Text Size
Domenica, Agosto 20, 2017
News Astronomia I superlampi, viaggiare alla velocità della luce e gli specchi sulla Luna

Le 10 scoperte del 2010 che cambieranno il nostro futuro

Nel mese di agosto gli astronomi dell’ ESO (European Southern Observatory) hanno scoperto un sistema solare gemello del nostro. Si trova nella costellazione dell’Hydrus a 127 anni luce dalla Terra...

Il mistero dell'antica porta costruita a Naupa Iglesia

Fino a pochi anni fa nessuno sapeva della sua esistenza, eppure è uno dei più affascinanti ed enigmatici siti di tutta l’America precolombiana. Il complesso di Naupa Iglesia (Tempio degli Anti...

Anna Katharina Emmerik, la suora che riusciva a vedere oltre il tempo e la vita

Nata in una famiglia di contadini, quinta di nove figli, divenne domestica e poi sarta prima di entrare nel 1802 nel monastero di Agnetenberg presso Dülmen, insieme alla sua amica Klara Söntgen. An...

119 persone scomparse nel nulla, un villaggio trovato deserto. Il mistero della colonia di Roanoke

Tutto cominciò nel 1584 quando Sir Walter Raleigh reclutò due esperti uomini di mare, Philip Amadas e Arthur Barlowe, per inviarli nel Nuovo Mondo. Il loro incarico consisteva nell’individuare un ...

La ricerca di acqua su Venere da parte della Nasa, il VLT indaga la nebulosa Testa di Drago ed il sofisticatissimo osservatorio orbitante nei raggi X previsto per il 2028

E’ passata solo una settimana dal lancio di MAVEN, la nuova sonda che orbiterà fra nove mesi attorno a Marte, e la NASA ha già mandato in orbita un razzo per studiare l’atmosfera di Venere. Si chiam...

L'enigma della nascita delle supernovae Ia,il pianeta che orbita al Sole simile al nostro e la nascita delle stelle di Cignus x

Scontro esplosivo Dopo oltre 40 anni, è forse risolto il mistero delle supernovae di tipo Ia. Sino ad ora c’erano  molti dubbi sull’origine di queste esplosioni stellari. Secondo il modello teoric...

  • Le 10 scoperte del 2010 che cambieranno il nostro futuro


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero dell'antica porta costruita a Naupa Iglesia


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Anna Katharina Emmerik, la suora che riusciva a vedere oltre il tempo e la vita


    Publish In: Profezie passate e future
  • 119 persone scomparse nel nulla, un villaggio trovato deserto. Il mistero della colonia di Roanoke


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La ricerca di acqua su Venere da parte della Nasa, il VLT indaga la nebulosa Testa di Drago ed il sofisticatissimo osservatorio orbitante nei raggi X previsto per il 2028


    Publish In: News Astronomia
  • L'enigma della nascita delle supernovae Ia,il pianeta che orbita al Sole simile al nostro e la nascita delle stelle di Cignus x


    Publish In: News Astronomia

I superlampi, viaggiare alla velocità della luce e gli specchi sulla Luna

Sono super lampi centinaia di volte più intensi dei comuni fulmini. Appaiono sopra le zone equatoriali e possono essere un disturbo per gli aerei. La loro esistenza è nota da 16 anni, ma solo oggi siamo riusciti a determinarne la potenza. Merito delle osservazioni compiute da AGILE, il satellite italiano nato per osservare i fenomeni ad alta energia dello spazio profondo. Gli strumenti di AGILE sono infatti in grado di cogliere in pochi attimi anche la comparsa di emissioni energetiche sul nostro pianeta. Proprio come nel caso dei super lampi, scariche di radiazione gamma che appaiono sopra il cielo dell’equatore.

Ancora in discussione la loro origine, anche se non mancano le ipotesi, come ci dice Paolo Giommi, Direttore del Centro Dati dell’Agenzia Spaziale Italiana:

“Quello che mi viene in mente è che nelle zone tropicali ed equatoriali ci sono delle forti correnti ascensionali che a volte possono fare in modo che le nubi si spostino molto velocemente una dall’altra, generando differenze di potenziale dell’ordine dei cento milioni di volt. Questa enorme differenza di potenziale può accelerare delle particelle come gli elettroni, i quali, così accelerati,possono produrre i lampi di radiazione gamma.”

Queste scariche possono rappresentare un disturbo per gli aerei. Parlare di pericolo è eccessivo, ma il fenomeno va conosciuto più a fondo, come sottolinea Marco Tavani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, Responsabile scientifico di AGILE:

“Ovviamente c’è uno studio in corso, però abbiamo varie pubblicazioni in cui stiamo ponendo all’attenzione mondiale questo problema, che deve essere studiato molto più a fondo. In futuro si potrebbe arrivare a dare un allerta di quando e dove avverranno i superlampi, in modo che gli aerei possano cercare di girare intorno ai temporali che li generano.”

LA VELOCITÀ UCCIDE

Viaggiare nello spazio a velocità prossime a quella della luce, come fanno ad esempio le astronavi di Star Trek, potrebbe essere decisamente poco confortevole. Anzi, secondo William Edelstein della facoltà di Medicina dell’Università Johns Hopkins, negli Stati Uniti, sarebbe un’esperienza mortale. Tutta colpa degli atomi di idrogeno presenti nello spazio interstellare. Ce ne sono meno di due per centimetro cubo, davvero pochi se confrontati con i miliardi di miliardi presenti nello stesso volume di aria che respiriamo. Considerando però che alle velocità ipotizzate bisogna tirare in ballo la teoria della relatività di Einstein, anche questa bassissima densità di atomi diventa un grosso problema. La relatività speciale prevede che per un viaggiatore che si muove a velocità fantascientifiche, gli atomi dello spazio interstellare risulterebbero alquanto più addensati e la navicella in movimento ne sarebbe letteralmente bombardata. Sarebbe come stare dentro ai condotti di LHC, l’acceleratore di particelle di Ginevra, a farsi investire dai fasci di protoni. Significherebbe essere esposti a una quantità di radiazione che supera di 10'000 volte la soglia letale per l’organismo umano. Neanche lo scafo dell’astronave potrebbe proteggere l’equipaggio, quindi…meglio andarci piano.


POLVERE SUGLI SPECCHI

Gli specchi sulla Luna non riflettono più come dovrebbero. Ma perché ci sono degli specchi e chi li ha messi? Sono lì da circa 40 anni, posizionati dagli astronauti delle missioni Apollo 11, 14 e 15 e da due missioni robotiche russe. Servono per effettuare misure e test. Gli specchi sulla Luna sono in realtà dei bersagli verso cui puntare dei fasci laser. Un raggio viene sparato da terra, raggiunge lo specchio che lo riflette e lo spedisce indietro. Misurando il tempo impiegato, è possibile calcolare la distanza Terra-Luna con estrema precisione, ma si fanno anche misure di altro genere, mirate ad esempio a testare la validità della teoria della relatività generale. Il problema è che negli ultimi tempi l’efficienza della riflessione è diminuita: è probabile che sopra gli specchi sia andata a depositarsi della polvere. Sulla Luna non c’è atmosfera e quindi la colpa non è del vento, ma dei piccoli meteoriti che tuttora colpiscono la superficie, sollevando la polvere. Questa si conferma un problema, specie se in futuro verranno piazzati sulla Luna nuovi strumenti.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit