma penso anche al diaproiettore realizzato con gli specchi deformabili, i cosiddetti micromirror. Queste sono tutte applicazioni nate in ambiente scientifico e in particolare in quello astronomico.”

SULLA VIA DEL RITORNO
La sonda giapponese Hayabusa ha accumulato tre anni di ritardo, ma ora sta finalmente tornando a casa. La sua travagliata avventura spaziale si concluderà a metà giugno. Il suo compito era raggiungere l’asteroide Hitokawa, appoggiarvisi sopra, raccogliere dei campioni di materiale, e tornare indietro per rilasciare sulla Terra la capsula con il prezioso contenuto. Facile come dire “Vado, raccolgo e torno” ma solo a parole, perché ad Hayabusa sono andate tutte storte. Perdita di carburante, batterie che non funzionano, comunicazioni interrotte per mesi e tre dei quattro motori fuori uso hanno decisamente compromesso la missione. Ora manca poco al ritorno, ma bisogna aspettare a cantare vittoria perché qualcosa è andato storto anche sull’asteroide: durante la procedura di raccolta si è verificato l’ennesimo malfunzionamento. Significa che i ricercatori, al momento di aprire la tanto sospirata capsula con i campioni di asteroide, potrebbero anche trovarla vuota!

SCATOLA A VELA
E’ più piccolo di una scatola di scarpe ma ha grandi potenzialità. Si chiama Cube Sail, è un satellite progettato in Inghilterra ed è l’ennesimo tentativo di sfruttare l’idea della vela spaziale. Una volta raggiunti i 700 km di altezza, questa scatola tecnologica, aprirà una specie di grande lenzuolo che misura 5 metri per lato. Una vela che servirà per farsi spingere, non dal vento, ma dalla radiazione del Sole che è in grado di esercitare una pressione. Si tratta quindi di un mezzo propulsivo alternativo ed ecologico, ma non solo: con la giusta orientazione la vela può diventare un efficiente sistema di frenaggio. L’utilità starebbe nel riuscire a porre il satellite in un orbita più bassa, facendolo precipitare e disintegrare nell’atmosfera in tempi brevi, mantenendo il controllo. Sfruttando questa possibilità si potrebbe andare oltre: i satelliti CubeSail potrebbero attaccarsi ai vecchi dispositivi ancora in orbita ma non più funzionanti, la cosiddetta spazzatura spaziale, e trascinarli giù facendo pulizia. Per il momento però ci si accontenta che Cube Sail riesca a spiegare la propria vela senza intoppi, una volta in orbita.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit