Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
News Astronomia I diamanti di Urano e Nettuno, le due lune gemelle e l'asteroide non intercettato

Il triangolo maledetto

Il triangolo delle Bermude, o meno correttamente delle Bermuda, è una zona di mare di forma per l'appunto triangolare. In questa vasta zona di mare, di circa 2.500.000 km2, si sarebbero verificati dal...

Lo studio degli anelli sulla Luna,dubbi e incertezze sull'energia oscura e la doppià velocità della pulsar PSR B0943+10

Sulla Luna c’è un enorme bacino, formatosi circa 3.8 miliardi di anni fa, caratterizzato da una forma ad anelli concentrici. Si chiama Mare Orientale, e utilizzando i dati provenienti dalla missione...

Ritrovato il calendario Maya più antico finora scoperto e non mancano le sorprese

Non poteva arrivare che nel 2012 la scoperta del più antico calendario Maya: è una stanza dipinta all'interno di un tempio scoperta in Guatemala, nel complesso archeologico di Xultun. La scoper...

Il misterioso libro di Oera Linda sui fatti della Terra di 4000 anni fa

Nel 1876 compare a Londra un libro sconvolgente dal titolo Libro di Oera Linda”, ...

Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS

18 maggio 2011 durante l'arrivo dell' Endeavour alla stazione spaziale internazionale sono apparsi tre oggetti sconosciuti. Gli ordini di Ground Control 'Endeavour si prega di mettere in pausa la...

Energy Catalyzer, il primo reattore a reazione nucleare debole che potrà cambiare il Mondo

Sono diversi anni che si sente parlare della possibilità di ottenere energia da fusione nucleare fredda, le prime segnalazioni non confermate di esperimenti simili risalgono al 1989 ad opera degli sci...

  • Il triangolo maledetto


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Lo studio degli anelli sulla Luna,dubbi e incertezze sull'energia oscura e la doppià velocità della pulsar PSR B0943+10


    Publish In: News Astronomia
  • Ritrovato il calendario Maya più antico finora scoperto e non mancano le sorprese


    Publish In: Profezie passate e future
  • Il misterioso libro di Oera Linda sui fatti della Terra di 4000 anni fa


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS


    Publish In: Le Prove
  • Energy Catalyzer, il primo reattore a reazione nucleare debole che potrà cambiare il Mondo


    Publish In: Scienza e Futuro

I diamanti di Urano e Nettuno, le due lune gemelle e l'asteroide non intercettato

Diamanti e ancora diamanti, piccoli e grandi, che galleggiano su un oceano di carbonio liquido. Uno scenario da sogno che potrebbe trovarsi all’interno di Urano e Nettuno. Uno scenario ipotizzato dopo i risultati ottenuti da un esperimento nato per studiare il comportamento dei diamanti in condizioni ambientali estreme, con pressioni 40 milioni di volte maggiori di quella a livello del mare.

Le stesse condizioni ricreate dall’esperimento si trovano all’interno dei pianeti giganti gassosi: come nel caso di Urano e Nettuno, grandi sfere di gas il cui nucleo, secondo i modelli attuali, sarebbe solido e avvolto da un mantello di ghiaccio d’acqua, ammoniaca e metano. Per alcuni però, è più probabile che vi sia un nucleo liquido di carbonio, sottoposto alle enormi pressioni dovute al peso degli strati gassosi sovrastanti.

L’esperimento ha dimostrato che in questo caso possono formarsi diamanti di ogni misura, da piccoli a giganti, che galleggiano sul carbonio liquido come fanno gli iceberg sull’acqua. Difficile non cedere alla tentazionedi metterci le mani sopra: ma, ammesso che i diamanti ci siano davvero e che si riesca a giungere su Urano e Nettuno in tempi ragionevoli, come fare a scendere così in profondità? E come resistere a temperature di centinaia di migliaia di gradi e a pressioni che stritolerebbero una portaerei? La risposta ai futuri cacciatori di tesori.

GEMELLE MA NON TROPPO

Fra le oltre 60 lune del pianeta Giove, Ganimede e Callisto sono le più grandi e, a giudicare dalle apparenze, sembrerebbero quasi gemelle. In realtà qualcosa le rende diverse: la struttura interna. Entrambe sono composte di ghiaccio e roccia, ma mentre Ganimede ha un nucleo roccioso circondato da uno spesso strato di ghiaccio, in Callisto questi due ingredienti si presentano sempre mescolati. Fra le possibili spiegazioni ce n’è una recente che sembrerebbe portare sulla giusta strada. Se i due satelliti hanno strutture interne diverse, la colpa sarebbe delle comete. Fra i due, Ganimede è il più vicino a Giove, una vicinanza scomoda soprattutto in passato, quasi 4 miliardi di anni fa, quando il sistema solare era turbolento. Comete e asteroidi, gravitazionalmente attratti da Giove, avrebbero bombardato più intensamente Ganimede che Callisto. La violenza degli impatti avrebbe fatto sciogliere di volta in volta il ghiaccio in piccole regioni appena sotto la superficie. Sul fondo di queste pozze si sarebbero accumulati i frammenti di roccia che poi si sarebbero compattati. Nel corso di migliaia di anni queste rocce, più pesanti rispetto al mix ghiacciato circostante, sarebbero sprofondate verso il centro andando a formare il nucleo.

ASTEROIDI A SORPRESA
Mentre la NASA lamenta di non ricevere abbastanza soldi per monitorare come dovrebbe gli asteroidi nelle vicinanze del nostro pianeta, proprio uno di questi compare quasi all’improvviso riproponendo il problema. Lo scorso 13 gennaio un asteroide di 10 metri è passato vicino alla Terra, arrivando a una distanza pari ad un terzo di quella che ci separa dalla Luna. Troppo piccolo per essere pericoloso: anche se fosse precipitato si sarebbe disintegrato in atmosfera. Il punto è un altro: è stato avvistato appena 3 giorni prima del suo massimo avvicinamento. Questo perché segue un’orbita insolita che sembra essere stata disegnata apposta per sfuggire alle eosservazioni e coglierci di sorpresa. Potrebbero esserci altri asteroidi su orbite simili e per questo molto difficili da individuare.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit