Text Size
Lunedì, Settembre 16, 2019
News Astronomia Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio

Metà dei pianeti giganti scoperti da Kepler sono stelle,gli ingredienti per costruire un'altra Terra e l'apertura del radiotelescopio SRT

Il dubbio era nell’aria. Tanto che gli astronomi, nei casi incerti, anteponevano sempre la precisazione “candidati”, quando di volta in volta annunciavano un incremento del numero di pianeti extra...

Il misterioso ufo in modalità invisibile filmato a Tulum in Messico

Un Ufo in modalità invisibile è stato filmato a Tulum, in Messico vicino all'antico castello. L'avvistamento in questione è avvenuto in modo singolare in quanto due turisti, che stavano visitando il...

L'enigma dell'antico manufatto ritrovato in Egitto che mostra gli avanzati livelli tenologici del passato

Negli ultimi anni, numerose scoperte di enigmatici artefatti hanno portato un numero sempre crescente di studiosi a sostenere che gli antichi egizi erano forniti di conoscenze tecnologiche molto p...

Il poderoso vento emesso dal buco nero supermassivo al centro della galassia, la stella che attraversò il Sistema Solare ed il sottomarino futuristico della Nasa per Titano

Un vento poderoso fuoriesce incessantemente dal buco nero supermassiccio di una galassia, il quasar denominato PDS 456. A studiarne le proprietà con un dettaglio mai raggiunto prima è stato il te...

La Stella con i pianeti più vecchi finora scoperti, il tornado di Marte ed il sorvolo della Cassini sulla Luna ghiacciata Encelado

Pianeti così vecchi che non dovrebbero esistere. Eppure li abbiamo scoperti: sono due giganti gassosi che orbitano attorno a una stella della nostra galassia. Una stella antica, visto che la sua et...

La misteriosa orma (umana?)di 600 milioni di anni fa

Nell'estate del 1968, William J. Meister, stava cercando fossili per la sua collezione vicino ad Antelope Spring, 43 miglia da ovest di Delta, Utah. Era accompagnato da sua moglie e due figlie, e da ...

  • Metà dei pianeti giganti scoperti da Kepler sono stelle,gli ingredienti per costruire un'altra Terra e l'apertura del radiotelescopio SRT


    Publish In: News Astronomia
  • Il misterioso ufo in modalità invisibile filmato a Tulum in Messico


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma dell'antico manufatto ritrovato in Egitto che mostra gli avanzati livelli tenologici del passato


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il poderoso vento emesso dal buco nero supermassivo al centro della galassia, la stella che attraversò il Sistema Solare ed il sottomarino futuristico della Nasa per Titano


    Publish In: News Astronomia
  • La Stella con i pianeti più vecchi finora scoperti, il tornado di Marte ed il sorvolo della Cassini sulla Luna ghiacciata Encelado


    Publish In: News Astronomia
  • La misteriosa orma (umana?)di 600 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio

Riempito di spazzatura e lasciato bruciare nel suo rientro in atmosfera. E’ stata questa la fine del cargo giapponese della serie HTV: una fine ingloriosa solo in apparenza perché in realtà tutto si è svolto come da programma, segnando un successo storico per l’Agenzia Spaziale Giapponese.



Il cargo era stato lanciato a settembre con il compito di rifornire la Stazione Spaziale Internazionale: per questo era pieno di provviste, computer e attrezzature per nuovi esperimenti ed osservazioni. Come i sensori per misurare l’influenza delle attività umane sullo strato di ozono. Uno volta agganciato il cargo alla Stazione, gli astronauti lo hanno svuotato della preziosa merce, per riempirlo con la loro spazzatura, sganciarlo e lasciarlo scendere di quota, sino a quando si è disintegrato nel rientro in atmosfera.


Il successo della missione è motivo di orgoglio per il Giappone ma è anche una buona notizia per la Stazione Spaziale: per il suo rifornimento le navette europee e russe non bastano perché hanno limiti di carico, mentre gli shuttle andranno in pensione il prossimo anno. Toccherà quindi ai cargo del Sol Levante svolgere il compito di rifornitori primari, al ritmo di almeno uno all’anno, in attesa che vengano realizzate, collaudate e lanciate le nuove navette americane.



CURIOSARE SU MARTE
Dopo Spirit e Opportunity, sarà la volta di Curiosity: la partenza è prevista per il 2011, la destinazione è il pianeta Marte. Curiosity è un vero e proprio laboratorio con le ruote, le sue dimensioni sono paragonabili a quelle di una macchina e supera in grandezza i due rover gemelli che sono sul pianeta rosso dal 2004. La curiosità di Curiosity sarà davvero senza scrupoli: il rover non si limiterà a spolverare le rocce per studiarle, ma ne vaporizzerà alcune con il suo potente raggio laser, raccoglierà campioni da analizzare sul posto e scatterà foto ad alta risoluzione. Il principale compito di Curiosity sarà cercare tracce di molecole organiche per capire una volta per tutte se Marte sia, o sia stato in passato, un ambiente adatto ad ospitare la vita. A differenza di Spirit e Opportunity, questo nuovo rover disporrà di un maggior numero di strumenti e di un braccio meccanico molto più potente, ma la vera novità è un’altra. Curiosity non avrà pannelli solari quindi non dovrà temere che vengano ricoperti di polvere con conseguente diminuzione dell’energia, l’alimentazione sarà di tipo nucleare e garantirà quindi più potenza con maggiore continuità.


Segnali dallo spazio
A partire dagli anni ’80 i radiotelescopi hanno registrato 13 segnali radio alquanto anomali perché provenienti da regioni apparentemente vuote dello spazio, dove non ci sono galassie né singole stelle. Nel tentativo di identificare le oscure presenze responsabili di queste emissioni, i ricercatori hanno individuato una possibile spiegazione. Potrebbe trattarsi di un particolare tipo di stelle, le stelle di neutroni, che nella grande maggioranza dei casi non risultano visibili. Si stima che nella nostra galassia ce ne siano circa 1 miliardo e nell’ipotesi che le più vicine emettano un segnale radio quando assorbono del gas interstellare, i conti tornerebbero. Per avere la certezza di aver smascherato questi fantasmi dello spazio si pensa già di servirsi del telescopio spaziale Chandra: se quei punti da cui provengono i segnali radio fanno registrare anche emissione di radiazione X, tipica delle stelle di neutroni, le ipotesi troverebbero conferma.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit