Text Size
Venerdì, Ottobre 18, 2019
News Astronomia La nuova vita di Hubble, stella nana in arrivo e niente bombe agli asteroidi

Il mistero sulla scoperta del lago di Vostok in Antartide

Nel duemila molti quotidiani italiani, come “Il Corriere della Sera” del 30 gennaio 2000, riferivano che sotto la coltre ghiacciata dell’Antartide era stata rinvenuta il lago di Vostok. Qui alcuni m...

Chip del futuro,il ritorno di Hayabusa e il satellite con la vela

Microchip ancora più piccoli, veloci ed economici. Saranno prodotti entro il prossimo anno, aumentando le prestazioni di computer, automobili e telefonini senza incidere sul prezzo. Tutto questo ...

Le verità nascoste dietro il terremoto in Giappone

Il terremoto che ha colpito il Giappone di magnitudo 8,9 ha provocato un enorme tzunami con onde alte oltre 10 metri e la preoccupante esplosione del reattore N°1 della centrale nucleare di Fukushi...

Il mistero ancora irrisolto del guerriero di Capestrano

Nel lontano settembre del 1934, il signor Michele Castagna sta lavorando la sua terra non lontano da Capestrano, in Abruzzo. L’uomo non immagina di stare per diventare il protagonista di una dell...

Profezia Tempesta Solare

I cerchi nel grano (in inglese crop circles), o agroglifi, sono aree di campi di cereali o coltivazioni simili in cui le piante appaiono appiattite in modo uniforme, formando così varie figure geometr...

La sopravvivenza dell'informazione in un buco nero, il passato violento delle galassie e gli isotopi di xeno rilevati su Marte da Curiosity

L’informazione contenuta in un buco nero potrebbe non essere persa per sempre. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Physical Review Letters secondo cui per un osservatore che si trova al di...

  • Il mistero sulla scoperta del lago di Vostok in Antartide


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Chip del futuro,il ritorno di Hayabusa e il satellite con la vela


    Publish In: News Astronomia
  • Le verità nascoste dietro il terremoto in Giappone


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero ancora irrisolto del guerriero di Capestrano


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Profezia Tempesta Solare


    Publish In: Profezie passate e future
  • La sopravvivenza dell'informazione in un buco nero, il passato violento delle galassie e gli isotopi di xeno rilevati su Marte da Curiosity


    Publish In: News Astronomia

La nuova vita di Hubble, stella nana in arrivo e niente bombe agli asteroidi

Da quando è stato riparato e aggiornato, Hubble è di nuovo in piena forma e già sta affrontando una nuova sfida: osservare migliaia di galassie lontane per ricostruire le prime fasi della loro evoluzione.Per il telescopio orbitante si tratta di un compito meticoloso, che lo impegnerà per un totale di tre mesi e mezzo, diluiti nell’arco dei prossimi tre anni.

E’ la prima volta che si assegna un tempo di osservazione così lungo a un singolo programma di ricerca, ma del resto le galassie da osservare sono veramente tante: ben 250mila. Ma perché andare a osservare galassie così distanti? Sentiamo Adriano Fontana, tra gli astronomi dell’INAF coinvolti nella ricerca:

“La luce impiega miliardi di anni ad arrivare sino a noi da questi oggetti così lontani. Quindi noi stiamo vedendo queste galassie come erano 10-12 miliardi di anni fa.”

Che cosa sta emergendo dalle prime osservazioni di Hubble?

“Le galassie che noi vediamo nei primi dati arrivati da Hubble, e che vedremo molto meglio con i nuovi dati, sono diverse dalle galassie odierne. Sono molto più piccole, hanno una forma irregolare, non ci sono i “disegni” a spirale come la nostra Via Lattea. Queste osservazioni ci permetteranno di capire quali sono i meccanismi e le leggi fisiche che hanno portato alla loro formazione e alla successiva evoluzione e più in generale ci aiuteranno a capire come si è evoluto l’Universo in questi 13 miliardi di anni.”

Guardare lontano per guardare indietro nel tempo: non poteva esserci compito più appropriato per un telescopio spaziale che sta vivendo la sua seconda giovinezza.

NANA IN ARRIVO
Gliese 710 è una stella nana che viaggia alla velocità di 14 km al secondo, puntando proprio verso il Sistema solare. Da non confondere con i fantasiosi spauracchi del 2012, questa stella è nota agli astronomi da almeno un decennio e nonostante si stia effettivamente avvicinando possiamo dormire sonni tranquilli per almeno un altro milione e mezzo di anni. Questo il tempo necessario perché si spinga ad appena 1.3 anni luce dal Sole, ai confini del nostro Sistema nella cosiddetta nube di Oort, dove orbitano miliardi di pezzi di ghiaccio. Secondo le ultime stime, le probabilità che questo succeda sono dell’86%. Le orbite dei pezzi di ghiaccio, cioè dei nuclei di comete della nube di Oort, verrebbero sicuramente disturbate e molti di essi potrebbero venir scagliati anche verso l’interno, in direzione della Terra. Per noi si tratterebbe di conseguenze indesiderate ma non catastrofiche: il rischio di impatto aumenterebbe ma ancora non diventerebbe certezza.

NIENTE BOMBE SULL’ASTEROIDE
Nel caso che un asteroide si diriga minaccioso verso il nostro pianeta, l’ipotesi di correre ai ripari bombardandolo, come succede nel film Armageddon, è sempre meno consigliabile. Negli ultimi anni sono stati proposti vari altri piani di salvezza, più sicuri e probabilmente più efficaci. Ora i risultati di una nuova simulazione al computer allontanano ancora di più il cosiddetto metodo “bombarda e spera” dalla rosa delle soluzioni possibili. La simulazione mostra che un asteroide, una volta fatto esplodere, potrebbe ricomporsi: i singoli pezzi di roccia, infatti, potrebbero risentire della reciproca attrazione gravitazionale e tornare a raggrupparsi. L’asteroide continuerebbe sulla propria strada e noi avremmo fatto tanta fatica per niente.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit