Text Size
Lunedì, Ottobre 14, 2019
News Astronomia Tutti insieme a guardare Giove, altre prove di vita su Marte

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide su...

Venere è ancora attivo, la tempesta geomagnetica causata dal Sole e la missione Rover sulla Luna

Venere non si è spento ma è rimasto attivo. La notizia ci giunge dalla Venus Express, la sonda europea che da anni sta orbitando attorno al pianeta. Grazie al suo strumento Virtis, realizzato in ...

Teorie sul passato, presente e futuro dell'Universo dal Big Bang ad oggi

Ancora oggi, nonostante le nuove tecnologie, i cosmologi, non sanno ancora come cominciò l'Universo. Il Big Bang potrebbe esserne il vero inizio o semplicemente una violenta transizione da uno stato p...

Se le tensioni internazionali arrivano nello spazio

Durante la Guerra Fredda, Stati Uniti e Unione Sovietica strinsero una sorta di accordo informale di non belligeranza per i satelliti in orbita geostazionaria, fondamentali per le previsioni del tem...

Le prime fibre luminescenti perfettamente integrabili nei tessuti

Un nuovo tipo di fibre luminescenti perfettamente integrabili nei tessuti e prodotte con una tecnica scalabile a livello industriale è stato realizzato da un gruppo di ricercatori della Fundan Uni...

Secondo Seth Shostak, astronomo del Seti, “Potremmo trovare la vita aliena, ma i politici non vogliono”

La vita aliena, per il momento, può essere osservata solo in televisione e al cinema, invece che nello spazio. Tuttavia, ci sono molti ricercatori che pensano che la vita nel cosmo sia dilagant...

  • La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Venere è ancora attivo, la tempesta geomagnetica causata dal Sole e la missione Rover sulla Luna


    Publish In: News Astronomia
  • Teorie sul passato, presente e futuro dell'Universo dal Big Bang ad oggi


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Se le tensioni internazionali arrivano nello spazio


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le prime fibre luminescenti perfettamente integrabili nei tessuti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Secondo Seth Shostak, astronomo del Seti, “Potremmo trovare la vita aliena, ma i politici non vogliono”


    Publish In: Uomini e Misteri

Tutti insieme a guardare Giove, altre prove di vita su Marte

Domenica scorsa Padova ha vissuto un pomeriggio all’insegna delle stelle. Mentre nell’aula Magna dell’Università 200 astronomi provenienti da 45 Paesi diversi dichiaravano chiuso l’ Anno Internazionale dell’Astronomia, nella grande piazza di Prato della Valle oltre 1000 persone hanno potuto osservare Giove ed i suoi satelliti, così come fece Galileo nel gennaio del 1610.

Oltre 20 i telescopi amatoriali di varie dimensioni montati dagli astrofili padovani, con la presenza di astronomi professionisti dell’INAF - Istituto Nazionale di Astrofisica. Noi eravamo tra il pubblico e abbiamo raccolto le emozioni suscitate dall’evento.

TRE SOSPETTI FANNO UNA PROVA
Dapprima c’era un meteorite marziano che sembrava nascondere tracce di elementari forme di vita. Era un sospetto. Poi i meteoriti con queste caratteristiche sono diventati due, e il sospetto è diventato un indizio. Ma da quando le stesse tracce sono state trovate anche in un altro meteorite, l’indizio potrebbe diventare una prova. Avevamo parlato qualche tempo fa di uno di questi souvenir precipitati sulla Terra. E’ stato trovato in Antartide a metà degli anni ’80 e la sua composizione ne ha rivelato provenienza: è un pezzo di roccia sbalzato via dal pianeta Marte nel momento in cui, a sua volta, sarebbe stato colpito da un altro meteorite. Analizzandolo sono state trovate sostanze chimiche che potrebbero essere il prodotto di una passata attività biologica, anche se ci sono altre ipotesi.

Ora, le analisi fatte su altri due meteoriti, sempre di provenienza marziana, mostrano che sono presenti le stesse tracce. Sono tutti fossili del sistema solare, risalenti all’epoca in cui Marte era più caldo e umido e aveva un’atmosfera più spessa. Era lo stesso periodo in cui le prime semplici forme di vita cominciavano ad apparire sulla Terra. Nel corso del 2010, grazie a strumenti di ultima generazione, le analisi su questi tre diversi oggetti, permetteranno di stabilire una volta per tutte se su Marte ci sia stata vita. In caso di risposta positiva, le implicazioni saranno notevoli e influenzeranno anche i piani per il futuro dell’esplorazione spaziale.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit